[Treddo unico] - Presunti brogli Elezioni USA 2020 - VOLUME 2 - Pagina 41
Stellantis conquista anche Wall Street, il ceo Tavares traccia la via. E gli analisti vedono titolo toccare vette ambiziose
Stellantis debutta anche a Wall Street dopo la calda accoglienza ieri e oggi a Milano e Parigi
Da BNP Paribas una nuova gamma di Certificate Airbag Cash Collect su panieri di azioni
BNP Paribas annuncia l?emissione di una nuova serie di Certificate Airbag Cash Collect su panieri di azioni, con potenziali premi annui compresi tra il 7% e il 17,2% pagati su base trimestrale e scadenza …
Oro torna sotto osservazione: stime vedono lingotto proiettato a quota 2.340$ a fine 2021
Sui mercati si torna a guardare all'oro, soprattutto come 'copertura contro le incertezze'. In attesa dell'avvio ormai imminente di Wall Street, le quotazione del metallo giallo sono in ascesa, con …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #401
    L'avatar di Alice88
    Data Registrazione
    Jun 2002
    Messaggi
    33,402
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    8848 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Citazione Originariamente Scritto da toca79 Visualizza Messaggio
    Si ero a conoscenza della situazione, Trump ha fatto un errore colossale non spingendo abbastanza per modificarla.
    Purtroppo temo che Trump non riuscirà a ribaltare la situazione anche se, a mio avviso, i brogli ci sono stati, speriamo almeno che da tutto questo casino venga fuori qualcosa di buono, una riforma del sistema elettorale e una modifica della section 230
    Ma figurati. Non hai letto che sono state "le elezioni piu' sicure della storia" ?!!
    Non sanno neanche da che parte partire. In una quantità di stati hanno meno voti da contare del Piemonte e non ci riescono !!
    Tutta l'informazione è compatta nel nascondere e mentire come neanche nell'ex URSS e dico alla lettera : giornali, TV, social. CNN o AP scrivono una cosa e tutto il mondo la riprende...

    Io sono molto, ma molto preoccupata. Non tocca solo gli USA, tocca tutto il mondo.
    E' una prova di forza per dire, non sei allineato, ti facciamo fuori e essendo a soli 2 mesi dalla scadenza del mandato non ha il tempo per cercare neanche di arginare un po' questa cosa scellerata.

  2. #402
    L'avatar di Alice88
    Data Registrazione
    Jun 2002
    Messaggi
    33,402
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    8848 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    @fallugia

    Da quel che hai postato tu :
    "Perché chi dentro il partito osa ammettere che queste elezioni sono state vinte da Biden riceve montagne di insulti e minacce di morte, per sé e per la propria famiglia (persino Tucker Carlson si è sentito dare del traditore e del venduto)."

    Ti dico solo una cosa : è esattamente il contrario, sono i DEM e i loro accoliti ANTIFA, BLM, e altri che minacciano.

  3. #403
    L'avatar di Fr@nco
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    63,175
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    7592 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da Alice88 Visualizza Messaggio
    Ho postato un video al riguardo. C'è il Sen. Cruz e uno della House che stanno interrogando Zuckerberg e Jack Dorsey.
    Se sono piattaforme non possono segnalare/censurare messaggi, altrimenti si dichiarino editori e allora, è tutta un'altra cosa ma intanto li spezzetti per via delle leggi sul monopolio.

    Guarda in questo video a 2 min. dalla fine circa, Dorsey come mente:
    E' stato interrogato dalla commissione senatoriale sul perché ha bloccato il sito del New York Post per un articolo su Hunter Biden.
    Dice... che è stato un errore ... che ha corretto dopo 24 ore, invece ha riabilitato il sito solo 15 giorni dopo.

    Prova a fare un salto in AC.

    Belanda è ansioso di scambiare quatto parole con te

  4. #404
    L'avatar di gouf
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Messaggi
    43,762
    Mentioned
    27 Post(s)
    Quoted
    9274 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Fallugia ha ragione al 1000 per mille...

  5. #405

    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    9,518
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    4227 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da fallugia Visualizza Messaggio
    L'autore è Costa vicedirettore del Post il piu' autorevole giornale on line in Italia...
    Chi sia sto Costa non lo so ma per le boiate pazzesche che scrive e l'ignoranza che comunica si presenta come un disperato della ciarlataneria da un cent.

    L'altra volta ha vinto con sorpresa il con art e per quattro anni, in testa l'fbi, hanno fatto rincretinire con la strampalata e buffonesca invenzione del russiagate trattando tutti come ******.
    Stavolta hanno fatto le cose per bene, con un milione di voti farlocchi ben confezionati hanno eletto il fantoccio voluto dalla plutocrazia. Perciò guai a chi parli di brogli.
    Il con art da parte sua ha perso molti voti bianchi in aree cruciali, di ciò dovrebbe crucciarsi, per aver favorito il trucco.
    Ora non gli resta che inscenare un poco di teatro per favorire qualche speculazione di amici.
    È probabile che in Cina il voto sia più democratico.

  6. #406
    L'avatar di Homo_Matematicus
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Messaggi
    659
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    794 Post(s)
    Potenza rep
    18193939
    Per fare il punto dell'attuale stato delle cose, secondo me si potrebbe riassumere così:

    Dipende tutto da cosa hanno effettivamente in mano gli avvocati di Trump. Se stanno bluffando ha ragione la CNN e Trump si poteva evitare la brutta figura. Se invece possono dimostrare l'eventuale esistenza di brogli informatizzati, il fatto riguarderebbe una trentina di stati e si aprirebbe un nuovo fronte completamente diverso dai riconteggi statali che hanno dominato l'attenzione nei giorni scorsi.

    Quale dei due scenari sia quello vero non possiamo saperlo, bisogna solo aspettare.

  7. #407
    L'avatar di Alice88
    Data Registrazione
    Jun 2002
    Messaggi
    33,402
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    8848 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Citazione Originariamente Scritto da Kovalsky Visualizza Messaggio
    Chi sia sto Costa non lo so ma per le boiate pazzesche che scrive e l'ignoranza che comunica si presenta come un disperato della ciarlataneria da un cent.

    L'altra volta ha vinto con sorpresa il con art e per quattro anni, in testa l'fbi, hanno fatto rincretinire con la strampalata e buffonesca invenzione del russiagate trattando tutti come ******.
    Stavolta hanno fatto le cose per bene, con un milione di voti farlocchi ben confezionati hanno eletto il fantoccio voluto dalla plutocrazia. Perciò guai a chi parli di brogli.
    Il con art da parte sua ha perso molti voti bianchi in aree cruciali, di ciò dovrebbe crucciarsi, per aver favorito il trucco.
    Ora non gli resta che inscenare un poco di teatro per favorire qualche speculazione di amici.
    È probabile che in Cina il voto sia più democratico.
    E' questa la cosa che piu' mi preoccupa. La totale unidirezionalità dei media grazie alla quale possono fare ciò che stanno facendo andando anche contro a minimo la metà della popolazione.

    Citazione Originariamente Scritto da Homo_Matematicus Visualizza Messaggio
    Per fare il punto dell'attuale stato delle cose, secondo me si potrebbe riassumere così:

    Dipende tutto da cosa hanno effettivamente in mano gli avvocati di Trump. Se stanno bluffando ha ragione la CNN e Trump si poteva evitare la brutta figura. Se invece possono dimostrare l'eventuale esistenza di brogli informatizzati, il fatto riguarderebbe una trentina di stati e si aprirebbe un nuovo fronte completamente diverso dai riconteggi statali che hanno dominato l'attenzione nei giorni scorsi.

    Quale dei due scenari sia quello vero non possiamo saperlo, bisogna solo aspettare.
    Ma sai, non è che nell'URSS le prove contassero qualcosa, te le respingevano con una scusa qualunque e ti spedivano in Siberia !

  8. #408
    L'avatar di torre1
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    35,443
    Blog Entries
    8
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    3446 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Tazuo Visualizza Messaggio
    Bhè questo non lo sappiamo ne io ne te certo che se Trump non ha in mano nulla rischia una figura di ***** epocale dopo tutta questa cagnara allora il dubbio che abbia in mano qualcosa di grosso da tirare fuori al momento opportuno c'è.Se è solo un bluff sarebbe estremamente stupido.
    Il peggiore nemico di un narcisista è il narcisista stesso ...... il personaggio è diventato quello che è giocando con poste e rischi molto alti, non mi sorprenderebbe se avesse tentato un bluff, il problema è che a differenza dei tavoli da poker il bluff qui te lo vanno a vedere subito ......

    Citazione Originariamente Scritto da pulviscolo Visualizza Messaggio
    Prima erano i voti per posta
    Poi i sistemi informativi del voto chavatisti
    Poi la non certificazione del voto
    Poi la nomina di grandi elettori contro la volontà popolare

    Pian piano si svela un piano degno di Al sisi e edogan
    Ma anche qui, alla fine, si scopre che il colpevole è il maggiordomo ?

    Citazione Originariamente Scritto da Haganah Visualizza Messaggio
    la cosa che piu mi intristisce è la caduta di un mio idolo....rudolph giuliani....
    Idolo forse è una parola grossa, ma era uno dei repubblicani a cui davo più credito ...... davo ........

  9. #409

    Data Registrazione
    Aug 2000
    Messaggi
    261
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    65 Post(s)
    Potenza rep
    16388831
    La situazione mondiale attuale e’ un filo che lega: Elezioni in Usa- Covid 19–Immigrazione – Guerra alla Famiglia, alla Societa’ Civile, alla Religione. E’ una situazione tenebrosa , che attende il grande evento .

    Il globalista Klaus Schwab è un ingegnere ed economista tedesco. E’ nato in Germania 82 anni fa , professore di economia politica all’Università di Ginevra, è il fondatore e attuale direttore esecutivo del World Economic Forum, detto anche “Forum di Davos”. Fa parte delle Elite, quelle che vogliono cambiare il mondo , in una sua recente conferenza pubblica ha annunciato : “……una Quarta Rivoluzione Industriale e un futuro esaltante con le attuali tecnologie che diverranno parte di noi, computer indossabili e cuffie per la realtà virtuale saranno impiantate nel nostro cervello, microchip attivi impiantabili . Sarà la fusione della nostra identità fisica, biologica e digitale. Le forze dell’ordine e i tribunali potranno recuperare i ricordi dal cervello delle persone. Attraversando un confine nazionale si potrebbe un giorno richiedere una scansione cerebrale dettagliata, per valutare il rischio di un individuo per l’ordine pubblico……”.
    continua : ” …..Questo progetto è anzitutto la pretesa di fare l’uomo nuovo, fabbricarlo a forza di tecnica e vaccini, insomma il rigetto più radicale della creazione. Tanto radicale che non c’è nemmeno bisogno di nominarlo. Non abbiamo bisogno di lui (Dio), ci facciamo da noi stessi e meglio, con gli inserti cerebrali e cambiandoci geneticamente. …..“

    Tutte queste cose sono spiegate nel suo libro recente : ”Shaping the future of the Fourth Industrial Revolution” un libro che ha ottenuto un particolare successo di vendita in Cina , Sud Corea e Giappone.

    Il Lockdown e’ una strategia studiata a tavolino dai potenti per resettare il mondo per volere del WEF (World Economic Forum) e’ una fondazione senza fini di lucro con sede a Cologny vicino a Ginevra (Svizzera ) nata nel 1971 per iniziativa di Klaus Schwab. I soldi provengono dal FMI (Fondo Monetario Internazionale)

    IL COVID 19 e’ stata una manna per le Elite. Fruttera’ molti soldi e ha ridotto in catene e poverta’ i popoli. Fara’ in modo che tutti siano controllati , modello dittatura cinese, ha distrutto gli stati nazionali. Utile a massoni satanisti di Elite , che vogliono eliminare i popoli cattolici. La falsa sinistra e’ al servizio della finanza internazionale anglo-sionista e combatte i nazionalisti e patrioti .

    La Quarta Rivoluzione Industriale, The Great Reset, prevede l’abolizione del turismo internazionale, la riduzione degli spostamenti che consumano carburante , tele-lavoro, scuola a distanza, digitalizzazione totale degli scambi. Ciò che i Padroni chiamano ”contact-free economy”. I paesi turistici sono quelli che vengono stroncati deliberatamente : Italia, Spagna, Grecia, Francia. Ristoratori, albergatori, personale delle fiere, non c’è più lavoro per loro.

    Donald Trump e’ sotto attacco da parte di 2 Stati Ombra noti all’interno degli Usa:
    .. il raggruppamento dei Servizi Segreti da una parte comprendono CIA –NSA- NGA- FBI , sotto il nome di Shadow Government
    .. le maggiori corporation con i lobbisti che foraggiano il congresso e il Deep State : Big Oil, Big Pharma, Big Media,Arms Industry, Silicon Valley , Big Bank

    Se Biden diventasse Presidente degli Usa sarebbe la fine dell’Europa , che puo’ contare solo su Trump e Putin.

  10. #410
    L'avatar di Avio
    Data Registrazione
    Jul 2001
    Messaggi
    80,834
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    14151 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da fallugia Visualizza Messaggio
    L'autore è Costa vicedirettore del Post il piu' autorevole giornale on line in Italia

    Da Costa a Costa S04E47
    Seguire la politica americana insegna anche a non usare il mascara per coprire i capelli bianchi, e questo è Da Costa a Costa.


    Nella competizione per scegliere l’immagine che rappresentasse in modo più iconico la caduta di Donald Trump, sembrava che niente potesse superare l’incredibile scena di due settimane fa a Philadelphia, quando il “team di avvocati” del presidente uscente – di fatto Rudy Giuliani e un pugno di scappati di casa – aveva organizzato una conferenza stampa nel parcheggio di un negozio di giardinaggio, stretto fra un sexy shop e un forno crematorio, scelto forse perché il nome ricordava quello di una famosa catena di alberghi di lusso. Ve lo ricordate? Four Seasons Total Landscaping.

    Questa settimana abbiamo dovuto ricrederci.

    Giovedì mattina, dentro l’affollata sala stampa della sede del Partito Repubblicano a Washington DC, Rudy Giuliani si è di nuovo presentato davanti ai giornalisti; con lui c’era un’altra avvocata, Sydney Powell. Ancora una volta, Giuliani ha denunciato con parole molto dure quella che descrive come una vasta ed elaborata operazione di frode elettorale, che avrebbe coinvolto addirittura milioni di voti; ancora una volta, Giuliani non è riuscito a fare nemmeno un esempio concreto di come sarebbe avvenuta questa frode. “Schede votate in massa da poche persone”, “voti illegali”, “errori nei conteggi”, “macchinari malfunzionanti", "software manomessi”: ok, ma chi lo avrebbe fatto, e come? Ci sono delle prove? Ancora una volta non è stato presentato un solo esempio di queste truffe, né un solo testimone.

    Mentre esponeva i suoi argomenti in modo sconclusionato – a un certo punto ha urlato «FBI, dove sei?!» – Giuliani sudava copiosamente. Quando si fermava per ascoltare le domande dei giornalisti, aveva il fiatone. A un certo punto il sudore ha cominciato a colargli sul viso, colorato di nero.

    Qualcuno ha ipotizzato che fosse tintura per capelli, ma la tintura non si scioglie col sudore. Il New York Times ha chiesto agli esperti: probabilmente era mascara.

    Dopo di lui, l’avvocata Powell ha dato effettivamente qualche dettaglio: ha detto che l’intera operazione è stata portata avanti «con soldi dei comunisti», progettata dal defunto Hugo Chavéz, organizzata in combutta dal Venezuela, da Cuba, dalla Cina, da George Soros e dalla fondazione Clinton, ed eseguita grazie a un algoritmo dentro un fantomatico “super computer” in grado di cambiare istantaneamente il risultato in ogni stato americano. Prima della conferenza stampa, Powell aveva detto che i veri risultati elettorali erano stati inviati nella sede tedesca di una società spagnola il cui server sarebbe stato poi sequestrato dall’esercito americano. Non preoccupatevi di capire l'ultima frase: è tutto – tutto – inventato di sana pianta.

    Nel frattempo le cause legali presentate in giro per gli Stati Uniti dal comitato Trump continuano a essere rigettate, e i riconteggi a non produrre nulla di nuovo, per una motivazione tutto sommato semplice: nemmeno il comitato Trump riesce ad articolare quali sarebbero stati questi brogli. Non portano esempi, non portano testimoni, non portano accuse concrete rivolte a qualcuno in particolare: non portano niente. E quando portano qualcosa, finiscono per fare figuracce colossali: una causa presentata in Michigan conteneva dati che avrebbero dovuto dimostrare come in alcune contee ci fossero stati più voti che elettori. Solo che i dati riguardavano... il Minnesota.

    Persino i siti di news più vicini a Trump scuotono la testa davanti a fatti così ridicoli, e invitano Trump a togliersi di mezzo. Persino Tucker Carlson, il più estremista e complottista opinionista di Fox News, un incendiario senza scrupoli il cui mestiere non ha niente a che fare con i fatti, uno dei più grandi propalatori di propaganda trumpista, è sbottato durante la sua trasmissione. È stato un momento notevole. «La nostra trasmissione è quella con la mentalità più aperta, parliamo regolarmente di cose che altrove vengono definite bufale o "teorie del complotto": parliamo persino degli UFO! Ma questi non ci hanno ancora portato una prova che sia una, e si rifiutano di darne a chiunque».



    Perché succede tutto questo? Ne abbiamo parlato la settimana scorsa, ma in parte ve ne parlo da anni. Nel mio libro c'è un intero capitolo che si intitola: "La radicalizzazione".
    La politica statunitense oggi è attraversata trasversalmente da pulsioni allo stesso tempo intolleranti e infantili, ma soprattutto inadatte al peculiare funzionamento delle loro istituzioni: che infatti, da anni, non funzionano più. D’altra parte, dopo che agli elettori è stato promesso cento, senza tener conto del fatto che raggiungere cento sarebbe stato impossibile, in quale altro modo si può giustificare l’aver ottenuto un trenta o un quaranta? Chi vuole andare in giro a decantare il merito di quel quaranta, sapendo che il giorno dopo qualcuno ne approfitterà per dare una spinta alla propria carriera dandogli del traditore e promettendo, in tutta risposta, duecento? E un elettorato le cui aspettative vengono sistematicamente e deliberatamente gonfiate e poi frustrate ogni due o quattro anni, e al quale dopo ogni fallimento i responsabili di turno vengono indicati come ipocriti e corrotti, a chi si rivolgerà la prossima volta?
    Tutto questo succede perché la base del Partito Repubblicano, pur essendo composta da una gran quantità di persone normali, negli ultimi vent’anni si è radicalizzata e si è spostata molto a destra: e ha eletto sindaci, governatori, deputati, senatori e presidenti che rispondono a questa sensibilità. Perché la bolla informativa della destra americana – creata dalla tv e rafforzata dai social media – è diventata completamente impermeabile al giornalismo più scrupoloso e affidabile, e quindi alla realtà.

    Succede perché Trump ha raccolto i frutti di questa radicalizzazione ed è arrivato alla Casa Bianca avendo alle spalle la sua sola carriera da imprenditore fallito e personaggio televisivo di reality show, unico presidente nell'intera storia americana senza alcuna esperienza politica o militare. Perché si è sempre circondato di una gran quantità di maneggioni, disperati, estremisti, sciroccati e corrotti, cacciando una dopo l'altra le persone competenti che in questi anni hanno provato a dargli una mano. Perché tra i militanti Repubblicani il consenso per Trump è ancora forte. Perché chi dentro il partito osa ammettere che queste elezioni sono state vinte da Biden riceve montagne di insulti e minacce di morte, per sé e per la propria famiglia (persino Tucker Carlson si è sentito dare del traditore e del venduto).

    Nelle intenzioni di Trump e dei suoi, poi, l’obiettivo a questo punto è chiaro: e non è nemmeno più vincere nelle aule di tribunale. L’obiettivo è trascinare le rivendicazioni e le polemiche abbastanza a lungo, ed esprimerle a un volume abbastanza forte, così da poter definire i risultati di queste elezioni come minimo “contesi”. A quel punto, fare pressioni perché i parlamentari locali scelgano di assegnare i grandi elettori espressi dal loro stato non al candidato più votato bensì a chi gli pare, trasformando un passaggio formale in un clamoroso e ingiustificato ribaltamento della volontà popolare.

    Durante le procedure preliminari per certificare il voto in Michigan, per esempio, questa settimana due funzionari Repubblicani hanno deciso di votare contro l’approvazione dei verbali. Il loro argomento era che i voti riportati dalla città di Detroit erano truccati. C’è stato un momento di grande tensione, dopo il quale i due hanno cambiato idea e hanno approvato i verbali: nemmeno loro, infatti, sono riusciti a produrre una sola ragione concreta per accantonare i milioni di voti espressi da una città in cui oltre l'80 per cento degli abitanti è afroamericano, in un paese in cui la soppressione del voto dei neri è da oltre un secolo e mezzo una triste realtà. Il verbale è stato approvato, ma il giorno dopo Trump ha telefonato ai due funzionari e li ha invitati alla Casa Bianca. Poco dopo – ma era troppo tardi – i due hanno cercato di rimettere in discussione la loro precedente decisione.


    Ora. È il caso di dire due cose, inequivoche.

    La prima è che questi tentativi non funzioneranno. Per quanto teoricamente possibile, è concretamente impossibile che i grandi elettori di uno stato vinto da Joe Biden vengano assegnati a Donald Trump. Il presidente uscente e i suoi sodali non hanno quel tipo di potere e di influenza. I tribunali e la Corte Suprema interverrebbero in mezzo secondo – e non a loro favore. Le proteste di massa sarebbero le più oceaniche e intense mai viste nella storia del paese. Non succederà. Joe Biden sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti.

    La seconda è che soltanto il contesto – le regole, i tribunali, le persone che hanno la responsabilità di prendere decisioni – sta impedendo a Donald Trump di ignorare il risultato delle elezioni, tradire la volontà popolare e restare al potere nonostante la sconfitta. Le sue intenzioni, infatti, sono chiare; le sue azioni pure. Il ridicolo di Giuliani non vi distragga. Il presidente degli Stati Uniti le sta provando tutte: se dipendesse soltanto da lui, resterebbe al potere nonostante le elezioni siano state vinte da Joe Biden. Il tutto senza fare ancora niente di tecnicamente illegale, ma sfruttando le debolezze intrinseche di ogni democrazia di fronte a chi ha la volontà deliberata di sabotarla e il potere – politico, mediatico – per provarci sul serio, e provare ogni trucco finché non trova quello giusto. È una cosa mai vista prima negli Stati Uniti, e di cui si parlerà per decenni.

    La conferenza stampa di giovedì è stata probabilmente il punto più basso nella storia del Partito Repubblicano. Se il risultato di queste elezioni fosse stato davvero incerto, se fosse davvero dipeso da poche migliaia di voti, non so cosa starebbe succedendo oggi negli Stati Uniti.

    Nel frattempo la transizione fra la vecchia e la nuova amministrazione non è ancora partita. Anche in questo caso, la ragione è solo una prova di forza: la stessa dirigente che con una firma avrebbe il potere di avviare la transizione in questi giorni sta cercando lavoro. Lo scopo è costruire l'impressione che l'elezione sia ancora aperta.

    Joe Biden potrebbe fare causa all’amministrazione Trump, e plausibilmente vincere, ma come comprenderete questa mossa farebbe il gioco di Trump: dare di queste elezioni un’immagine contesa è esattamente quello che Trump sta cercando di fare, e Biden non ha alcun interesse ad apparire come il candidato la cui vittoria è stata sancita dai tribunali. Se poi Biden dovesse perdere la causa, dal momento che i risultati devono ancora essere effettivamente certificati, Trump farebbe le capriole dalla gioia. Di questo passo la transizione partirà solo nella prima metà di dicembre, quando la vittoria di Biden sarà stata certificata e decisa ufficialmente dai grandi elettori.

    La settimana scorsa vi ho raccontato perché questo ritardo rischia di essere un problema per la nuova amministrazione, e quindi per il paese. Biden è costretto a ricevere i briefing sulla sicurezza nazionale da esperti esterni al governo federale, non può parlare con la task force che si occupa della pandemia, non può essere aggiornato sui piani per distribuire i vaccini, deve finanziarsi da solo tutto il lavoro di tutte le persone richieste dalla transizione. Sembra che qualcuno dall’amministrazione Trump stia cominciando a parlare ai collaboratori di Biden, per il bene del paese: di nascosto. Ma i problemi riguardano anche i Repubblicani, che non stanno organizzando come potrebbero l'opposizione a Biden, e devono cercare di vincere i due ballottaggi per il Senato in Georgia senza poter usare il potente argomento "evitiamo che Biden abbia sia la Camera che il Senato dalla sua parte". E ovviamente, i problemi riguardano anche il presente.

    Mentre Trump ha cancellato da giorni la grandissima parte dei suoi incontri pubblici, si fa sentire solo con decine di tweet e retweet pieni di falsità pubblicati in sequenza, come fiammate, e si fa vedere poco e niente se non per andare a giocare a golf, la terza ondata della pandemia sta ancora infestando gli Stati Uniti. La curva dei contagi quotidiani non ha ancora smesso di crescere; quella dei morti rischia di superare presto i livelli della prima ondata. Il governo federale non sta facendo niente.



    Di questo passo, la prima decisione che dovrà prendere il presidente Biden una volta insediato sarà se imporre o no un lockdown nazionale. Quello che sappiamo è che tra i consiglieri scientifici di Biden se ne sta discutendo, e che tutti vorrebbero evitarlo. «Non sarò presidente fino al prossimo anno», ha detto Biden questa settimana. «Questa crisi però non rispetta calendari, e sta accelerando. Sono necessarie azioni urgenti, oggi, adesso, da parte dell’attuale amministrazione». Sono probabilmente speranze vane. Donald Trump non partecipa a una riunione della task force del governo contro l’epidemia da almeno cinque mesi, e da tempo non legge più nemmeno gli aggiornamenti quotidiani sullo stato dell’epidemia. Le ottime notizie sul fronte dei vaccini sono rassicuranti, ma gli Stati Uniti sembrano attesi da un inverno orribile.

    Qualche altra notizia, in breve, e poi ci salutiamo.
    [/QUOTE]

    Minghia e ora alla coniglietta chi glielo dice?
    E a toca?

Accedi