negata autorizzazione allo sbarco in libia a militari italiani
Assist a BTP e spread da esito elezioni. A Piazza Affari volano Mps e FCA
Dopo il lunedì nero per i mercati, oggi sono tornati gli acquisti in Europa. Piazza Affari ha recuperato terreno con l?indice Ftse Mib che ha chiuso in crescita dello 0,54% …
Tesla Battery Day, Musk che delusione: batterie da un milione di miglia? Produzione ad alto volume non prima del 2022
Proprio lui ha affossato le aspettative degli investitori, in fibrillazione da giorni per il Tesla Battery Day, l’evento tra i più importanti per il colosso delle auto elettriche. In un …
Altro che Big Tech, nuovi timori lockdown scatenano buy sui titoli stay-at-home: regina è Zoom, +500% nel 2020
Stavolta, l’ondata di smobilizzi non ha colpito tanto i tecnologici, quanto altri settori. Si sta parlando di quanto accaduto ieri a Wall Street, con il Nasdaq che ha terminato la …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di rational
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    11,782
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    3070 Post(s)
    Potenza rep
    42949681

    negata autorizzazione allo sbarco in libia a militari italiani

    L’agenzia LaPresse ha ripreso ieri una dichiarazione del capogruppo di Forza Italia in Commissione Esteri, il senatore Enrico Aimi.

    Ieri pomeriggio (30 luglio, ndd) un aereo militare italiano, un Hercules C-130 proveniente da Pisa con 40 militari a bordo, chiamati a svolgere operazioni di supporto in loco, è atterrato a Misurata alle 17.30. Ad alcuni militari del Celio e della Brigata Julia è stata però negata l’autorizzazione allo sbarco da parte delle autorità libiche, perché mancava sul loro passaporto il visto d’ingresso. Un caso di “respingimento” senza scrupoli, ridicolo e al tempo stesso umiliante per loro e per noi. Rimandati a casa dopo poche ore, con lo stesso aereo, nuovamente verso Pisa. La notizia ha dell’incredibile e dimostra che a livello internazionale il nostro Paese non conta più nulla. Proviamo ad immaginare cosa sarebbe accaduto se un “incidente” di questo tipo avesse coinvolto i Marines Americani giunti in un qualsiasi Paese amico. Mentre infatti in Italia arrivano dalle stesse coste a ritmo sempre più serrato migliaia di clandestini che finiscono per finanziare i trafficanti di uomini, dalla Libia ci impongono di ritornare da dove siamo venuti. È vergognoso che in ambito internazionale non ci sia più dovuto il rispetto. Ora si prendono pure gioco di noi. Se avessimo un briciolo di dignità dovremmo incominciare a contrastare l’arrivo dei clandestini, peraltro non solo privi di visto, ma anche di documenti d’identità. Questo gesto irride l’Italia e legittima il mondo a trattarci come una “Repubblica delle Banane”. Presenterò un'interrogazione ai ministri competenti per chiedere chiarimenti. Il governo ha il dovere di dare immediatamente delle spiegazioni su questa vicenda inaccettabile.

    Le dure parole del senatore Aimi possono sembrare ineccepibili e giustificate, tuttavia, nel chiedere chiarimenti, speriamo riconsideri alcune valutazioni espresse “a caldo”. Questo per i seguenti motivi:

    l’umiliazione dei nostri militari in Libia prosegue ininterrotta da anni e non ha di certo bisogno di questo ennesimo episodio per essere evidenziata;

    il nostro Paese conta meno che nulla sul piano internazionale da decenni, non da ora;

    non bisogna scomodare i Marines americani, basta considerare un qualsiasi soldato turco per capire quale figura minacciosa appaia nella mente di un misuratino nel momento in cui vuole mettere alla prova uno straniero;

    i libici sono gli ultimi di una lunghissima lista a “prendersi gioco di noi”, solo che facciamo sempre finta di non vederlo e a casa raccontiamo le solite super*****le;

    i clandestini arrivano in quanto core-business e strumento di ricatto della fazione libica che abbiamo scelto, quella di Tripoli, non per caso;

    è davvero sicuro di voler scatenare le temibili rappresaglie governative da parte del presidente del consiglio o del ministro degli esteri per lavare l’onta?

    A nostro avviso i militari hanno fatto bene a farsi prendere in giro ed a tornare a Pisa. Il plauso va dunque ai responsabili in Libia: il generale Fronda (comandante della Missione bilaterale di assistenza e supporto in Libia) ed al colonnello Tinelli (comandante della Task Force Ippocrate). Il giorno che avremo politici al governo che hanno a cuore la pace e non un’interminabile agonia da osservare inermi o – peggio – complici, allora potranno essere soldati ed aiutare seriamente a terminare il conflitto. Per ora non è il caso di assumere decisioni "mascoline" che potrebbero peraltro comportare pugnalate (per non dire altro...) alle spalle.

    Come mi disse durante un’intervista l’ambasciatore afghano a Roma nove anni addietro: “la guerra è abuso, violenza e prevaricazione. La cosa migliore che si possa fare è vincerla. Per farla cessare!”. Noi in Libia non combattiamo, non vediamo e probabilmente non capiamo nemmeno quello che accade. E così facendo ci comportiamo paradossalmente da guerrafondai.

    Forse è ora che qualcuno abbia il coraggio di ammettere la risposta più onesta e banale al solito quesito: perché il mondo ci tratta come una “Repubblica delle banane”?

  2. #2
    L'avatar di alexpivi
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    14,695
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    2182 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    .... forse perché abbiamo un governo da repubblica delle banane ????


  3. #3

    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    7,926
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    2695 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da rational Visualizza Messaggio
    L’agenzia LaPresse ha ripreso ieri una dichiarazione del capogruppo di Forza Italia in Commissione Esteri, il senatore Enrico Aimi.

    Ieri pomeriggio (30 luglio, ndd) un aereo militare italiano, un Hercules C-130 proveniente da Pisa con 40 militari a bordo, chiamati a svolgere operazioni di supporto in loco, è atterrato a Misurata alle 17.30. Ad alcuni militari del Celio e della Brigata Julia è stata però negata l’autorizzazione allo sbarco da parte delle autorità libiche, perché mancava sul loro passaporto il visto d’ingresso. Un caso di “respingimento” senza scrupoli, ridicolo e al tempo stesso umiliante per loro e per noi. Rimandati a casa dopo poche ore, con lo stesso aereo, nuovamente verso Pisa. La notizia ha dell’incredibile e dimostra che a livello internazionale il nostro Paese non conta più nulla. Proviamo ad immaginare cosa sarebbe accaduto se un “incidente” di questo tipo avesse coinvolto i Marines Americani giunti in un qualsiasi Paese amico. Mentre infatti in Italia arrivano dalle stesse coste a ritmo sempre più serrato migliaia di clandestini che finiscono per finanziare i trafficanti di uomini, dalla Libia ci impongono di ritornare da dove siamo venuti. È vergognoso che in ambito internazionale non ci sia più dovuto il rispetto. Ora si prendono pure gioco di noi. Se avessimo un briciolo di dignità dovremmo incominciare a contrastare l’arrivo dei clandestini, peraltro non solo privi di visto, ma anche di documenti d’identità. Questo gesto irride l’Italia e legittima il mondo a trattarci come una “Repubblica delle Banane”. Presenterò un'interrogazione ai ministri competenti per chiedere chiarimenti. Il governo ha il dovere di dare immediatamente delle spiegazioni su questa vicenda inaccettabile.

    Le dure parole del senatore Aimi possono sembrare ineccepibili e giustificate, tuttavia, nel chiedere chiarimenti, speriamo riconsideri alcune valutazioni espresse “a caldo”. Questo per i seguenti motivi:

    l’umiliazione dei nostri militari in Libia prosegue ininterrotta da anni e non ha di certo bisogno di questo ennesimo episodio per essere evidenziata;

    il nostro Paese conta meno che nulla sul piano internazionale da decenni, non da ora;

    non bisogna scomodare i Marines americani, basta considerare un qualsiasi soldato turco per capire quale figura minacciosa appaia nella mente di un misuratino nel momento in cui vuole mettere alla prova uno straniero;

    i libici sono gli ultimi di una lunghissima lista a “prendersi gioco di noi”, solo che facciamo sempre finta di non vederlo e a casa raccontiamo le solite super*****le;

    i clandestini arrivano in quanto core-business e strumento di ricatto della fazione libica che abbiamo scelto, quella di Tripoli, non per caso;

    è davvero sicuro di voler scatenare le temibili rappresaglie governative da parte del presidente del consiglio o del ministro degli esteri per lavare l’onta?

    A nostro avviso i militari hanno fatto bene a farsi prendere in giro ed a tornare a Pisa. Il plauso va dunque ai responsabili in Libia: il generale Fronda (comandante della Missione bilaterale di assistenza e supporto in Libia) ed al colonnello Tinelli (comandante della Task Force Ippocrate). Il giorno che avremo politici al governo che hanno a cuore la pace e non un’interminabile agonia da osservare inermi o – peggio – complici, allora potranno essere soldati ed aiutare seriamente a terminare il conflitto. Per ora non è il caso di assumere decisioni "mascoline" che potrebbero peraltro comportare pugnalate (per non dire altro...) alle spalle.

    Come mi disse durante un’intervista l’ambasciatore afghano a Roma nove anni addietro: “la guerra è abuso, violenza e prevaricazione. La cosa migliore che si possa fare è vincerla. Per farla cessare!”. Noi in Libia non combattiamo, non vediamo e probabilmente non capiamo nemmeno quello che accade. E così facendo ci comportiamo paradossalmente da guerrafondai.

    Forse è ora che qualcuno abbia il coraggio di ammettere la risposta più onesta e banale al solito quesito: perché il mondo ci tratta come una “Repubblica delle banane”?
    Perché dal 43 abbiamo i partigiani il Vaticano e la mafia al potere x volere degli ameri. Cani e tutto il mondo lo sa

  4. #4
    L'avatar di Sardonicus
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Messaggi
    30,016
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    71 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    forse hanno confuso la Libia col Libano

    ci può stare

  5. #5
    L'avatar di volopazzo
    Data Registrazione
    Feb 2002
    Messaggi
    54,478
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4523 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Bastava mandare Carola

    E sbarcavano tutti

    Dilettanti allo sbaraglio

  6. #6
    L'avatar di Triplet
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    30,682
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    6341 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da alexpivi Visualizza Messaggio
    .... forse perché abbiamo un governo da repubblica delle banane ????



    forse perchè è diventata una repubblica delle banane, non conta più nulla e ci prendono pure per il kiulo...

    forse anche giustamente visti gli ultimi governi

  7. #7

    Data Registrazione
    Apr 2004
    Messaggi
    29,959
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    3135 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Constato che i media non ne parlano, ci fosse un governo Salvini ci sarebbe il finimondo ma va bene così.

  8. #8
    L'avatar di robar310
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    3,201
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    819 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    peggio di una barzelletta.... povera Italia,ci prendono tutti per il ******

Accedi