Caffè da 1 euro a 1,20, brioche da 1,00 a 1,50 se pensano di recuperare così...
Piazza Affari sale nonostante batosta Eni. Sul Ftse Mib impennata per STM e Banco BPM
Giornata senza verve oggi per Piazza Affari che alla fine strappa un tiepido segno più. Il Ftse Mib apre il nuovo mese e l’ultimo trimestre dell’anno con un +0,24% a …
Eni su minimi da brivido e -53% Ytd. Possibile buy opportunity che può far da traino a tutto il Ftse Mib
Ennesima giornata difficile per il comparto oil complice il violento dietrofront del petrolio con WTI arrivato fino a -5%. A Piazza Affari sono sotto il fuoco delle vendite ENI (oltre …
Borsa Usa: settembre da dimenticare, ma Big Tech fanno la fortuna nel III trimestre. Nasdaq +11% con Tesla +245%
Un settembre da dimenticare, ma un terzo trimestre di tutto rispetto per la Borsa Usa. Wall Street ha fatto bene nel periodo compreso tra luglio e settembre, grazie ai guadagni …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di Charlie
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    69,965
    Mentioned
    21 Post(s)
    Quoted
    28663 Post(s)
    Potenza rep
    42949693

    Caffè da 1 euro a 1,20, brioche da 1,00 a 1,50 se pensano di recuperare così...

    Aumenti medi nella mia zona, area metropolitana di Roma
    le perdite dei mesi scorsi e i mancati incassi causa riduzione dei consumi, hanno fatto l'ennesima scelta sbagliata
    si ripeterà in piccolo l'errore del changeover del prezzo: illudersi che aumentando i prezzi, i consumi restino invariati

    Qual è l'errore?
    prima
    fatturato 1000
    costi 500
    utile 500

    aumento dei prezzi del 20% medio. se prima 1000 clienti spendevano 1000 adesso spenderebbero 1200. ma i clienti saranno solo 800, calo del 20% della clientela. quindi fatturato o meglio ricavi = 800 *1,2 = 960

    dopo
    fatturato 960
    costi 500
    utile 460

    non hai recuperato un qazzo, anzi ci hai perso.

    ovviamente la percentuale di perdita della clientela dipende da tante cose, può essere solo il 10%, e quindi ci sarebbe un guadagno, ma anche il 25%, il 30%, il 50%
    più alzi i prezzi, più aumenta questa percentuale, più perdi o vai in pari

    La soluzione quindi qual è? ridurre i costi. facile per chi ha molti dipendenti, li licenzi, tanto c'è meno lavoro
    difficile per esercizi a conduzione familiare

    ma avviene il contrario, non sempre, ma spesso, i "grandi" aumentano i prezzi meno dei piccoli, avendo economie di scala

    Scelte commerciali sbagliate portano a chiusure, di cui il coronavirus è solo una variabile.

  2. #2
    L'avatar di _top_gun_
    Data Registrazione
    Jul 2019
    Messaggi
    3,457
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    2005 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Uno studente di economia del primo semestre che ha superato l'esame di economia politica può facilmente spiegare il concetto purtroppo però non lo capiscono commercianti con 20 anni di esperienza.

    E questo parlando meramente di prezzi e senza tenere conto di chi non vuole uscire, di chi non ha più soldi per farlo ecc ecc.

    Se ricordo bene c'era anche un capitolo dove grandi crisi o sussidi statali pesanti spostavano direttamente la linea.

  3. #3
    L'avatar di Mirtosardo
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    861
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    728 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da Charlie Visualizza Messaggio
    Aumenti medi nella mia zona, area metropolitana di Roma
    le perdite dei mesi scorsi e i mancati incassi causa riduzione dei consumi, hanno fatto l'ennesima scelta sbagliata
    si ripeterà in piccolo l'errore del changeover del prezzo: illudersi che aumentando i prezzi, i consumi restino invariati

    Qual è l'errore?
    prima
    fatturato 1000
    costi 500
    utile 500

    aumento dei prezzi del 20% medio. se prima 1000 clienti spendevano 1000 adesso spenderebbero 1200. ma i clienti saranno solo 800, calo del 20% della clientela. quindi fatturato o meglio ricavi = 800 *1,2 = 960

    dopo
    fatturato 960
    costi 500
    utile 460

    non hai recuperato un qazzo, anzi ci hai perso.

    ovviamente la percentuale di perdita della clientela dipende da tante cose, può essere solo il 10%, e quindi ci sarebbe un guadagno, ma anche il 25%, il 30%, il 50%
    più alzi i prezzi, più aumenta questa percentuale, più perdi o vai in pari

    La soluzione quindi qual è? ridurre i costi. facile per chi ha molti dipendenti, li licenzi, tanto c'è meno lavoro
    difficile per esercizi a conduzione familiare

    ma avviene il contrario, non sempre, ma spesso, i "grandi" aumentano i prezzi meno dei piccoli, avendo economie di scala

    Scelte commerciali sbagliate portano a chiusure, di cui il coronavirus è solo una variabile.
    Tutto giusto, ma l'aspetto psicologico non è da sottovalutare
    Se il bar vicino casa o lavoro, comodo, cui faccio tappa le mattine per un caffè, mi alza del 20% il prezzo, la differenza è risibile, sempre di spiccioli si parla per il consumatore

  4. #4

    Data Registrazione
    Aug 2000
    Messaggi
    34,448
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    13454 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    Citazione Originariamente Scritto da Mirtosardo Visualizza Messaggio
    Tutto giusto, ma l'aspetto psicologico non è da sottovalutare
    Se il bar vicino casa o lavoro, comodo, cui faccio tappa le mattine per un caffè, mi alza del 20% il prezzo, la differenza è risibile, sempre di spiccioli si parla per il consumatore
    Va a finire che il caffè te lo fai a casa o in ufficio

  5. #5
    L'avatar di Mirtosardo
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    861
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    728 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Il bar dove vado a comprare le sigarette ha il caffè a 1.10 euro
    Però è comodo, ha sempre posto, è sulla statale principale, ha sempre parcheggio. Un aumento del 20% diciamo, per tanti può non essere sufficiente per il cambio di abitudine o di comodità

  6. #6
    L'avatar di Charlie
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    69,965
    Mentioned
    21 Post(s)
    Quoted
    28663 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    Citazione Originariamente Scritto da Mirtosardo Visualizza Messaggio
    Tutto giusto, ma l'aspetto psicologico non è da sottovalutare
    Se il bar vicino casa o lavoro, comodo, cui faccio tappa le mattine per un caffè, mi alza del 20% il prezzo, la differenza è risibile, sempre di spiccioli si parla per il consumatore
    Magari ci vado 4 giorni invece di 5 alla settimana...c'è tanta gente che i conti deve farli al centesimo, anzi, gente che prima andava a fare colazione al bar, spendendo 2 euro, cioè 40 al mese, adesso dovrebbe spenderne 2,70 * 20 = 54 al mese, che non ha, visto che molte aziende non danno più i buoni pasto a chi lavora da remoto. ma comunque ci sono meno soldi, uno fa i conti e dice: 50 euro al mese sono 600 all'anno, hai voglia a comprare latte e caffè
    considera che al bar si va anche per un momento di socialità, ma di questi tempi c'è molta meno voglia di socializzare con conoscenti, già con gli amici è difficile

  7. #7

    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    2,203
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    856 Post(s)
    Potenza rep
    41390053
    Quando i bar riaprirono dopo il lockdown, un quotidiano locale della mia zona, fece varie interviste ai titolari dei bar, chiedeva loro se c'era un po di movimento e sopratutto se i costi li avrebbero aumentati, la risposta di molti baristi fu che: loro non aumentavano nulla, anzi, aumentavano il servizio allo stesso prezzo, magari ti portavano il caffè o la bibita al tavolo, senza nessun sovrapprezzo.
    Qualsiasi imprenditore, sa che se in questo momento aumenti i prezzi, i clienti già pochi che sono, dopo non tornano più, e perdi anche quei pochi che hai.
    A roma il turista straniero da spennare ora non c'è, quindi se vogliono chiudere hanno trovato il modo per farlo

  8. #8
    L'avatar di Droppe
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    4,857
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1953 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Charlie Visualizza Messaggio
    Aumenti medi nella mia zona, area metropolitana di Roma
    le perdite dei mesi scorsi e i mancati incassi causa riduzione dei consumi, hanno fatto l'ennesima scelta sbagliata
    si ripeterà in piccolo l'errore del changeover del prezzo: illudersi che aumentando i prezzi, i consumi restino invariati

    Qual è l'errore?
    prima
    fatturato 1000
    costi 500
    utile 500

    aumento dei prezzi del 20% medio. se prima 1000 clienti spendevano 1000 adesso spenderebbero 1200. ma i clienti saranno solo 800, calo del 20% della clientela. quindi fatturato o meglio ricavi = 800 *1,2 = 960

    dopo
    fatturato 960
    costi 500
    utile 460

    non hai recuperato un qazzo, anzi ci hai perso.

    ovviamente la percentuale di perdita della clientela dipende da tante cose, può essere solo il 10%, e quindi ci sarebbe un guadagno, ma anche il 25%, il 30%, il 50%
    più alzi i prezzi, più aumenta questa percentuale, più perdi o vai in pari

    La soluzione quindi qual è? ridurre i costi. facile per chi ha molti dipendenti, li licenzi, tanto c'è meno lavoro
    difficile per esercizi a conduzione familiare

    ma avviene il contrario, non sempre, ma spesso, i "grandi" aumentano i prezzi meno dei piccoli, avendo economie di scala

    Scelte commerciali sbagliate portano a chiusure, di cui il coronavirus è solo una variabile.
    facile ridurre i costi licenziando i dipendenti?

    Tu si che ne sai tanto di impresa

    Si vede chiaramente la tua formazione. Si vede chiaramente quanto lavori nel libero mercato.

  9. #9
    L'avatar di Mirtosardo
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    861
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    728 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Ed è lo stesso discorso che ho notato per le pompe di benzina
    C'è l'ENI sulla strada principale, con ampio svincolo, la domenica mattina fai la fila con 3 o 4 macchine davanti, ed il servito costa parecchio
    300 metri più avanti c'è Aquila, che costa il 30% in meno tranquillamente, ma non c'è il servito, lo svincolo è piccolo, per uscire devi passare sulle due carreggiate

  10. #10
    L'avatar di Mirtosardo
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    861
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    728 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da Charlie Visualizza Messaggio
    Magari ci vado 4 giorni invece di 5 alla settimana...c'è tanta gente che i conti deve farli al centesimo, anzi, gente che prima andava a fare colazione al bar, spendendo 2 euro, cioè 40 al mese, adesso dovrebbe spenderne 2,70 * 20 = 54 al mese, che non ha, visto che molte aziende non danno più i buoni pasto a chi lavora da remoto. ma comunque ci sono meno soldi, uno fa i conti e dice: 50 euro al mese sono 600 all'anno, hai voglia a comprare latte e caffè
    considera che al bar si va anche per un momento di socialità, ma di questi tempi c'è molta meno voglia di socializzare con conoscenti, già con gli amici è difficile
    scusa la scarsa sensibilità, ma la gente che deve fare i conti al centesimo è bene che stia a casa e compri il caffè serbo all'eurospin
    Il caffè e la colazione mica sono diritti universali, se stai a spulciare i 20 centesimi non c'entra niente il covid, c'erano già ben altri problemi pregressi

Accedi