Caffè da 1 euro a 1,20, brioche da 1,00 a 1,50 se pensano di recuperare così... - Pagina 7
Autostrade: da Conte nuovo ultimatum ad Atlantia. Che avverte: ‘con revoca default sistemico da oltre 16,5 MLD e 7.000 posti lavoro a rischio”
Una eventuale revoca della concessione ad Autostrade da parte del governo italiano "provocherebbe un default sistemico gravissimo, esteso a tutto il mercato europeo, per oltre 16,5 miliardi di euro, oltre …
I bond Tesla non seguono la volatilità del titolo e svelano un altro traguardo del gioiello di Musk
Nel corso di quest?anno, la crescita vertiginosa del valore delle azioni di Tesla sui mercati ha contribuito al miglioramento del suo profilo creditizio. Secondo il punto di vista del Centro …
Intesa Sanpaolo snellisce le fila con 5.000 uscite volontarie. Messina: ‘Posto stabile a 2.500 giovani’
Intesa Sanpaolo non perde tempo e in anticipo sulla tabella di marcia trova l'intesa con i sindacati per le 5000 uscite volontarie previste entro il 2023 in seguito all'acquisizione di UBI Banca. …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #61

    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    2,928
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    204 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da Spaceman Spiff 2.0 Visualizza Messaggio
    quanto costava un caffè a Milano nel 2000?
    Sai che non mi ricordo?

    Penso che ciò significhi che era davvero una spesa superflua?

    Vediamo, per giocare (e senza spulciare su google), circa mille o mille e cento lire?

    Non mi pare proprio arrivasse a 1.800-1.900...ma posso sbagliare.

  2. #62

    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    2,928
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    204 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da volopazzo Visualizza Messaggio
    tutti parlano di rilanciare i "consumi"

    in realtà dovrebbero chiamarli "superfluo"

    la gente è piena di vestiti, scarpe, telefonini, auto, televisori
    Beh, buon punto di vista....in fondo anche questo che dici tu è vero e sarebbe degno di più ampi approfondimenti.

  3. #63
    L'avatar di alfaalfa
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    2,706
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    650 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da Droppe Visualizza Messaggio
    ma secondo te.... uno chiude nel giro di tre mesi semplicemente perchè è fessacchiotto ed ha alzato i prezzi?
    e secondo te.... uno mantiene il suo giro solo perchè ha lasciato i prezzi invariati rispetto a prima del lockdown??

    Cioè praticamente gestire un attività secondo voi dipende tutto dal prezzo. Basta mettere la brioche a 1€ e il caffè a 0.50€ e si gira alla grande.... Cavolo.... aprite un bar
    Uno è un locale sostanzialmente a conduzione familiare, che definirei un bar-bistrot, l'altro, ora chiuso, un grande bar, pasticceria, tavola calda con molti dipendenti. Entrambi avevano una marea di dipendenti pubblici (direzioni centrali e regionali, non servizio al pubblico) e privati (soprattutto società di informatica) in pausa-pranzo. Ora hanno la clientela locale (quartiere non troppo popolato) e a dir tanto il 10% dei dipendenti di prima.

    P.s.

    Altri 4 locali in zona simili, 5 dei quali ora chiusi. anche 3 ristoranti, di cui 1 rimasto chiuso.

  4. #64
    L'avatar di SixSigmaBrazil
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Messaggi
    55,021
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1880 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    certo voi fate i conti del 2+2-1*5/8

    ma aumento dei costi non ce lo mettete in 6 mesi ?????

    per non parlare che dalla micro tassa della hccp... siamo arrivati a somme ingenti per mostrare que hai un locale sanificato altrimenti gli stron... dei clienti non entrano ??????

    le materie prime aumentano costantemente e ogni 6 o 12 mesi devi adeguare alcuni prezzi..... magari lasci inalterato l'aperitivo a 5 euro completo... ma in altri il mercato ti obbliga ad aumentare.

  5. #65

    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    2,203
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    856 Post(s)
    Potenza rep
    41390053
    lo smart working darà la mazzata finale a tutti questi locali

  6. #66
    L'avatar di pulviscolo
    Data Registrazione
    Sep 2002
    Messaggi
    11,514
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    3217 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    tanto ormai 'la frequenza' e l'abitudine sono saltate, rimangono gli affezionati e .50 cents più o meno per colazione non fanno la differenza

  7. #67

    Data Registrazione
    Nov 2014
    Messaggi
    3,234
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1933 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da Charlie Visualizza Messaggio
    Aumenti medi nella mia zona, area metropolitana di Roma
    le perdite dei mesi scorsi e i mancati incassi causa riduzione dei consumi, hanno fatto l'ennesima scelta sbagliata
    si ripeterà in piccolo l'errore del changeover del prezzo: illudersi che aumentando i prezzi, i consumi restino invariati

    Qual è l'errore?
    prima
    fatturato 1000
    costi 500
    utile 500

    aumento dei prezzi del 20% medio. se prima 1000 clienti spendevano 1000 adesso spenderebbero 1200. ma i clienti saranno solo 800, calo del 20% della clientela. quindi fatturato o meglio ricavi = 800 *1,2 = 960

    dopo
    fatturato 960
    costi 500
    utile 460

    non hai recuperato un qazzo, anzi ci hai perso.

    ovviamente la percentuale di perdita della clientela dipende da tante cose, può essere solo il 10%, e quindi ci sarebbe un guadagno, ma anche il 25%, il 30%, il 50%
    più alzi i prezzi, più aumenta questa percentuale, più perdi o vai in pari

    La soluzione quindi qual è? ridurre i costi. facile per chi ha molti dipendenti, li licenzi, tanto c'è meno lavoro
    difficile per esercizi a conduzione familiare

    ma avviene il contrario, non sempre, ma spesso, i "grandi" aumentano i prezzi meno dei piccoli, avendo economie di scala

    Scelte commerciali sbagliate portano a chiusure, di cui il coronavirus è solo una variabile.
    esistono i fanatici di caffè e brioche che non rinuncerebbero nemmeno se costasse il doppio, dovresti fare un altro esempio

  8. #68
    L'avatar di steelhead
    Data Registrazione
    Jun 2001
    Messaggi
    40,770
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    5111 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da Trentadanari Visualizza Messaggio
    esistono i fanatici di caffè e brioche che non rinuncerebbero nemmeno se costasse il doppio, dovresti fare un altro esempio
    esatto, penso a quelli della colazione all'autogrill....spennati e felici , almeno una volta il cappuccino dell'autogrill era tra i più buoni , ora hanno messo la qualunque dietro al bancone e pure il cappuccino fa schi fo il più delle volte...ho visto clienti rifiutarsi di berlo..........

  9. #69

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    2,893
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1175 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Non tutti hanno aumentato i prezzi, basta cambiare bar, pizzeria e ristorante. È la legge del commercio.

    E nel caso ridurre o non andarci proprio.

    Se poi a uno poi non gliene frega nulla è bene che paghi di più, contento lui e contento anche chi incassa... Ce ne fossero...

  10. #70

    Data Registrazione
    Nov 2014
    Messaggi
    3,234
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1933 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    vogliamo sottacere l'aspetto igienico, quelli che vanno al bar e poi si recano al lavoro senza nemmeno lavarsi i denti, che voncioni

Accedi