Ristoranti e negozi, col bancomat si riavrÃ* fino al 20% di sconto
Per Stephen Roach crash dollaro ormai assicurato: “2021 anno brutale, sale rischio double-dip recession’
Il 2021 sarà un anno brutale per il dollaro. Parola di Stephen Roach, professore alla Yale University ed ex presidente di Morgan Stanley Asia, tuttora tra le voci più ascoltate …
Banche del Ftse Mib provano rimbalzo, Banco BPM scatta a +3%. Pressioni al ribasso su Eni
Il nuovo sell-off sui titoli tecnologici a Wall Street condiziona l'umore di Piazza Affari che comunque contiene le perdite. Ieri sera il Nasdaq è sceso di oltre 3 punti percentuali. …
Triboo conferma guidance, nel I semestre ricavi in crescita sostenuti dall’eCommerce
Triboo, gruppo attivo nel settore digitale e quotato sul mercato MTA di Borsa Italiana e che controlla questa testata, conferma le guidance previste dal piano industriale 2020-2022 dopo aver chiuso …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di vivaslan
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    2,815
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1076 Post(s)
    Potenza rep
    42949685

    Ristoranti e negozi, col bancomat si riavrÃ* fino al 20% di sconto

    Ristoranti e negozi, arriva lo sconto di Stato. Chi paga col bancomat riavra fino al 20% - Economia

    Uno sconto di Stato del 20% per le spese effettuate da settembre a dicembre in beni e servizi dei comparti più colpiti dall’emergenza Coronavirus, fino a un totale massimo di 2-3 mila euro a persona. Cifra da rimborsare sul conto corrente o via app, magari a Natale sotto l’albero. È stato già ribattezzato "bonus ristoranti" o "conto light", ma potrà riguardare anche bar, agriturismi e altre strutture della ristorazione.

    Non è da escludere, anzi, che possa estendersi, ma con modalità e percentuali differenti, anche ad altri ambiti come abbigliamento, calzature, mobili ed elettrodomestici, ma non all’e-commerce. E che possa essere più elevato (al 25% o al 30%) per le compere effettuate in esercizi commerciali dei centri storici. L’idea – su cui primogenitura è da giorni in corso una guerra tra il duo grillino Buffagni-Castelli e la Morani del Pd – punta, ovviamente, a sostenere la domanda interna, ma anche a contrastare il ’nero’ e l’evasione fiscale.

    Non sarà il programma Eat out to help out dell’Inghilterra – dove lo sconto in bar e ristoranti è del 50% e si ottiene subito, salvo ristoro statale per il negoziante –, ma è questo il piatto forte del Decreto legge ’Agosto’, che domani approderà sul tavolo del Consiglio dei ministri, dopo che ieri il provvedimento è stato al centro di un summit a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte, il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, e i capi-delegazione dei partiti di maggioranza.

    Un pacchetto da 25 miliardi di euro che sarà concentrato su 3-4 capitoli: dal lavoro, con le misure di proroga selettiva della cassa integrazione, di decontribuzione al 100% per i neo-assunti, di sgravi per chi fa rientrare i dipendenti dalla stessa cassa e di proroga del blocco dei licenziamenti, ma solo fino al 15 ottobre (non fino alla fine dell’anno come inizialmente ipotizzato), agli enti locali (stop ai mutui di Regioni e Province); dal fisco (rinvio e rimodulazione rateale dei versamenti sospesi, anche Tosap-Cosap), a scuola e sanità. Fino ai 500 milioni per l’estensione degli incentivi rottamazione a van e furgoni commerciali.

    Sulla scorta delle ultime indiscrezioni, la riduzione di Stato sul conto del ristorante o del bar, secondo la proposta messa a punto dai vice-ministri grillini Laura Castelli e Stefano Buffagni, scatterebbe da settembre a dicembre e dovrebbe prevedere un rimborso del 20% della spesa sostenuta pagata con carta o bancomat, con un tetto massimo. Il rimborso arriverebbe direttamente sul conto corrente o, come seconda opzione, iscrivendosi a una app ad hoc. Il costo dell’operazione si attesterebbe a circa un miliardo e riguarderebbe tutti gli italiani, senza "paletti" legati al tetto di reddito. Con soglie più alte per gli acquisti nei centri storici.

    Va nella stessa direzione, ma segue meccanismi differenti, la proposta della sottosegretaria del Pd, Alessia Morani, che ipotizza sconti immediati alla cassa (del 10 o del 20 per cento a seconda dei settori) al cliente al momento dell’acquisto (sempre con strumenti tracciabili), che poi lo Stato rimborsa al negoziante entro un mese. I settori individuati sono quelli della casa – per l’acquisto di beni come mobili, arredi, elettrodomestici – e dell’abbigliamento e calzature. Ma nell’intenzione della vice di Stefano Patuanelli, la soluzione potrebbe estendersi a bar e ristoranti. I bonus riguarderebbero gli acquisti fatti "di persona", tagliando fuori l’e-commerce.

  2. #2
    L'avatar di paoloconte
    Data Registrazione
    Jul 2002
    Messaggi
    17,609
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    3104 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    si può dire "che si ****ano"?

  3. #3

    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    979
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    354 Post(s)
    Potenza rep
    14767132
    Citazione Originariamente Scritto da vivaslan Visualizza Messaggio
    Ristoranti e negozi, arriva lo sconto di Stato. Chi paga col bancomat riavra fino al 20% - Economia

    Uno sconto di Stato del 20% per le spese effettuate da settembre a dicembre in beni e servizi dei comparti più colpiti dall’emergenza Coronavirus, fino a un totale massimo di 2-3 mila euro a persona. Cifra da rimborsare sul conto corrente o via app, magari a Natale sotto l’albero. È stato già ribattezzato "bonus ristoranti" o "conto light", ma potrà riguardare anche bar, agriturismi e altre strutture della ristorazione.

    Non è da escludere, anzi, che possa estendersi, ma con modalità e percentuali differenti, anche ad altri ambiti come abbigliamento, calzature, mobili ed elettrodomestici, ma non all’e-commerce. E che possa essere più elevato (al 25% o al 30%) per le compere effettuate in esercizi commerciali dei centri storici. L’idea – su cui primogenitura è da giorni in corso una guerra tra il duo grillino Buffagni-Castelli e la Morani del Pd – punta, ovviamente, a sostenere la domanda interna, ma anche a contrastare il ’nero’ e l’evasione fiscale.

    Non sarà il programma Eat out to help out dell’Inghilterra – dove lo sconto in bar e ristoranti è del 50% e si ottiene subito, salvo ristoro statale per il negoziante –, ma è questo il piatto forte del Decreto legge ’Agosto’, che domani approderà sul tavolo del Consiglio dei ministri, dopo che ieri il provvedimento è stato al centro di un summit a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte, il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, e i capi-delegazione dei partiti di maggioranza.

    Un pacchetto da 25 miliardi di euro che sarà concentrato su 3-4 capitoli: dal lavoro, con le misure di proroga selettiva della cassa integrazione, di decontribuzione al 100% per i neo-assunti, di sgravi per chi fa rientrare i dipendenti dalla stessa cassa e di proroga del blocco dei licenziamenti, ma solo fino al 15 ottobre (non fino alla fine dell’anno come inizialmente ipotizzato), agli enti locali (stop ai mutui di Regioni e Province); dal fisco (rinvio e rimodulazione rateale dei versamenti sospesi, anche Tosap-Cosap), a scuola e sanità. Fino ai 500 milioni per l’estensione degli incentivi rottamazione a van e furgoni commerciali.

    Sulla scorta delle ultime indiscrezioni, la riduzione di Stato sul conto del ristorante o del bar, secondo la proposta messa a punto dai vice-ministri grillini Laura Castelli e Stefano Buffagni, scatterebbe da settembre a dicembre e dovrebbe prevedere un rimborso del 20% della spesa sostenuta pagata con carta o bancomat, con un tetto massimo. Il rimborso arriverebbe direttamente sul conto corrente o, come seconda opzione, iscrivendosi a una app ad hoc. Il costo dell’operazione si attesterebbe a circa un miliardo e riguarderebbe tutti gli italiani, senza "paletti" legati al tetto di reddito. Con soglie più alte per gli acquisti nei centri storici.

    Va nella stessa direzione, ma segue meccanismi differenti, la proposta della sottosegretaria del Pd, Alessia Morani, che ipotizza sconti immediati alla cassa (del 10 o del 20 per cento a seconda dei settori) al cliente al momento dell’acquisto (sempre con strumenti tracciabili), che poi lo Stato rimborsa al negoziante entro un mese. I settori individuati sono quelli della casa – per l’acquisto di beni come mobili, arredi, elettrodomestici – e dell’abbigliamento e calzature. Ma nell’intenzione della vice di Stefano Patuanelli, la soluzione potrebbe estendersi a bar e ristoranti. I bonus riguarderebbero gli acquisti fatti "di persona", tagliando fuori l’e-commerce.
    Idea.. Copiata dall Inghilterra, finalmente intelligente

  4. #4
    L'avatar di suiller
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Messaggi
    2,374
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    873 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    io già pago tutto da anni con carta... le bankonote puzzano, sono scomode e sono zeppe di germi (fra cui anche lo covid vairus)

  5. #5
    L'avatar di Julius67
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    32,005
    Mentioned
    21 Post(s)
    Quoted
    11846 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    azz... mi tocca andar a cercare dove ho messo il bancomat... sarà pieno di polvere

  6. #6
    L'avatar di Charlie
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    69,580
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    28371 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    Citazione Originariamente Scritto da Julius67 Visualizza Messaggio
    azz... mi tocca andar a cercare dove ho messo il bancomat... sarà pieno di polvere
    hai postepay?

    come te lo pagano lo stipendio, in contanti? prendi meno di 1000 euro?

  7. #7
    L'avatar di Charlie
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    69,580
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    28371 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    Sulla scorta delle ultime indiscrezioni, la riduzione di Stato sul conto del ristorante o del bar, secondo la proposta messa a punto dai vice-ministri grillini Laura Castelli e Stefano Buffagni, scatterebbe da settembre a dicembre e dovrebbe prevedere un rimborso del 20% della spesa sostenuta pagata con carta o bancomat, con un tetto massimo. Il rimborso arriverebbe direttamente sul conto corrente o, come seconda opzione, iscrivendosi a una app ad hoc.


    non è difficile prevedere che i prezzi di bar e ristoranti rincareranno del 20%

    beh almeno aumenterà l'inflazione

  8. #8
    L'avatar di _top_gun_
    Data Registrazione
    Jul 2019
    Messaggi
    3,322
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1913 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Non ho capito una cosa, lo sconto è immediato e i soldi tornano subito oppure me li danno "più avanti"?

  9. #9
    L'avatar di Charlie
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    69,580
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    28371 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    Citazione Originariamente Scritto da _top_gun_ Visualizza Messaggio
    Non ho capito una cosa, lo sconto è immediato e i soldi tornano subito oppure me li danno "più avanti"?
    2 proposte, una grillina una piddina
    la grillina i soldi te li danno alla befana, o prima del voto, stile rdc
    la piddina i soldi li anticipa l'esercente, e hai uno sconto immediato. immagino la gioia di commercianti ed esercenti, specie quelli più propensi ad evadere

    tagliare le tasse a tutti invece proprio no, eh? invece di questi inutili bonus che creano sempre figli e figliastri, sempre!

  10. #10
    L'avatar di Mirtosardo
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    855
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    716 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Altri soldi buttati senza senso, Rutte Rutte Rutte...

Accedi