Razzista?
Telecom, lo scenario di Grillo? Per Equita è improbabile. Tra analisti prevalgono i buy
Resta una 'calda estate' per Telecom Italia. Proprio ieri si è aggiunto un nuovo capitolo alla storia delle rete unica, con l'incursione di Beppe Grillo che in un video pubblicato …
Re dollaro e la sua debolezza: per Credit Suisse è l’inizio di un lungo bear market
Ancora una seduta all’insegna della debolezza per il dollaro. Questa mattina il Dollar Index, che misura il valore del dollaro statunitense in relazione a un paniere di valute straniere, si …
Dazi: Trump conferma tariffe sui prodotti Ue. Graziata l’Italia, colpite Francia e Germania
Italia graziata dall'amministrazione Trump sulle tariffe. Niente nuovi dazi Usa sui prodotti agroalimentari Made in Italy rispetto all’ipotesi iniziale di estendere gli aumenti tariffari anche a vino, olio e pasta. …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di jump st. man
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    10,842
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    560 Post(s)
    Potenza rep
    42949692

    Razzista?

    Ho sempre trovato il razzismo una manifestazione del tutto imperfetta dell'insofferenza dell'uomo verso i propri simili. Perché, infatti, rimanere insofferenti solo verso il colore della pelle? L'insofferenza, in realtà, è molto più profonda: si è insofferenti verso il genere umano.
    Non è questione di razza!
    Il razzismo è solo una proiezione psichica, che scarica su un determinato tipo umano un'insofferenza molto più generale (razzista è colui che scarica in modo improprio l'insofferenza dell'uomo per i propri simili).
    In questo senso, il razzista permette all'insofferenza tout court di presentarsi come insofferenza limitata, parziale, settoriale. In realtà, si tratta d'insofferenza e basta, generata dell'assoluta umana incapacità di amare i propri simili. L'uomo, in realtà, non li sopporta.
    Il razzismo è solo un cortocircuito mentale, che nasconde una verità molto più amara: l'uomo non ama l'uomo, più genericamente non lo sopporta affatto.
    Il fatto che sopporti un po' meglio quelli che gli somigliano di più nasce semplicemente dal fatto che egli principalmente ama solo se stesso e che ama gli altri solo come proiezioni di se stesso. L'uomo è semplicemente un incallito narcisista, che ama solo chi accoglie e risponde all'amore che egli nutre verso se stesso. Il razzismo, essenzialmente, non esiste affatto.
    Esiste qualcosa di più estremo, di più pericoloso ancora: l'incapacità di amare il prossimo, l'umana insofferenza verso i propri simili.
    Non è vero che l'uomo ami i propri simili, non è vero che l'uomo sia in grado di farlo. L'uomo ama solo se stesso, ama gli altri solo in quanto proiezioni di se stesso.
    Il razzismo non è un sentimento di odio verso una determinata razza, è solo odio verso la propria razza, la razza umana.

  2. #2

    Data Registrazione
    Sep 2004
    Messaggi
    51,286
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    14478 Post(s)
    Potenza rep
    0
    alla parola "manifestazione" mi sono addormentato

  3. #3

    Data Registrazione
    Nov 2015
    Messaggi
    20,549
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    16047 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    A me sembra abbastanza naturale che ci sia diffidenza verso il diverso.
    Sono meccanismi di difesa antichi.
    Solo adesso che viviamo in periodi di pace relativa possiamo permetterci di bollarli come meccanismi condannabili.
    Certo, dovremmo tendere verso società che non conoscono atteggiamenti razzistici ma anche ricordarci da dove veniamo.
    La nostra componente naturale vive di ostilità verso il diverso, è la componente civile che permette di superare questa ostilità. Ma basta poco per dimenticarla.

  4. #4
    L'avatar di maxbunker
    Data Registrazione
    Feb 2001
    Messaggi
    12,450
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1852 Post(s)
    Potenza rep
    42949692

    finche' ci stanno i lumbard

    che pagano le tasse il razzismo nn ha senso in effetti

    mxb

  5. #5
    L'avatar di vtt2
    Data Registrazione
    Jul 2019
    Messaggi
    909
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    652 Post(s)
    Potenza rep
    30779202
    Non mi considero razzista però sono molto contento del fatto che i viaggi sono stati ostacolati sia regionali che internazionali.
    Non ho nulla contro le persone che vengono da altrove ma preferirei che nel mio quartiere ci fosse soltanto chi ci abita specialmente la notte.

  6. #6

    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    2,111
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    737 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Per me un razzista invece è solo un povero imbe cille

  7. #7
    L'avatar di bandit
    Data Registrazione
    Aug 2000
    Messaggi
    5,481
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    2471 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da jump st. man Visualizza Messaggio
    Ho sempre trovato il razzismo una manifestazione del tutto imperfetta dell'insofferenza dell'uomo verso i propri simili. Perché, infatti, rimanere insofferenti solo verso il colore della pelle? L'insofferenza, in realtà, è molto più profonda: si è insofferenti verso il genere umano.
    Non è questione di razza!
    Il razzismo è solo una proiezione psichica, che scarica su un determinato tipo umano un'insofferenza molto più generale (razzista è colui che scarica in modo improprio l'insofferenza dell'uomo per i propri simili).
    In questo senso, il razzista permette all'insofferenza tout court di presentarsi come insofferenza limitata, parziale, settoriale. In realtà, si tratta d'insofferenza e basta, generata dell'assoluta umana incapacità di amare i propri simili. L'uomo, in realtà, non li sopporta.
    Il razzismo è solo un cortocircuito mentale, che nasconde una verità molto più amara: l'uomo non ama l'uomo, più genericamente non lo sopporta affatto.
    Il fatto che sopporti un po' meglio quelli che gli somigliano di più nasce semplicemente dal fatto che egli principalmente ama solo se stesso e che ama gli altri solo come proiezioni di se stesso. L'uomo è semplicemente un incallito narcisista, che ama solo chi accoglie e risponde all'amore che egli nutre verso se stesso. Il razzismo, essenzialmente, non esiste affatto.
    Esiste qualcosa di più estremo, di più pericoloso ancora: l'incapacità di amare il prossimo, l'umana insofferenza verso i propri simili.
    Non è vero che l'uomo ami i propri simili, non è vero che l'uomo sia in grado di farlo. L'uomo ama solo se stesso, ama gli altri solo in quanto proiezioni di se stesso.
    Il razzismo non è un sentimento di odio verso una determinata razza, è solo odio verso la propria razza, la razza umana.
    Ma veramente credi che qualcuno qui vedendosi presentare che so un Willy Smith come fidanzato da sua figlia non chiamerebbe il parroco d’urgenza per celebrare il matrimonio all'istante? Perché ha la pelle nera?

    Ps. "Umana" è la specie non la razza, la razza umana non esiste e Einstein era un fisico non un antropologo.

  8. #8
    L'avatar di MM(mister mib)
    Data Registrazione
    May 2005
    Messaggi
    6,800
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    572 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Citazione Originariamente Scritto da jump st. man Visualizza Messaggio
    Ho sempre trovato il razzismo una manifestazione del tutto imperfetta dell'insofferenza dell'uomo verso i propri simili. Perché, infatti, rimanere insofferenti solo verso il colore della pelle? L'insofferenza, in realtà, è molto più profonda: si è insofferenti verso il genere umano.
    Non è questione di razza!
    Il razzismo è solo una proiezione psichica, che scarica su un determinato tipo umano un'insofferenza molto più generale (razzista è colui che scarica in modo improprio l'insofferenza dell'uomo per i propri simili).
    In questo senso, il razzista permette all'insofferenza tout court di presentarsi come insofferenza limitata, parziale, settoriale. In realtà, si tratta d'insofferenza e basta, generata dell'assoluta umana incapacità di amare i propri simili. L'uomo, in realtà, non li sopporta.
    Il razzismo è solo un cortocircuito mentale, che nasconde una verità molto più amara: l'uomo non ama l'uomo, più genericamente non lo sopporta affatto.
    Il fatto che sopporti un po' meglio quelli che gli somigliano di più nasce semplicemente dal fatto che egli principalmente ama solo se stesso e che ama gli altri solo come proiezioni di se stesso. L'uomo è semplicemente un incallito narcisista, che ama solo chi accoglie e risponde all'amore che egli nutre verso se stesso. Il razzismo, essenzialmente, non esiste affatto.
    Esiste qualcosa di più estremo, di più pericoloso ancora: l'incapacità di amare il prossimo, l'umana insofferenza verso i propri simili.
    Non è vero che l'uomo ami i propri simili, non è vero che l'uomo sia in grado di farlo. L'uomo ama solo se stesso, ama gli altri solo in quanto proiezioni di se stesso.
    Il razzismo non è un sentimento di odio verso una determinata razza, è solo odio verso la propria razza, la razza umana.
    Sono assolutamente razzista,ma non per il colore della pelle.
    vedi, si scopre sempre qualcosa.....
    Sono profondamente razzista vs. gli ******, e ce ne sono troppi.
    e sono anche misogino, pur essendo eterosessuale .

  9. #9
    L'avatar di maxbunker
    Data Registrazione
    Feb 2001
    Messaggi
    12,450
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1852 Post(s)
    Potenza rep
    42949692

    quindi

    se la figlia della boldrini si sposasse con un nigeriano appena sbarcato sarebbe contentissima?

    mxb

  10. #10
    L'avatar di iccio
    Data Registrazione
    Jul 2002
    Messaggi
    83,743
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    6885 Post(s)
    Potenza rep
    42520195
    Citazione Originariamente Scritto da ForexNick Visualizza Messaggio
    alla parola "manifestazione" mi sono addormentato
    Un bel pippotto

Accedi