"L'eccellenza lombarda" - Pagina 11
Ftse Mib: chi vince e chi perde, solo 7 titoli immuni da bufera Covid
La pandemia ha copito duramente economia e mercati. Per le aziende le ricadute del lockdown si sono fatte sentire soprattutto sui dati del secondo trimestre. Le aziende che generano la …
Posizioni nette corte: Maire la più shortata di Piazza Affari, tra i primi 4 anche Bper e Banco
Dall?aggiornamento di oggi di Consob sulle posizioni nette corte (PNC) si apprende che il titolo più shortato a Piazza Affari è Maire Tecnimont con 2 posizioni short aperte per una quota …
S&P500, Ftse Mib e materie prime: cosa suggerisce l’analisi ciclica
Diversi i temi sul mercato anche in questo agosto, con materie prime come oro e argento sugli scudi e gli indici americani che continuano la loro corsa nonostante la situazione …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #101
    L'avatar di Arne Saknussemm
    Data Registrazione
    Dec 2017
    Messaggi
    9,437
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4880 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da enjoyash Visualizza Messaggio
    alle bojate cosa vuoi rispondere?
    io sono in veneto e anche per me è praticamente impossibile prendere appuntamento con il mio medico di base, fai code chilometriche, e non fa altro che fare ricette via email.
    a me sembra una spiegazione completamente plausibile ed in linea con quello che è successo nel corso dei decenni e che poi ha determinato importanti differenze nella gestione dell'emergenza.
    Giorgetti che diceva che i medici di base non servono più me lo sono sognato?
    Tutto può essere, eh

  2. #102
    L'avatar di enjoyash
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    24,896
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    13106 Post(s)
    Potenza rep
    42714288
    Citazione Originariamente Scritto da Arne Saknussemm Visualizza Messaggio
    a me sembra una spiegazione completamente plausibile ed in linea con quello che è successo nel corso dei decenni e che poi ha determinato importanti differenze nella gestione dell'emergenza.
    Giorgetti che diceva che i medici di base non servono più me lo sono sognato?
    Tutto può essere, eh
    e per quanto mi riguarda la spiegazione plausibile non è perché cozza con la mia esperienza di medici di base diretta, visto che vivo in veneto da sempre.

    ho anche un'amica (con medico di base diverso dal mio evidentemente) che ha avuto febbre e polmonite a fine febbraio -primi di marzo, non è stata visitata né seguita minimamente dal suo medico curante, si è dovuta arrangiare con pronto soccorso.

  3. #103
    L'avatar di Arne Saknussemm
    Data Registrazione
    Dec 2017
    Messaggi
    9,437
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4880 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da enjoyash Visualizza Messaggio
    e per quanto mi riguarda la spiegazione plausibile non è perché cozza con la mia esperienza di medici di base diretta, visto che vivo in veneto da sempre.

    ho anche un'amica (con medico di base diverso dal mio evidentemente) che ha avuto febbre e polmonite a fine febbraio -primi di marzo, non è stata visitata né seguita minimamente dal suo medico curante, si è dovuta arrangiare con pronto soccorso.
    infatti lui parla della sanità lombarda e delle differenze con quella veneta

  4. #104
    L'avatar di enjoyash
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    24,896
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    13106 Post(s)
    Potenza rep
    42714288
    Citazione Originariamente Scritto da Arne Saknussemm Visualizza Messaggio
    infatti lui parla della sanità lombarda e delle differenze con quella veneta
    e io dico che non vedo tutta questa efficienza dei medici di base in Veneto, quindi viene a cadere il discorso.

  5. #105
    L'avatar di anouk
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Messaggi
    4,029
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    1222 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da enjoyash Visualizza Messaggio
    niente sei in malafede a questo punto.

    Ti ho già spiegato che i dati di questa settimana non fanno testo perché con festivo (2 giugno) e ponte (1 giugno) molti laboratori han chiuso o dato ferie.

    Infatti anche in veneto (che ti piace tanto) son calati i tamponi giornalieri esaminati in questi giorni rispetto alla media delle ultime settimane precedenti.
    Prendi i dati degli ultimi 10 giorni, fai un favore alla tua intelligenza.
    Ma quello che non ti riesce ad entrare nella testa è che in Lombardia non si stanno facendo un numero sufficiente di tamponi e sto pensando non solo alla situazione attuale che comunque permane degna di attenzione ma penso al futuro. L' ospedale Niguarda, che è quello che fa piu' tamponi, aumenterà a fine giugno di 2000/3000 unità. Sempre sistema chiuso e quindi con la speranza di potere recuperare i reagenti . Il Veneto a settembre, con la metà della popolazione ne farà 30000 al giorno. Noi siamo lontanissimi da quel numero e , ripeto ancora, loro i reagenti se li producono. E sono stufo di sentirmi dire che Zaia è stato il piu' bravo, che si copi quello da lui fatto. Non si sembra di dire cose eversive, dovremmo essere tutti d' accordo su questo.

  6. #106
    L'avatar di Arne Saknussemm
    Data Registrazione
    Dec 2017
    Messaggi
    9,437
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4880 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da enjoyash Visualizza Messaggio
    e io dico che non vedo tutta questa efficienza dei medici di base in Veneto, quindi viene a cadere il discorso.
    quindi va a finire che è meglio la sanità calabra

  7. #107
    L'avatar di anouk
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Messaggi
    4,029
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    1222 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da Amicone Visualizza Messaggio
    Scusi sig. Spatrango,
    lei sarà del settore ma anche mia moglie lo è. Medico in Veneto.
    Ma io ho residenza in Lombardia ed il mio medico di base sta qui.

    Allora, le racconto come stanno davvero le cose in Lombardia: se hai bisogno di uno stent o di un bypass coronarico (tanto per fare un esempio), non c'è problema. Tra pubblico e privato troverai decine di centri di eccellenza. Perloppiù privati in convenzione (Humanitas, S.Raffaele, ecc), visto che la cardiologia è una specialità le cui prestazioni vengono pagate bene dalla Regione. E difatti in Lombardia ci sono più cardiologie di quante ce ne siano in tutta la Francia.

    Se invece hai la sfiga di essere nefropatico e hai bisogno di dialisi in Lombardia ti fanno fare quella ospedaliera (emodialisi), tre volte alla settimana in ospedale. Potresti magari anche fartela a casa di notte, collegato ad una macchinetta (dialisi peritoneale). Ma, poichè la peritoneale non prevedendo l'occupazione di posti letto in ospedale ha dei bassi rimborsi, non viene "spinta" dai privati. In Veneto invece la dialisi peritoneale ha una larghissima diffusione, con grande gioia dei pazienti che hanno una vita più "normale" rispetto a chi deve fare emodialisi in ospedale. E con gioia dei contribuenti che vedono un contenimento dei costi.

    Vogliamo poi parlare dell'accessibilità dei medici di base in Lombardia e in Veneto? Qui è praticamente impossibile (a meno che tu non sia un pensionato con tanto tempo a disposizione), avere un appuntamento con il medico di base. Non ti risponde al telefono. Non risponde ai msg, alle mail se non dopo giorni. L'unico modo è "assediarlo" in studio. E comunque più che darti esami da fare e scrivere impegnative non fa. In Veneto è tutt'altra storia, i medici di base ti danno appuntamento e soprattutto ti seguono davvero anche durante la malattia.

    Ma intendiamoci, questo non è merito di Zaia. Semplicemente Zaia è arrivato da pochi anni e non ha ancora fatto in tempo a scardinare il modello sanitario lasciato in eredità dalla DC veneta (Tina Anselmi, do you know?). In Lombardia invece Formigoni, ma ancor prima Guzzetti e Golfari, erano partiti da molto tempo. La sanità privata in Lombardia prende piede alla fine degli anni 90.

    E adesso i risultati sono sotto gli occhi di tutti: grande efficienza se sei cardiopatico, abbandonato a te stesso se hai una influenza.

    E questo perchè i privati non allestiscono reparti di infettivologia dato che le malattie infettive non sono costanti nel tempo, non danno "garanzie di continuità", quindi saltano i budget.
    Chiaro?
    Interessante l' esempio della dialisi peritoneale. Anche mia figlia lavora in un ospedale, quest' anno grande spinta vero gli interventi della colecisti e non solo

  8. #108
    L'avatar di magnamagna
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    25,606
    Blog Entries
    24
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    6 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Amicone Visualizza Messaggio
    Scusi sig. Spatrango,
    lei sarà del settore ma anche mia moglie lo è. Medico in Veneto.
    Ma io ho residenza in Lombardia ed il mio medico di base sta qui.

    Allora, le racconto come stanno davvero le cose in Lombardia: se hai bisogno di uno stent o di un bypass coronarico (tanto per fare un esempio), non c'è problema. Tra pubblico e privato troverai decine di centri di eccellenza. Perloppiù privati in convenzione (Humanitas, S.Raffaele, ecc), visto che la cardiologia è una specialità le cui prestazioni vengono pagate bene dalla Regione. E difatti in Lombardia ci sono più cardiologie di quante ce ne siano in tutta la Francia.

    Se invece hai la sfiga di essere nefropatico e hai bisogno di dialisi in Lombardia ti fanno fare quella ospedaliera (emodialisi), tre volte alla settimana in ospedale. Potresti magari anche fartela a casa di notte, collegato ad una macchinetta (dialisi peritoneale). Ma, poichè la peritoneale non prevedendo l'occupazione di posti letto in ospedale ha dei bassi rimborsi, non viene "spinta" dai privati. In Veneto invece la dialisi peritoneale ha una larghissima diffusione, con grande gioia dei pazienti che hanno una vita più "normale" rispetto a chi deve fare emodialisi in ospedale. E con gioia dei contribuenti che vedono un contenimento dei costi.

    Vogliamo poi parlare dell'accessibilità dei medici di base in Lombardia e in Veneto? Qui è praticamente impossibile (a meno che tu non sia un pensionato con tanto tempo a disposizione), avere un appuntamento con il medico di base. Non ti risponde al telefono. Non risponde ai msg, alle mail se non dopo giorni. L'unico modo è "assediarlo" in studio. E comunque più che darti esami da fare e scrivere impegnative non fa. In Veneto è tutt'altra storia, i medici di base ti danno appuntamento e soprattutto ti seguono davvero anche durante la malattia.

    Ma intendiamoci, questo non è merito di Zaia. Semplicemente Zaia è arrivato da pochi anni e non ha ancora fatto in tempo a scardinare il modello sanitario lasciato in eredità dalla DC veneta (Tina Anselmi, do you know?). In Lombardia invece Formigoni, ma ancor prima Guzzetti e Golfari, erano partiti da molto tempo. La sanità privata in Lombardia prende piede alla fine degli anni 90.

    E adesso i risultati sono sotto gli occhi di tutti: grande efficienza se sei cardiopatico, abbandonato a te stesso se hai una influenza.

    E questo perchè i privati non allestiscono reparti di infettivologia dato che le malattie infettive non sono costanti nel tempo, non danno "garanzie di continuità", quindi saltano i budget.
    Chiaro?
    Beh, altri tempi, Tina Anselmi mica era una odalisca igienista dentale di berlusconi craxi, nè una parente di berlinguer e togliatti ... comunque ricordiamo che però in veneto tenevano anche il sangue infetto della famiglia marcucci nei frigoriferi assieme alle confezioni di carne

  9. #109
    L'avatar di Galerkin
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Messaggi
    19,193
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    9883 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da _Warlock_ Visualizza Messaggio
    Va bene, ma qui si parla di non avere dato CIBO e COPERTE ai pazienti.
    Posso capire tutte le difficolta' del mondo, ma questo no.
    Mi è capitato anche a me nel civilissimo lazio di zingaretti tre anni fa quando fui ricoverato al San Giovanni per una polmonite.
    Niente coperta per due giorni.
    E là non avevano neanche la scusa dell'emergenza

    PS:
    Per la sanità nel lazio, grazie a zingaretti, si paga il doppio della Lombardia e i servizi sono da terzo mondo.

  10. #110
    L'avatar di Triskel
    Data Registrazione
    Sep 2002
    Messaggi
    3,109
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    743 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Citazione Originariamente Scritto da enjoyash Visualizza Messaggio
    quella di Bersani è una frase oscena. Primo perché nessuno può sapere come sarebbero andare le cose con un governo diverso. Secondo perché nessuno può sapere come sarebbe andata se il centro dell'epidemia fosse stato il Lazio o la Campania, anziché la Lombardia.
    Fare queste speculazioni da parte di certi politici è veramente vergognoso.
    Con un governo diverso le cose sarebbero andate esattamente come con questo. Chi ha gestito materialmente il problema sarebbe stato lo stesso anche se i ministri fossero stati altri. Non è che perchè il ministro è di destra i vari Borrelli, Arcuri, Brusaferro e compagnia se ne vanno e al loro posto ne arrivano altri meno bravi.

Accedi