Corona virus in Italia: news e aggiornamenti - Pagina 4
Enel e FCA trascinano Piazza Affari, in corsa anche Unicredit
Martedì molto positivo per Piazza Affari che però chiude lontano dai massimi di giornata. Anche oggi sponda importante dall?ottimismo legato all’appiattimento della curva dei contagi. Il Ftse Mib ha chiuso …
BNP Paribas: affronta il mercato con il Phoenix Snowball su UniCredit
La banca francese lancia sul mercato un nuovo certificato d?investimento Phoenix Snowball su sottostante UniCredit (ISIN: XS2087072216). Le caratteristiche del prodotto lo rendono funzionale alla congiuntura attuale di forte incertezza …
Chi è Mr Diasorin e l’azzardo di 20 anni che l’ha reso miliardario
Chi c’è dietro il successo di DiaSorin, la multinazionale attiva nel settore della diagnostica che in queste settimane è all’onore della cronaca per i test legati a Covid-19? Il suo …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #31

    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    6,962
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    2025 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da rua Visualizza Messaggio
    Stai parlando di una eventualità ancora non accaduta e che speriamo non si avveri.
    In Africa ci sono 7 milioni di cinesi Ricordalo 🙄 quello che i Finti sovranisti non riescono a fare lo farà il coronavirus cioè liberarci dei liberisti

  2. #32
    L'avatar di Dav. c. G.
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    45,355
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    11115 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da vinkor Visualizza Messaggio
    Milano rischia di diventare l'epicentro del contagio in Italia, assieme a Prato (grazie al folle governatore della Toscana)
    tenete presente che a Milano ogni giorno convergono lavoratori da tutta la Lombardia e l'hinterland conta oltre 4 milioni di abitanti a fronte di 1 milione di milanesi
    inoltre arrivano in treno dalle provincie di Monza-Brianza, Varese, Como,Lecco, Lodi, Novara, Piacenza, Cremona, Bergamo e Brescia (un po'meno queste tre ultime)

    quindi se non riescono a bloccare Codogno, Castiglione d'Adda e Casal Pusterlengo, il contagio si propagherà presto per tutta la Lombardia, purtroppo anche dalle mie parti da dove partono ogni giorno centinaia di pendolari che lavorano o studiano a Milano

    per colpa dei mancati controlli e quarantena di persone arrivate dalla Cina
    pare che il paziente zero sia stato in contatto con un cinese arrivato in Italia intorno al 20 gennaio
    Sciacquati la bocca quando parli della Toscana e della sua amministrazione regionale:

    In toscana c'è stata tutta un'altra organizzazione (preventiva) per i rientrati dalla Cina, rispetto alla lombardia:

    Coronavirus, la Toscana si attrezza: attesi 2500 cinesi, apre l’ambulatorio <<lilla>> - Il Sole 24 ORE

    UNA STRUTTURA PER I CONTROLLI

    Coronavirus, la Toscana si attrezza: attesi 2500 cinesi, apre l’ambulatorio «lilla»
    La Regione ha aperto d’accordo con il consolato e la comunità cinese un ambulatorio di screening e assistenza separato per chi presenta sintomi
    di Barbara Gobbi

    Sono 2.500 le persone attese in Toscana di rientro dalla Cina, dove i tanti che erano andati per festeggiare il capodanno lunare sono rimasti bloccati dall’emergenza nuovo coronavirus. E la Regione ha deciso di attrezzarsi, aprendo d’accordo con il consolato e con la comunità cinese un ambulatorio di screening e assistenza separato, in grado di dare risposte rapide a chi presenta sintomi ma anche di tutelare tutta la popolazione che in alternativa sarebbe in situazione promiscua e a potenziale rischio nei Pronto soccorso degli ospedali pubblici o negli ambulatori medici.

    L’ambulatorio «Lilla»
    Nasce, così, all’Osmannoro nel Comune di Sesto Fiorentino, l’ambulatorio Lilla gestito dalla Asl Toscana Centro: un’opportunità in più sul fronte della prevenzione, pensato per visitare quei cittadini che di ritorno dalle aree a rischio sono sintomatici o sono stati a contatto con persone malate. Chi abbia febbre, tosse e problemi respiratori che facciano pensare a un possibile caso di Covid-19, il nuovo coronavirus, può quindi prenotarsi a un numero dedicato attivo dal lunedì al venerdì per una visita totalmente gratuita, arrivando con propri mezzi personali e indossando una mascherina protettiva. Le visite saranno scaglionate: una ogni mezz'ora. Se ci sono casi sospetti, scatterà il tampone faringeo che poi sarà inviato all’ospedale Careggi di Firenze per l'esame.


    La platea interessata
    La maggior parte dei cittadini cinesi residenti nell’area dell’ambulatorio Lilla arriva dalla provincia di Zheijang, dove sono stati accertati 1.271 casi di coronavirus (2 ogni 100mila abitanti) e nessun decesso. La situazione di partenza è quindi decisamente diversa dal dramma che dell'epicentro a Wuhan nella provincia dello Hubei, dove i morti sfiorano i 2mila.
    Quindi massima precauzione e prevenzione, in linea con l'approccio del ministero della Salute, ma nessun allarmismo. A spiegare questo approccio è l’assessore toscano alla Sanità, Stefania Saccardi: «Stiamo informando la popolazione con volantini su organizzazione e orari dell'ambulatorio Lilla. La platea potenzialmente interessata è di 2.500 persone secondo quanto ci ha comunicato il console cinese – spiega – ma non ci aspettiamo folle, perché circa un migliaio di persone sono già sotto controllo delle autorità sanitarie nelle loro abitazioni. Infatti sono circa 400 i bambini rientrati dalla Cina che in seguito alla circolare del ministero della Salute sono stati invitati a restare a casa da scuola. Se ai bambini aggiungiamo i genitori, sono 1.200 le persone in isolamento a casa che vengono controllate quotidianamente. Peraltro, può darsi che queste persone non arrivino neppure, perché i voli sono bloccati».

  3. #33

    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    6,962
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    2025 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Dav. c. G. Visualizza Messaggio
    Sciacquati la bocca quando parli della Toscana e della sua amministrazione regionale:

    In toscana c'è stata tutta un'altra organizzazione (preventiva) per i rientrati dalla Cina, rispetto alla lombardia:

    Coronavirus, la Toscana si attrezza: attesi 2500 cinesi, apre l’ambulatorio <<lilla>> - Il Sole 24 ORE

    NA STRUTTURA PER I CONTROLLI

    Coronavirus, la Toscana si attrezza: attesi 2500 cinesi, apre l’ambulatorio «lilla»
    La Regione ha aperto d’accordo con il consolato e la comunità cinese un ambulatorio di screening e assistenza separato per chi presenta sintomi
    di Barbara Gobbi

    Sono 2.500 le persone attese in Toscana di rientro dalla Cina, dove i tanti che erano andati per festeggiare il capodanno lunare sono rimasti bloccati dall’emergenza nuovo coronavirus. E la Regione ha deciso di attrezzarsi, aprendo d’accordo con il consolato e con la comunità cinese un ambulatorio di screening e assistenza separato, in grado di dare risposte rapide a chi presenta sintomi ma anche di tutelare tutta la popolazione che in alternativa sarebbe in situazione promiscua e a potenziale rischio nei Pronto soccorso degli ospedali pubblici o negli ambulatori medici.

    L’ambulatorio «Lilla»
    Nasce, così, all’Osmannoro nel Comune di Sesto Fiorentino, l’ambulatorio Lilla gestito dalla Asl Toscana Centro: un’opportunità in più sul fronte della prevenzione, pensato per visitare quei cittadini che di ritorno dalle aree a rischio sono sintomatici o sono stati a contatto con persone malate. Chi abbia febbre, tosse e problemi respiratori che facciano pensare a un possibile caso di Covid-19, il nuovo coronavirus, può quindi prenotarsi a un numero dedicato attivo dal lunedì al venerdì per una visita totalmente gratuita, arrivando con propri mezzi personali e indossando una mascherina protettiva. Le visite saranno scaglionate: una ogni mezz'ora. Se ci sono casi sospetti, scatterà il tampone faringeo che poi sarà inviato all’ospedale Careggi di Firenze per l'esame.


    La platea interessata
    La maggior parte dei cittadini cinesi residenti nell’area dell’ambulatorio Lilla arriva dalla provincia di Zheijang, dove sono stati accertati 1.271 casi di coronavirus (2 ogni 100mila abitanti) e nessun decesso. La situazione di partenza è quindi decisamente diversa dal dramma che dell'epicentro a Wuhan nella provincia dello Hubei, dove i morti sfiorano i 2mila.
    Quindi massima precauzione e prevenzione, in linea con l'approccio del ministero della Salute, ma nessun allarmismo. A spiegare questo approccio è l’assessore toscano alla Sanità, Stefania Saccardi: «Stiamo informando la popolazione con volantini su organizzazione e orari dell'ambulatorio Lilla. La platea potenzialmente interessata è di 2.500 persone secondo quanto ci ha comunicato il console cinese – spiega – ma non ci aspettiamo folle, perché circa un migliaio di persone sono già sotto controllo delle autorità sanitarie nelle loro abitazioni. Infatti sono circa 400 i bambini rientrati dalla Cina che in seguito alla circolare del ministero della Salute sono stati invitati a restare a casa da scuola. Se ai bambini aggiungiamo i genitori, sono 1.200 le persone in isolamento a casa che vengono controllate quotidianamente. Peraltro, può darsi che queste persone non arrivino neppure, perché i voli sono bloccati».
    Il tempo é galantuomo staremo a vedere io non credo

  4. #34
    L'avatar di Milordpiero
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    14,643
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    3597 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Dav. c. G. Visualizza Messaggio
    Sciacquati la bocca quando parli della Toscana e della sua amministrazione regionale:

    In toscana c'è stata tutta un'altra organizzazione (preventiva) per i rientrati dalla Cina, rispetto alla lombardia:

    Coronavirus, la Toscana si attrezza: attesi 2500 cinesi, apre l’ambulatorio <<lilla>> - Il Sole 24 ORE

    NA STRUTTURA PER I CONTROLLI

    Coronavirus, la Toscana si attrezza: attesi 2500 cinesi, apre l’ambulatorio «lilla»
    La Regione ha aperto d’accordo con il consolato e la comunità cinese un ambulatorio di screening e assistenza separato per chi presenta sintomi
    di Barbara Gobbi

    Sono 2.500 le persone attese in Toscana di rientro dalla Cina, dove i tanti che erano andati per festeggiare il capodanno lunare sono rimasti bloccati dall’emergenza nuovo coronavirus. E la Regione ha deciso di attrezzarsi, aprendo d’accordo con il consolato e con la comunità cinese un ambulatorio di screening e assistenza separato, in grado di dare risposte rapide a chi presenta sintomi ma anche di tutelare tutta la popolazione che in alternativa sarebbe in situazione promiscua e a potenziale rischio nei Pronto soccorso degli ospedali pubblici o negli ambulatori medici.

    L’ambulatorio «Lilla»
    Nasce, così, all’Osmannoro nel Comune di Sesto Fiorentino, l’ambulatorio Lilla gestito dalla Asl Toscana Centro: un’opportunità in più sul fronte della prevenzione, pensato per visitare quei cittadini che di ritorno dalle aree a rischio sono sintomatici o sono stati a contatto con persone malate. Chi abbia febbre, tosse e problemi respiratori che facciano pensare a un possibile caso di Covid-19, il nuovo coronavirus, può quindi prenotarsi a un numero dedicato attivo dal lunedì al venerdì per una visita totalmente gratuita, arrivando con propri mezzi personali e indossando una mascherina protettiva. Le visite saranno scaglionate: una ogni mezz'ora. Se ci sono casi sospetti, scatterà il tampone faringeo che poi sarà inviato all’ospedale Careggi di Firenze per l'esame.


    La platea interessata
    La maggior parte dei cittadini cinesi residenti nell’area dell’ambulatorio Lilla arriva dalla provincia di Zheijang, dove sono stati accertati 1.271 casi di coronavirus (2 ogni 100mila abitanti) e nessun decesso. La situazione di partenza è quindi decisamente diversa dal dramma che dell'epicentro a Wuhan nella provincia dello Hubei, dove i morti sfiorano i 2mila.
    Quindi massima precauzione e prevenzione, in linea con l'approccio del ministero della Salute, ma nessun allarmismo. A spiegare questo approccio è l’assessore toscano alla Sanità, Stefania Saccardi: «Stiamo informando la popolazione con volantini su organizzazione e orari dell'ambulatorio Lilla. La platea potenzialmente interessata è di 2.500 persone secondo quanto ci ha comunicato il console cinese – spiega – ma non ci aspettiamo folle, perché circa un migliaio di persone sono già sotto controllo delle autorità sanitarie nelle loro abitazioni. Infatti sono circa 400 i bambini rientrati dalla Cina che in seguito alla circolare del ministero della Salute sono stati invitati a restare a casa da scuola. Se ai bambini aggiungiamo i genitori, sono 1.200 le persone in isolamento a casa che vengono controllate quotidianamente. Peraltro, può darsi che queste persone non arrivino neppure, perché i voli sono bloccati».
    a futura memoria

  5. #35

    Data Registrazione
    Apr 2004
    Messaggi
    29,552
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    2981 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da icsbox Visualizza Messaggio
    In Africa ci sono 7 milioni di cinesi Ricordalo 🙄 quello che i Finti sovranisti non riescono a fare lo farà il coronavirus cioè liberarci dei liberisti
    Coi fatti di oggi potrebbero essere loro a scappare dall'Italia, intendo quelli a cui io credo tu alludi cioè sbarchi a senso inverso scappare in Libia da Lampedusa..

  6. #36
    L'avatar di Dav. c. G.
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    45,355
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    11115 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da icsbox Visualizza Messaggio
    Il tempo é galantuomo staremo a vedere io non credo
    Il presente già ci parla dell'organizzazione sanitaria della Lombardia.

  7. #37

    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    4,132
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    1863 Post(s)
    Potenza rep
    40532051
    Citazione Originariamente Scritto da Dav. c. G. Visualizza Messaggio
    Il presente già ci parla dell'organizzazione sanitaria della Lombardia.
    Mah, se il ss toscano paga l'omeopatia, qualche dubbio mi viene

  8. #38
    L'avatar di ceck78
    Data Registrazione
    May 2005
    Messaggi
    25,016
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    2318 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da _Warlock_ Visualizza Messaggio
    Qui l'untore e' un manager lombardo.
    Il giorno che accenderai il cervello, sara' sempre troppo tardi.
    E' stato contagiato entrando in contatto con persone tornate dalla Cina. Potevano essere cinesi, coreani, italiani, americani, tedeschi o greci. Chissenefrega. Importa solo che i controlli non sono stati fatti a dovere. Avrai un neurone forse che te lo avrà fatto pensare vero?

  9. #39
    L'avatar di Arne Saknussemm
    Data Registrazione
    Dec 2017
    Messaggi
    8,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4159 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    quindi questo va al pronto soccorso il 15 febbraio e lo mandano via.
    Perfetto.

  10. #40
    L'avatar di Arne Saknussemm
    Data Registrazione
    Dec 2017
    Messaggi
    8,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4159 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da _Warlock_ Visualizza Messaggio
    Vabbe', dai, e' successo in Lombardia, lo controlleranno.
    Pensate se fosse successo a Napoli...sarebbe stata una strage.
    pensa te.
    A Napoli hanno debellato il colera 50 anni fa.
    Altro che corona virus.

Accedi