Roma: che bel quadretto
Enel fa 13 e detta legge sul Ftse Mib con +30% da metà maggio. Nuovo step nella mobilità sostenibile
Non conosce soste la striscia record di rialzi per Enel. Da metà maggio in avanti la salita è stata ininterrotta e anche oggi la musica non cambia: oltre +3% per …
London Stock Exchange annuncia ampio sostegno a taglio orario trading. La controllata Piazza Affari si appresta a chiudere prima?
Della possibilità che Borsa Italiana riduca l’orario di trading, se ne parla da un po’. Rumor in tal senso circolano infatti da mesi. In queste ultime ore la questione è …
Iliad e Sky lanciano sfida nella telefonia fissa, Telecom trema in Borsa davanti a spauracchio guerra prezzi
Telecom Italia non dorme sonni tranquilli in Borsa alla luce delle ultime indiscrezioni che vedono anche Iliad pronta a concorrere nell’arena della telefonia fissa. Indiscrezione che fa soffrire Telecom che …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di travis22
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    8,442
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    2304 Post(s)
    Potenza rep
    42949682

    Roma: che bel quadretto

    Bella immagine che date al mondo...

    Roma, Colosseo: racket, clandestini e due vigili - Corriere.it

    Roma: bolgia intorno al Colosseo Racket, clandestini e due vigili
    Il centurione chiede 50 euro per un selfie al turista americano, poi lo strattona: «Me stai a fa’ perde tempo». Gli abusivi vendono i biglietti «salta-fila» a 25 euro invece che a 16. Spacciatori vicino alla Domus Aurea
    di Fabrizio Roncone
    Roma: bolgia intorno al Colosseo Racket, clandestini e due vigili

    State a sentire.
    Ecco qui il Colosseo. L’idea era: vediamo che succede intorno al monumento più famoso del mondo. Luogo di crimini reiterati. Sulle pagine delle cronache locali: notizie di risse, inseguimenti, furti, spaccio. Traboccante sensazione di impunità.
    Quando sei sotto al Colosseo, pensi sempre: Dio mio quanto è grande. Allora provi a guardarlo meglio: solo che a quel punto ti sembra ancora più grande (oggi, poi, è appeso a un cielo azzurro, assolutamente azzurro). Sono riflessioni un po’ infantili, ma piene di uno stupore inevitabile e commovente e almeno 7 milioni e mezzo di visitatori, quelli dell’anno scorso, possono confermare che è proprio ciò che capita. Poi, però, regolarmente, qualcosa spezza l’incantesimo del bello.
    Come adesso.
    Laggiù.
    Oltre la transenna, dietro a quel matto che, con una banana sbucciata in mano, dice di essere Gesù di Nazareth. Subito dietro: dove un tipaccio travestito da centurione romano — il naso a becco, un ricamo sulla guancia, una rosa rossa tatuata sull’avambraccio — ha attaccato un turista americano all’inferriata del Palatino. Sono anni che questi ceffi travestiti da centurioni continuano a infestare la zona. Ed è incredibile che continuino a farlo.
    Stavolta è andata così.
    Il turista, circa cinquant’anni, giacca a vento dei New York Yankees, chiede in inglese quanto costa farsi un selfie insieme. Il centurione mette su un sorriso fasullo e, aiutandosi a gesti, spiega che servono appena 50 euro, ci mettiamo calmi calmi e ti fai con me tutte le foto che vuoi. L’americano è indeciso, l’amico intanto si è allontanato, e così finisce che l’americano cincischia, chiede uno sconto, poi ci ripensa, si scusa, dice che tornerà più tardi. Si volta come per andarsene, ma il centurione lo prende per il braccio: «Me stai a fa’ perde tempo...». Il turista cerca di liberarsi dalla presa, invece si ritrova appiccicato all’inferriata. Il centurione gli urla addosso, gli sputa addosso. Poi, con disprezzo, lo molla.
    La scena è durata meno di due minuti.
    Nessuno è intervenuto.
    I turisti sono soli e abbandonati dentro questa tremenda confusione, questa bolgia di stampo medievale: lo sguardo scorre sui mendicanti che fingono di essere storpi e le batterie di giovanissime borseggiatrici nomadi pronte ad attaccare con le loro manine veloci, ci sono i cestini dei rifiuti colmi, c’è quell’oscenità dell’eterno cantiere della metro C, ci sono due prostitute che rimorchiano una coppia di messicani increduli e un mangiafuoco con la barba nera come quello di Pinocchio, ci sono due ubriachi con la radio accesa che cercano di trascinare a ballare due ragazze di Verona («Ma non c’è un poliziotto, qui?») e davanti a loro la scorribanda degli ambulanti che provano a venderti caricabatterie per gli smartphone e ombrelli, occhiali da sole e bottigliette d’acqua a 5 euro l’una, e non un euro di meno, tanto o paghi o muori di sete, perché non c’è un bar, non c’è un bagno, non c’è un cartello che indichi al turista dove sono gli ingressi per entrare dentro il panorama pazzesco che è venuto a visitare: con l’Anfiteatro Flavio e l’Arco di Costantino, il Palatino e i Fori e, in alto, il Colle Oppio e la Domus Aurea.


    (Tutti i siti fanno parte del Parco Archeologico del Colosseo che, dal 2018, è diretto da Alfonsina Russo.
    «Lo so: la situazione, fuori dai siti, è complicata».
    Una vergogna planetaria, direi.
    «Senta, io mi occupo di ciò che accade dentro. Premesso questo, con la sindaca Virginia Raggi abbiamo aperto un tavolo permanente dove affrontare l’emergenza della criminalità e del malaffare che attanaglia i turisti».
    Lei è ottimista.
    «In che senso?».
    Nel senso che se aspetta dalla sindaca Raggi la soluzione di un problema, la vedo dura.
    «Io, però, non posso arrendermi. Mi incoraggia perciò sapere che, ultimamente, sono stati almeno effettuati controlli straordinari sui responsabili della truffa “saltafila”»).


    Immigrati clandestini assoldati dalle organizzazioni che gestiscono il racket dei biglietti. Indossano pettorine verdi e arancioni simili a quelle degli addetti che lavorano per il centro informazioni ufficiale di via dei Fori Imperiali. Promettono di far saltare la lunga coda per entrare al Colosseo: al turista chiedono 25 euro a biglietto (che, al botteghino, ne costa 16; 18 acquistandolo online). L’altro giorno, i vigili urbani ne hanno denunciati 17. I vigili compiono questi blitz — chiamiamoli così — a bordo di auto civetta, cioè senza insegne, ma indossando la divisa. L’effetto sorpresa diventa un effetto comico.
    Adesso, comunque, ci sono solo due vigili urbani. E, come spesso capita ai vigili urbani di Roma durante il servizio, fumano (uno fuma e parla con la moglie al cellulare: «Amò... e niente, io sto qui ar Colosseo... du’ palle»).
    Disturbiamoli un po’.


    (Buongiorno, posso farle una domanda?
    «Dica».
    Perché non siete intervenuti poco fa? Un centurione, laggiù, ha aggredito un turista americano.
    «Ma dove?», risponde quello che sembra essere il capo pattuglia.
    Laggiù.
    «Ah, boh. Non ce ne siamo accorti».
    Questi centurioni non sono...
    «I centurioni so’ centurioni... Ah ah ah!».
    Vi sarete accorti degli ambulanti.
    «Quali? Ci sono venditori ambulanti?».
    Guardi, lì c’è persino un mangiafuoco.
    «Ma mica è pericoloso... comunque, mi diaretta: c’è il sole, sembra una mattina di primavera... perché invece di intervistare due poveri vigili, non si fa una bella passeggiata?»).
    Facciamola, una passeggiata.


    All’inizio e alla fine di via dei Fori Imperiali, chiusa al traffico, e costeggiando quindi la meraviglia dei Fori, quattro blindati dell’esercito e otto militari. Sperando, si suppone, che un terrorista arrivi in macchina e venga quindi fermato ai checkpoint, e non preferisca invece arrivare camminando sul marciapiede, o proprio in metropolitana, con lo zainetto. Due carabinieri di pattuglia incontrati in via degli Annibaldi (dove i furgoni Mercedes degli Ncc sono parcheggiati in quadrupla fila). Lo scorso 23 agosto, un autotrasportatore tedesco fermò il suo Tir in via di San Gregorio, mise le quattro frecce, e scese a scattare foto ricordo con il cellulare (le agenzie riferirono il suo commento: «Solo per me divieto in porca città»). Una settimana prima, un turista vietnamita aveva fatto alzare in volo un drone. Cinque li hanno sorpresi mentre incidevano i loro nomi sui ruderi. Una coppia di punkabbestia risale via della Domus Aurea: intorno ai resti della villa di Nerone, visitabile solo nel fine settimana, vive una comunità cenciosa di sbandati e clandestini, nelle fessure dei ruderi gli spacciatori nascondono le dosi destinate ai consumatori del centro storico.


    («È una fogna, questa zona: e sarei io, il problema?», s’interroga — in romanesco stretto — il centurione che prima ha aggredito quel turista americano.
    Quanti siete?
    «Una decina. Tutti onesti lavoratori, eh».
    Avete una licenza?
    «A bbbello, io è na’ vita che vivo d’espedienti... mo’ te pare che pe’ vestimme da antico romano ciò bisogno der permesso?».
    I vigili urbani non le dicono niente?
    «Fanno i bravi. Chiudono un occhio. So’ padri de famiglia pure loro».
    Prima però lei ha maltrattato quel turista...
    «Io? Ma quando? Io so’ na personcina a modo...»).






    L’ultimo sguardo è sulla «botticella» che arriva trainata da un povero cavallo ormai sfiancato. Ci sono turisti che non rinunciano. Il vetturino: «Per 150 euro, un giro di un’ora».
    Che bestiaccia.
    Il vetturino, intendo.

  2. #2
    L'avatar di maxbunker
    Data Registrazione
    Feb 2001
    Messaggi
    12,328
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1816 Post(s)
    Potenza rep
    42949692

    la turistificazione di roma

    ha prodotto questo degrado insopportabile e accettato nello stesso momento... che poi tutto questo turismo di massa mica lo so se al cittadino porta guadagno ...
    forse solamente a chi ha direttamente un business, ma alla collettivita' per me è solo un danno... dovremmo diventare tutti centurioni

    mxb

  3. #3
    L'avatar di maxbank
    Data Registrazione
    May 2014
    Messaggi
    33,296
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    14571 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    fanno bene, i morti di fame vanno bastonati.

  4. #4

    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    25,295
    Mentioned
    15 Post(s)
    Quoted
    7482 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da travis22 Visualizza Messaggio
    Bella immagine che date al mondo...

    Roma, Colosseo: racket, clandestini e due vigili - Corriere.it

    Roma: bolgia intorno al Colosseo Racket, clandestini e due vigili
    Il centurione chiede 50 euro per un selfie al turista americano, poi lo strattona: «Me stai a fa’ perde tempo». Gli abusivi vendono i biglietti «salta-fila» a 25 euro invece che a 16. Spacciatori vicino alla Domus Aurea
    di Fabrizio Roncone
    Roma: bolgia intorno al Colosseo Racket, clandestini e due vigili

    State a sentire.
    Ecco qui il Colosseo. L’idea era: vediamo che succede intorno al monumento più famoso del mondo. Luogo di crimini reiterati. Sulle pagine delle cronache locali: notizie di risse, inseguimenti, furti, spaccio. Traboccante sensazione di impunità.
    Quando sei sotto al Colosseo, pensi sempre: Dio mio quanto è grande. Allora provi a guardarlo meglio: solo che a quel punto ti sembra ancora più grande (oggi, poi, è appeso a un cielo azzurro, assolutamente azzurro). Sono riflessioni un po’ infantili, ma piene di uno stupore inevitabile e commovente e almeno 7 milioni e mezzo di visitatori, quelli dell’anno scorso, possono confermare che è proprio ciò che capita. Poi, però, regolarmente, qualcosa spezza l’incantesimo del bello.
    Come adesso.
    Laggiù.
    Oltre la transenna, dietro a quel matto che, con una banana sbucciata in mano, dice di essere Gesù di Nazareth. Subito dietro: dove un tipaccio travestito da centurione romano — il naso a becco, un ricamo sulla guancia, una rosa rossa tatuata sull’avambraccio — ha attaccato un turista americano all’inferriata del Palatino. Sono anni che questi ceffi travestiti da centurioni continuano a infestare la zona. Ed è incredibile che continuino a farlo.
    Stavolta è andata così.
    Il turista, circa cinquant’anni, giacca a vento dei New York Yankees, chiede in inglese quanto costa farsi un selfie insieme. Il centurione mette su un sorriso fasullo e, aiutandosi a gesti, spiega che servono appena 50 euro, ci mettiamo calmi calmi e ti fai con me tutte le foto che vuoi. L’americano è indeciso, l’amico intanto si è allontanato, e così finisce che l’americano cincischia, chiede uno sconto, poi ci ripensa, si scusa, dice che tornerà più tardi. Si volta come per andarsene, ma il centurione lo prende per il braccio: «Me stai a fa’ perde tempo...». Il turista cerca di liberarsi dalla presa, invece si ritrova appiccicato all’inferriata. Il centurione gli urla addosso, gli sputa addosso. Poi, con disprezzo, lo molla.
    La scena è durata meno di due minuti.
    Nessuno è intervenuto.
    I turisti sono soli e abbandonati dentro questa tremenda confusione, questa bolgia di stampo medievale: lo sguardo scorre sui mendicanti che fingono di essere storpi e le batterie di giovanissime borseggiatrici nomadi pronte ad attaccare con le loro manine veloci, ci sono i cestini dei rifiuti colmi, c’è quell’oscenità dell’eterno cantiere della metro C, ci sono due prostitute che rimorchiano una coppia di messicani increduli e un mangiafuoco con la barba nera come quello di Pinocchio, ci sono due ubriachi con la radio accesa che cercano di trascinare a ballare due ragazze di Verona («Ma non c’è un poliziotto, qui?») e davanti a loro la scorribanda degli ambulanti che provano a venderti caricabatterie per gli smartphone e ombrelli, occhiali da sole e bottigliette d’acqua a 5 euro l’una, e non un euro di meno, tanto o paghi o muori di sete, perché non c’è un bar, non c’è un bagno, non c’è un cartello che indichi al turista dove sono gli ingressi per entrare dentro il panorama pazzesco che è venuto a visitare: con l’Anfiteatro Flavio e l’Arco di Costantino, il Palatino e i Fori e, in alto, il Colle Oppio e la Domus Aurea.


    (Tutti i siti fanno parte del Parco Archeologico del Colosseo che, dal 2018, è diretto da Alfonsina Russo.
    «Lo so: la situazione, fuori dai siti, è complicata».
    Una vergogna planetaria, direi.
    «Senta, io mi occupo di ciò che accade dentro. Premesso questo, con la sindaca Virginia Raggi abbiamo aperto un tavolo permanente dove affrontare l’emergenza della criminalità e del malaffare che attanaglia i turisti».
    Lei è ottimista.
    «In che senso?».
    Nel senso che se aspetta dalla sindaca Raggi la soluzione di un problema, la vedo dura.
    «Io, però, non posso arrendermi. Mi incoraggia perciò sapere che, ultimamente, sono stati almeno effettuati controlli straordinari sui responsabili della truffa “saltafila”»).



    Immigrati clandestini assoldati dalle organizzazioni che gestiscono il racket dei biglietti. Indossano pettorine verdi e arancioni simili a quelle degli addetti che lavorano per il centro informazioni ufficiale di via dei Fori Imperiali. Promettono di far saltare la lunga coda per entrare al Colosseo: al turista chiedono 25 euro a biglietto (che, al botteghino, ne costa 16; 18 acquistandolo online). L’altro giorno, i vigili urbani ne hanno denunciati 17. I vigili compiono questi blitz — chiamiamoli così — a bordo di auto civetta, cioè senza insegne, ma indossando la divisa. L’effetto sorpresa diventa un effetto comico.
    Adesso, comunque, ci sono solo due vigili urbani. E, come spesso capita ai vigili urbani di Roma durante il servizio, fumano (uno fuma e parla con la moglie al cellulare: «Amò... e niente, io sto qui ar Colosseo... du’ palle»).
    Disturbiamoli un po’.


    (Buongiorno, posso farle una domanda?
    «Dica».
    Perché non siete intervenuti poco fa? Un centurione, laggiù, ha aggredito un turista americano.
    «Ma dove?», risponde quello che sembra essere il capo pattuglia.
    Laggiù.
    «Ah, boh. Non ce ne siamo accorti».
    Questi centurioni non sono...
    «I centurioni so’ centurioni... Ah ah ah!».
    Vi sarete accorti degli ambulanti.
    «Quali? Ci sono venditori ambulanti?».
    Guardi, lì c’è persino un mangiafuoco.
    «Ma mica è pericoloso... comunque, mi diaretta: c’è il sole, sembra una mattina di primavera... perché invece di intervistare due poveri vigili, non si fa una bella passeggiata?»).
    Facciamola, una passeggiata.


    All’inizio e alla fine di via dei Fori Imperiali, chiusa al traffico, e costeggiando quindi la meraviglia dei Fori, quattro blindati dell’esercito e otto militari. Sperando, si suppone, che un terrorista arrivi in macchina e venga quindi fermato ai checkpoint, e non preferisca invece arrivare camminando sul marciapiede, o proprio in metropolitana, con lo zainetto. Due carabinieri di pattuglia incontrati in via degli Annibaldi (dove i furgoni Mercedes degli Ncc sono parcheggiati in quadrupla fila). Lo scorso 23 agosto, un autotrasportatore tedesco fermò il suo Tir in via di San Gregorio, mise le quattro frecce, e scese a scattare foto ricordo con il cellulare (le agenzie riferirono il suo commento: «Solo per me divieto in porca città»). Una settimana prima, un turista vietnamita aveva fatto alzare in volo un drone. Cinque li hanno sorpresi mentre incidevano i loro nomi sui ruderi. Una coppia di punkabbestia risale via della Domus Aurea: intorno ai resti della villa di Nerone, visitabile solo nel fine settimana, vive una comunità cenciosa di sbandati e clandestini, nelle fessure dei ruderi gli spacciatori nascondono le dosi destinate ai consumatori del centro storico.


    («È una fogna, questa zona: e sarei io, il problema?», s’interroga — in romanesco stretto — il centurione che prima ha aggredito quel turista americano.
    Quanti siete?
    «Una decina. Tutti onesti lavoratori, eh».
    Avete una licenza?
    «A bbbello, io è na’ vita che vivo d’espedienti... mo’ te pare che pe’ vestimme da antico romano ciò bisogno der permesso?».
    I vigili urbani non le dicono niente?
    «Fanno i bravi. Chiudono un occhio. So’ padri de famiglia pure loro».
    Prima però lei ha maltrattato quel turista...
    «Io? Ma quando? Io so’ na personcina a modo...»).






    L’ultimo sguardo è sulla «botticella» che arriva trainata da un povero cavallo ormai sfiancato. Ci sono turisti che non rinunciano. Il vetturino: «Per 150 euro, un giro di un’ora».
    Che bestiaccia.
    Il vetturino, intendo.

    Quando c'era salvini, la raggi lo attaccava dicendo che aspettava più agenti di polizia. A parte il fatto che basterebbero gli agenti di polizia municipale, bellezza. Ma alla morgese non ha niente da dire? O cane non morde cane?

  5. #5
    L'avatar di Mojito F.C.
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    97,176
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    574 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    turisti gentili e disciplinati non ne ho visto in nessuna parte del mondo, per quanto mi riguarda... il turismo dovrebbe essere fortemente ripensato e quasi contingentato quantomeno di fatto (prezzi non troppo bassi, meno Airbnb, più tasse locali e pagate sul serio dai turisti che vanno a finanziare vigilanza e servizi seri)

    forze dell'ordine presenti in massa e anche in borghese però si, soprattutto nei punti chiave a livello turistico

  6. #6

    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    25,295
    Mentioned
    15 Post(s)
    Quoted
    7482 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Ecco, immaginavo : il problema sono i turisti

  7. #7
    L'avatar di Mojito F.C.
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    97,176
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    574 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    il problema è la gente che ci guadagna sopra in un certo modo a Roma, se mettono vigilanza devono togliere urtisti e saltalafila che hanno dietro gente potente a quanto pare

    ma la mandria di turisti sicuramente non aiuta in nulla

  8. #8

    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    25,295
    Mentioned
    15 Post(s)
    Quoted
    7482 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Il problema sono i vigili urbani (mi piace chiamarli ancora così) che non fanno niente : OMISSIONE DI ATTI DI UFFICIO.

  9. #9
    L'avatar di Mojito F.C.
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    97,176
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    574 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da chantal_bbb Visualizza Messaggio
    Il problema sono i vigili urbani (mi piace chiamarli ancora così) che non fanno niente : OMISSIONE DI ATTI DI UFFICIO.
    vai con testimoni e fai mettere a verbale dalla Autorità Giudiziaria

    p.s. sicura che quelli che stanno lì (credo un paio messi lì a caso) hanno quelle mansioni e sono obbligati a stare lì davanti? io ho i miei dubbi... è tutto organizzato (bene) per NON vedere

  10. #10
    L'avatar di rikirix
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    12,498
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    7427 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    A Roma dovfebbero permettere solo tot turisti l'anno spalmati in tutti i mesi, no porte aperte a tutti sempre. Sull'amministrazione invece, meglio stendere un velo pietoso.

Accedi