Salvini al citofono di un tunisino - Pagina 21
Telecom Italia trova doppia sponda nell’emergenza, tra analisti c’è chi indica +100% del titolo
Il settore delle Tlc si configura come uno dei più resilienti alla crisi e con potenziali impatti strutturali positivi (accelerazione nei processi di digitalizzazione delle imprese), con Telecom Italia in …
Pirelli: outlook più fosco per pandemia Covid, analisti tagliano stime utili e target price
Gli analisti di Banca Imi ed Equita SIM commentano le ultime novità che riguardano Pirelli che, lo scorso venerdì, ha rivisto al ribasso in modo significativo – come si legge …
Coronavirus, Fitch stima Pil Italia -4,7%. Boccia una banca e prevede più banche a rischio taglio rating
Effetto coronavirus, una contrazione del Pil, nel 2020, pari a -4,7% che, inevitabilmente, metterà sotto pressione i rating delle banche italiane: Fitch Ratings conferma i rating di cinque banche con …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #201

    Data Registrazione
    Nov 2015
    Messaggi
    17,739
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    13736 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    L’unico risultato ottenuto è che il ragazzo (ha 17 anni) denuncerà la signora per diffamazione.




    Abbiamo intercettato il ragazzo sotto casa dei genitori, sconvolti dal blitz di Salvini: “Mia madre ha 67 anni, mio padre si spacca il ****, se vai a casa trovi i vestiti di Bartolini – spiega il ragazzo a Fanpage.it – Lui ci è rimasto molto male”. Difende anche il fratello, “che non fa queste cose, lui gioca a calcio”.



    È anche per questo che il ragazzo ha deciso di sporgere denuncia nei confronti della signora che ha portato Salvini sotto casa sua:“Io incontro questa signora qua dietro nel parcheggio – racconta – Lei ha il cane, io ho il cane, a volte ci incrociamo. Domani vado in procura e la denuncio per diffamazione”.

  2. #202
    L'avatar di magnamagna
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    24,227
    Blog Entries
    21
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    6 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da e_lm_70 Visualizza Messaggio
    Intanto repubblichella martella:
    Bologna, blitz di Salvini al citofono, il Parlamento tunisino replica: "Vergogna, chieda scusa a quella famiglia" - Repubblica.it

    Azz .. hanno pure trovato un piddino del parlamento tunisino, che parla a nome del parlamento ... e considera il "bravo" tunisino, vittima del citofono, come esempio e massimo rappresentate della tunisia in italia

    Rob da pazz ... troppe sardine anche in tunisia
    Come se non sapessimo che esiste l'intoccabile (dai tempi craxiani) mafia tunisina e che la mafia fa eleggere qualche parlamentare anche lì da loro.

  3. #203

    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    2,725
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1397 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Se Salvini suona a casa mia gli chiedo se mi dà indietro 49 milioni di euro.

  4. #204
    L'avatar di e_lm_70
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    17,208
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2583 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Abdelaali, ex presidente di un istituto bancario siciliano, residente a Palermo e sposato con una siciliana, eletto al Parlamento tunisino nelle liste dei tunisini all'estero.
    Azz ... residente a Palermo .. ed eletto al parlamento in tunisia ...

    Questo e' un piddino fenomenale ... un pilastro nella democrazia tunisia

    PS: A pensar male si fa peccato, ma ci si azzecca spesso ... ex presidente di istituto bancario, tunisino, in sicilia ... io sento puzza di mafia ...

  5. #205
    L'avatar di e_lm_70
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    17,208
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2583 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da magnamagna Visualizza Messaggio
    Come se non sapessimo che esiste l'intoccabile (dai tempi craxiani) mafia tunisina e che la mafia fa eleggere qualche parlamentare anche lì da loro.
    Mi sa che sei anche te un peccatore

  6. #206
    L'avatar di magnamagna
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    24,227
    Blog Entries
    21
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    6 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da e_lm_70 Visualizza Messaggio
    Azz ... residente a Palermo .. ed eletto al parlamento in tunisia ...

    Questo e' un piddino fenomenale ... un pilastro nella democrazia tunisia

    PS: A pensar male si fa peccato, ma ci si azzecca spesso ... ex presidente di istituto bancario, tunisino, in sicilia ... io sento puzza di mafia ...
    Un carrierone
    Sami Ben Abdelaali eletto parlamentare in Tunisia, per tanti anni ha vissuto a Monreale - FiloDiretto

  7. #207

    Data Registrazione
    Nov 2015
    Messaggi
    17,739
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    13736 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da e_lm_70 Visualizza Messaggio
    Azz ... residente a Palermo .. ed eletto al parlamento in tunisia ...

    Questo e' un piddino fenomenale ... un pilastro nella democrazia tunisia

    PS: A pensar male si fa peccato, ma ci si azzecca spesso ... ex presidente di istituto bancario, tunisino, in sicilia ... io sento puzza di mafia ...
    Vai a suonargli al campanello e chiedigli se è mafioso

  8. #208
    L'avatar di magnamagna
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    24,227
    Blog Entries
    21
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    6 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    SOSTIENICI
    POLITICA
    POLITICA
    Sicilia, ex esponente dittatura tunisina consigliere diplomatico di Crocetta
    Rosario Crocetta
    Sami Ben Abdelaali, ex console nell'Isola, si è materializzato all'inizio del 2013 come componente del gabinetto dell'Assessore Regionale alle Risorse Agricole Dario Cartabellotta. In una intervista del dittatore dice: "Ben Ali era certamente un uomo forte, che utilizzava anche la polizia per mettere ordine. Ma i metodi liberali, in quelle zone, non vanno bene”

    di Giuseppe Pipitone | 13 NOVEMBRE 2013
    Esponente della dittatura tunisina di Ben Alì, console in Sicilia in rappresentanza del regime, e oggi consigliere diplomatico di Rosario Crocetta, molto amico del Giampiero D’Alia, ministro della Pubblica amministrazione. È una strana parabola quella percorsa negli ultimi anni da Sami Ben Abdelaali, materializzatosi all’inizio del 2013 come componente del gabinetto dell’Assessore Regionale alle Risorse Agricole Dario Cartabellotta. “La rivoluzione siciliana targata Rosario Crocetta ha resuscitato nemici di un’altra rivoluzione: quella tunisina” scrive il blogger Rabih Bouallegue, che ha narrato in diretta le tappe della Primavera Araba.

    Prima di calcare i corridoi della Regione Siciliana, impeccabile ed elegantissimo, sempre pronto a fare il baciamano alle signore, Sami Ben Abdelaali era infatti console della Tunisia in Sicilia, senatore e componente del comitato centrale del Raggruppamento costituzionale democratico, il partito del dittatore Ben Alì, defenestrato dalla Rivoluzione tunisina, e condannato a 90 anni di carcere per i crimini commessi dal suo governo. “Chi ha colpe pagherà” dice Abdelaali intervistato dal quotidiano online livesicilia.it, sottolineando però, che dal suo punto di vista “nel mondo arabo la democrazia non funziona. Ben Ali era certamente un uomo forte, che utilizzava anche la polizia per mettere ordine. Ma i metodi liberali, in quelle zone, non vanno bene”.

    Convinto di aver imparato la disciplina alla corte di Ben Alì, oggi Adbelaali si è adeguato a lavorare e a muoversi in una democrazia, ideando per conto della Sicilia la presentazione del Padiglione Italia dell’Expo 2015 a Palermo. La sua prima vita, quella di esponente della dittatura di Ben Alì, si chiude nel giugno 2012, quando viene defenestrato a sua volta dai vertici del consolato tunisino a Palermo. “In realtà – spiega sempre nell’intervista ad Accursio Sabella – le motivazioni che hanno portato al mio allontanamento dal consolato non riguardano la politica, ma affondano in vicende personali, ma c’è una causa in corso, e la vincerò”. Eppure l’arrivo dell’ex esponente del governo di Ben Alì all’Assessorato regionale delle Risorse Agricole non è passato inosservato. Già nei mesi scorsi il settimanale l’Espresso gli aveva dedicato un articolo, mentre l’ultimo numero di Limes lo accredita addirittura come uomo vicino a Ben Aje, nome d’arte di Abdelhakim Belhjadi, fondatore del Gruppo islamista combattente libico. “Ha speso – si legge sul periodico – la metà dei suoi 47 anni a combattere ed è uno dei fondatori del Gicl, il Gruppo islamista combattente libico. In fuga dalla Libia, dal 1988 al 1992 la sua milizia ultra radicale si unisce ai mujahidin afghani guidati da Osama Bin Laden”. Secondo il periodico Limes, oggi Belhjadi gestirebbe i rapporti tra Libia e Sicilia, dopo essere stato accreditato dallo stesso Sami Ben Abdelaali.
    Sicilia, ex esponente dittatura tunisina consigliere diplomatico di Crocetta - Il Fatto Quotidiano

  9. #209
    L'avatar di Maupassant
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Messaggi
    22,852
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2222 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Solo quello può fare, pagliacciate che eccitano il suo popolino

    Totalmente inutili, ma lui è quella roba lì

  10. #210
    L'avatar di fasilor
    Data Registrazione
    Sep 2016
    Messaggi
    11,659
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    7863 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da fallugia Visualizza Messaggio
    L’unico risultato ottenuto è che il ragazzo (ha 17 anni) denuncerà la signora per diffamazione.




    Abbiamo intercettato il ragazzo sotto casa dei genitori, sconvolti dal blitz di Salvini: “Mia madre ha 67 anni, mio padre si spacca il ****, se vai a casa trovi i vestiti di Bartolini – spiega il ragazzo a Fanpage.it – Lui ci è rimasto molto male”. Difende anche il fratello, “che non fa queste cose, lui gioca a calcio”.



    È anche per questo che il ragazzo ha deciso di sporgere denuncia nei confronti della signora che ha portato Salvini sotto casa sua:“Io incontro questa signora qua dietro nel parcheggio – racconta – Lei ha il cane, io ho il cane, a volte ci incrociamo. Domani vado in procura e la denuncio per diffamazione”.
    Se non denunciano gli altri il "presunto colpevole", denuncia lui il presunto diffamatore. E il cerchio si chiude.

Accedi