Deutsche Bank 48000 miliardi di derivati : E' a livello di spazzatura
L’ETF Ufo e Race for Space di Oval, ecco come ‘andare sulla Luna’ investendo sulle spedizioni spaziali
Ricorre oggi il 50° anniversario dell?allunaggio, ossia da quando il primo uomo, Neil Armstrong, metteva piede sulla Luna.  L’occasione giusta per puntare i riflettori sull’industria aerospaziale che risulta una delle più …
Popolare Bari: rischio salto nel buio dopo l’assemblea, nessuno vuole la banca come sposa
I soci della Popolare di Bari aspettano con ansia l’esito dell?assemblea di domenica chiamata ad approvare una maxi-perdita di 420 milioni e che probabilmente sancirà l?uscita di scena della famiglia …
Tutto e subito: Fed e Bce ora sono obbligate a saziare i mercati. Ecco l’agenda fitta di Draghi per giovedì 25
Il ritorno alla politica monetaria super-espansiva da parte delle banche centrali è quello che attendono i mercati. La Federal Reserve da una parte potrebbe ridurre i tassi di interesse anche …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
123 Ultima

  1. #1
    L'avatar di Boletus edulis
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    5,656
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    2665 Post(s)
    Potenza rep
    0

    Deutsche Bank 48000 miliardi di derivati : E' a livello di spazzatura

    Perche la BCE si accorge solo adesso dei derivati bancari e la Germania rischia - InvestireOggi.it




    Derivati: il tallone d’Achille della Germania - Sputnik Italia



    Deutsche Bank (DBKGn) Grafico Avanzato - Investing.com


    Altro che debito!

  2. #2

    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    7,008
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2230 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    ma che vuoi che siano
    un po di solidarieta e verranno suddivisi fra tutte le banche UE, suvvia!!

  3. #3
    L'avatar di Julius67
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    28,893
    Mentioned
    18 Post(s)
    Quoted
    9378 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    un buco con una banca dentro...

  4. #4

    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    7,008
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2230 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Boletus edulis Visualizza Messaggio
    Maronna che botto!
    io scommetto sull'intervento dello stato

  5. #5
    L'avatar di Trauptman
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    24,467
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    3701 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da new account Visualizza Messaggio
    io scommetto sull'intervento dello stato
    io più sull'intervento dell'Europa. Mica ce li metteranno i tedeschi i soldi per salvare DB. E' una questione di urgenza sociale, l'Europa deve essere solidale

  6. #6

    Data Registrazione
    Nov 2015
    Messaggi
    14,288
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    10935 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Ma non è che rischia di perdere 48000 miliardi


    In valore netto, i derivati a bilancio di Deutsche Bank ammonterebbero a 25 miliardi, di cui 20,2 miliardi rientrerebbero tra i titoli di livello 3, che la BCE sta monitorando, in quanto inclusi nella “black list” degli assets a rischio, insieme a quelli illiquidi del livello 2. Tutto sommato, farebbero solo l’1,6% delle attività dell’istituto.

  7. #7
    L'avatar di Trauptman
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    24,467
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    3701 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da fallugia Visualizza Messaggio
    Ma non è che rischia di perdere 48000 miliardi


    In valore netto, i derivati a bilancio di Deutsche Bank ammonterebbero a 25 miliardi, di cui 20,2 miliardi rientrerebbero tra i titoli di livello 3, che la BCE sta monitorando, in quanto inclusi nella “black list” degli assets a rischio, insieme a quelli illiquidi del livello 2. Tutto sommato, farebbero solo l’1,6% delle attività dell’istituto.
    fosse solo quello il problema di DB…

  8. #8
    L'avatar di Boletus edulis
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    5,656
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    2665 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da new account Visualizza Messaggio
    io scommetto sull'intervento dello stato
    Citazione Originariamente Scritto da Trauptman Visualizza Messaggio
    io più sull'intervento dell'Europa. Mica ce li metteranno i tedeschi i soldi per salvare DB. E' una questione di urgenza sociale, l'Europa deve essere solidale
    “Banche, allarme derivati: valgono 33 volte il PIL Mondiale”. Questo il titolo che l’autorevolissimo Il Sole 24 ore, a firma Antonella Olivieri, ha recentemente pubblicato. 33 volte il PIL mondiale vuol dire 2,2 milioni di miliardi di euro, oppure, se volete, 2.200 trilioni di euro.
    Che, essendo 33 volte il PIL mondiale, significa che questi strani "derivati" sono equivalenti a tutta l'attività umana del pianeta nel corso degli ultimi 33 anni. Cosa siano questi "derivati" è presto detto: sono dei pezzi di carta, chiamati titoli, che rappresentano l'ultimo grido in materia finanziaria. Ultimo grido è la parola giusta, perché adesso si comincia a gridare spaventati di quello che potrebbe succedere, come appunto dice Il Sole24ore. C'è solo da sperare che il grido non sia davvero l'ultimo.

    Il fatto è che questa immensa massa di denaro, diciamo virtuale, si trova sul "Mercato" e pretende di essere valorizzata. Senza esagerare facciamo due calcoli: a un tasso d'interesse minimo del 2% i possessori di questa massa di denaro dovrebbero ricevere, sotto forma d'interessi, circa il 2/3 dl PIL mondiale di quest'anno. E questo dovrebbe ripetersi per i prossimi 33 anni. Insomma scopriamo di essere tutti mostruosamente indebitati per il resto delle nostre vite, nei confronti dei possessori di questi "derivati".

    Grafico
    © AFP 2018 / LUCA BRUNO
    Speculazione derivati: la pacchia continua
    Ma chi sono questi "possessori"? Le banche. Non tutte nello stesso modo, cioè nelle stesse quantità, ma sono proprio le banche. Secondo i dati forniti dalla Olivieri, che a sua volta usa quelli forniti da R&S Mediobanca, le prime 27 banche europee ne hanno, tutte insieme, per 283 trilioni (ovvero 283 mila miliardi di euro). Vediamo la classifica delle prime tre e cominceremo a capire meglio ciò che succede, anzi ciò che è già accaduto. Al primo posto tra questi possessori di derivati c'è la Deutsche Bank, con 48,26 trilioni; al secondo posto troviamo la Barclay (40,48 trilioni); al terzo posto c'è il Credit Suisse (24,53 trilioni). Se guardiamo alla situazione d'oltre Oceano, scopriamo che le prime tre banche americane riempite di derivati sono, nell'ordine, la JPMorgan (40,34 trilioni), la Citigroup (38,4 trilioni) e la bank of America (25,57 trilioni).
    Dal che si deduce che i banchieri americani sono stati relativamente meno "infettati" di quelli europei, ma è una magra consolazione. Il quadro è comunque davvero allarmante: circa dieci anni dopo la crisi del 2007-2008 il volume dei derivati si è più che triplicato. Erano allora circa 660 trilioni, cioè 11 volte il Pil mondiale, oggi sono 2.200 trilioni. Siccome già allora fu chiaro che si trattava di carta straccia, dovettero intervenire tutte le banche centrali principali (Federal Reserve, BCE, Banca d'Inghilterra, Banca del Giappone) per evitare il crollo generale della finanza mondiale. Lo fecero stampando moneta a più non posso, per comprare quella carta straccia con denaro fresco in modo da impedire che non ci fosse più la liquidità necessaria a far muovere la macchina dell'economia mondiale.



    E questi guardano al 2,04 per non far fare il 2,4. "dobbiamo mettere i conti in sicurezza" frase cult almeno degli ultimi 20 anni.

  9. #9
    L'avatar di Boletus edulis
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    5,656
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    2665 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da fallugia Visualizza Messaggio
    Ma non è che rischia di perdere 48000 miliardi


    In valore netto, i derivati a bilancio di Deutsche Bank ammonterebbero a 25 miliardi, di cui 20,2 miliardi rientrerebbero tra i titoli di livello 3, che la BCE sta monitorando, in quanto inclusi nella “black list” degli assets a rischio, insieme a quelli illiquidi del livello 2. Tutto sommato, farebbero solo l’1,6% delle attività dell’istituto.
    Nell'agosto 2007 la società ha chiuso la sua banca dedicata ai prestiti subprime, BNC Mortgage, eliminando 1.200 posti di lavoro in 23 sedi e registrando una perdita dopo le imposte di 25 milioni di dollari e una riduzione di 27 milioni del goodwill. Lehman ha dichiarato che le scadenti condizioni del mercato nel settore di mutui "hanno reso necessaria una sostanziale riduzione delle risorse e dell'impegno nell'area dei prestiti subprime"[31].

    Nel 2008 Lehman ha affrontato una perdita senza precedenti per la persistente crisi dei mutui subprime. Tale perdita era apparentemente la conseguenza del mantenimento di ampie posizioni nel settore dei mutui subprime e di altri titoli a basso rating relativi alla cartolarizzazione di tali mutui; non è chiaro se Lehman l'abbia fatto perché semplicemente non è riuscita a vendere i titoli a basso rating in portafoglio, oppure a causa della decisione consapevole di mantenere tali posizioni. In ogni caso, vaste perdite si sono accumulate per tutto il 2008 sui titoli garantiti da mutui a basso rating. Nel secondo trimestre, Lehman ha registrato perdite per 2,8 miliardi ed è stata obbligata a liquidare 6 miliardi di attività.[32] Nel solo primo semestre del 2008, le azioni di Lehman hanno perso il 73% del loro valore, mentre il mercato del credito continuava a frenare.[32]


    Se fosse come dici te il valore del titolo non continuerebbe a scendere a manetta, come del resto tutte le altre banche, come l'evoluzione di
    Lehman. Le obbligazione di Lehman era tripla A.

    Es. DA FANNIE E FREDDIE ALLO CHOC LEHMAN. A subire le conseguenze più gravi dello scoppio della bolla dei mutui, nel settembre del 2008, erano state le due agenzie governative Fannie Mae e Freddie Mac. Nel febbraio 2008, Fannie Mae aveva ricevuto da Moody's addirittura l'ambitissima tripla A .

  10. #10
    L'avatar di oneone
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    48,251
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    5617 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Facciano gli aumenti di capitale come si sono fatti in italia, Unicredit da noi ha fatto aumenti di capitale pesantissimi

Accedi