il popolo ci sta rimettendo
Mps: parole Commissaria Ue Vestager su bad bank + rumor fanno volare il titolo (+17%)
Acquisti scatenati sul titolo Mps, grazie alla combinazione di due fattori: da un lato, la commissaria alla Concorrenza Ue Margrethe Vestager ha affermato che l’eventuale creazione di una bad bank …
Packaging sostenibile ed e-commerce: le nuove sfide di CMC
La società del packaging sostenibile rafforza la propria struttura patrimoniale e guarda alla crescita futura
Ftse Mib chiude maggio sottoperformando le borse BIG. Da TIM a Fineco, il portafoglio raccomandato
A Piazza Affari “prevale l’emotività da fine lockdown”. E’ quanto indica Equita SIM nel suo rapporto mensile, indicando anche il portafoglio raccomandato. Intanto, c’è da dire che la borsa di …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di rational
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    11,631
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    2976 Post(s)
    Potenza rep
    42949681

    il popolo ci sta rimettendo

    ROMA – Popolo ci sta rimettendo. Governo del popolo, Manovra del Popolo ma il popolo ci sta rimettendo. Nel portafoglio. E non è un’opinione, è un calcolo. Alla portata di tutti. Verificabile. Inoppugnabile. Tanto verificabile e inoppugnabile che perfino Di Maio: “Il Pil e la felicità si riprenderanno”. La felicità chissà, vai a sapere. Il Pil che si rialza di scatto magari. Ma non sembra proprio. Comunque qui e ora il popolo ci sta rimettendo. Tanto è verto che Di Maio intona il suo personale, convinto e accorato, e anche stolido e stolto: sarà tre volte Natale.

    Nell’attesa il popolo ci sta rimettendo. Sia che abbia risparmi, in qualunque forma. Il valore dei risparmi delle famiglie italiane è stato dalle elezioni di marzo toccato. Verso il basso. Colpa del destino cinico e baro o del complotto intergalattico contro l’Italia o delle intenzioni politico/economiche gradasse e allucinate del governo, come che sia il risparmio in Fondi Comuni, obbligazioni, titoli di Stato, polizze vita, valore degli immobili e ogni altra forma è stato toccato. Verso il basso. Chiunque ha una qualche forma di risparmio finora ci ha rimesso. Nel portafoglio. Se non ci credete andate a verificare sui vostri risparmi.

    Nell’attesa del tre volte Natale il popolo ci sta rimettendo. Sia che abbia risparmi, sia che abbia azienda o impresa che sia. Che altro crediamo sia il Pil che si ferma se non il sistema delle aziende e della produzione e dei consumi che staziona appunto e non accelera?

    Il popolo ci sta rimettendo, nel portafoglio. Lo stesso popolo che all’86 per cento (statistica recentissima) ama risparmiare, sente il risparmio come un bisogno protettivo (primi di gran lunga in Europa in questa voglia-bisogno-ansia del risparmio privato) è però quello che per nulla si turba se il suo governo e il suo Stato altro che risparmio, solo e soltanto deficit e debiti. E neanche tanto questo popolo si accorge o vuole accorgersi che ci sta rimettendo. Sui risparmi e sul lavoro.

    Il popolo ci sta rimettendo. Ma ci sta. eccome se ci sta. Con un granitico e inscalfibile 60 per cento di consensi al governo Lega-M5S. Perché ci sta e ci sta alla grande, anche se ci sta rimettendo?

    Piccoli e meno piccoli perché sparsi sul territorio della società italiana: popolo è anche quello che ci sta perché vuole andare in pensione a 62 anni e poi si vede, popolo è anche la pensione come traguardo e vitalizio. Quindi a me la pensione e il mondo crolli pure per conto suo. Anche questo è popolo.

    E popolo è anche quello che nasconde reddito al fisco e ora aspetta condono. Così poi dopo ricomincia a nascondere reddito al fisco ancora più sereno. E popolo è anche quello che aspetta i 500 o 780 o mille al mese dei reddito di cittadinanza mica per farsi trovare un lavoro nel frattempo o per cercarlo in maniera professionale un lavoro. Magari quegli euro li aspetta come integrazione pubblica al reddito da lavoro nero che già svolge. Anche questo è popolo.

    Ma sono piccoli e meno piccoli perché sparsi. Non rispondono appieno e con precisione al perché il popolo ci sta anche se ci sta rimettendo. Dice ancora, cercando il perché: popolo disinformato. Davvero? Nessuno nel paese censura verità, dati, ovvietà, evidenze. Si raccontano un sacco di balle, questo sì. C’è propaganda ossessiva e spudorata da parte di Salvini e Di Maio, questo sì. Giornali di carta e telegiornali mostrano una ossequiosa cautela nei confronti del Capitano e del Capo Politico, questo sì. Ma non c’è censura e volendo si può essere informati su tutto. Volendo però. E se non si volesse essere informati, se al popolo tutta questa informazione, anzi l’informazione e basta generasse rigetto?

    Dice: popolo ignorante. Nel senso letterale della non conoscenza della realtà. Ignoranza peraltro informatissima. Informatissima con il materiale da social network. Cioè con il materiale meno attendibile più infiammante della storia culturale del genere umano. Ma un popolo informato e pensoso, razionale e moderato e riformista nella storia così candido, pulito e perfetto non s’è mai visto.

    No, non sta qui il perché il popolo ci sta anche se ci sta rimettendo. Interessi di lobby sociali, parassitismi più o meno di massa, disinformazione auto inflitta, overdose di realtà falsata…tutto questo può sostenere, aiutare il perché il popolo ci sta. Ma il ci sta, lo starci anche se ci rimetti ha altro Dna. E l’inspiegabile, granitici, non scalfibile 60 per cento di consensi a Salvini e Di Maio nonostante i danni già subiti e quelli che verranno e già si vedono a volerli vedere si spiega con una frasetta che è comandamento e alibi, imperativo morale e complicità. Eccola la frasetta: quelli di prima no.

    Quelli di prima no. Il popolo, la gente, l’elettorato ci sta perché sta convinto e certo dentro questa frase, volontà e scelta: quelli di prima no. Ha cento e mille ragioni il popolo per il quelli di prima no. e non è che sia solo quel che chiamiamo popolo in Italia a vivere questa passione a rovescio, questo quelli di prima no.

    In Brasile il quelli di prima no ha fatto in modo che il popolo preferisse un fascista dichiarato e calzato a uno di quelli di prima. Si era partiti negli Usa, lì il popolo aveva preferito niente meno che uno come Trump a chiunque fosse di quelli di prima. E’ una febbre che sta percorrendo il mondo, il pianeta. La febbre di popolo che impone e comanda: quelli di prima no. E’ una febbre che incendia, appassiona, conquista. Quelli di prima no. Anche a costo di rimetterci, nel portafoglio. A costo di rimetterci la democrazia poi figuriamoci, per il popolo democrazia sempre quota nei secoli meno che il portafoglio.

    Benvenuti tutti quindi per vostra fortuna o disgrazia nel tempo della resurrezione e rinascita delle ideologie. Sì, proprio quelle che erano morte. E’ un’ideologia quella per cui il popolo ci sta anche se ci sta rimettendo. E le ideologie non sopportano, non tollerano, non subiscono verifiche dalla realtà. Ecco perché quel 60 per cento fisso.

  2. #2
    L'avatar di Triplet
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    29,819
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    5854 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    aspetta che le banche rialzino i tassi d'interesse e poi ci sarà da piangere per molti...

    spread alto significa recessione sicura e più disoccupati

  3. #3
    L'avatar di swheart
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    43,214
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    13228 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Ottimo pezzo: di chi è?

  4. #4

    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    13,834
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    6190 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da rational Visualizza Messaggio
    ROMA – Popolo ci sta rimettendo. Governo del popolo, Manovra del Popolo ma il popolo ci sta rimettendo. Nel portafoglio. E non è un’opinione, è un calcolo. Alla portata di tutti. Verificabile. Inoppugnabile. Tanto verificabile e inoppugnabile che perfino Di Maio: “Il Pil e la felicità si riprenderanno”. La felicità chissà, vai a sapere. Il Pil che si rialza di scatto magari. Ma non sembra proprio. Comunque qui e ora il popolo ci sta rimettendo. Tanto è verto che Di Maio intona il suo personale, convinto e accorato, e anche stolido e stolto: sarà tre volte Natale.

    Nell’attesa il popolo ci sta rimettendo. Sia che abbia risparmi, in qualunque forma. Il valore dei risparmi delle famiglie italiane è stato dalle elezioni di marzo toccato. Verso il basso. Colpa del destino cinico e baro o del complotto intergalattico contro l’Italia o delle intenzioni politico/economiche gradasse e allucinate del governo, come che sia il risparmio in Fondi Comuni, obbligazioni, titoli di Stato, polizze vita, valore degli immobili e ogni altra forma è stato toccato. Verso il basso. Chiunque ha una qualche forma di risparmio finora ci ha rimesso. Nel portafoglio. Se non ci credete andate a verificare sui vostri risparmi.

    Nell’attesa del tre volte Natale il popolo ci sta rimettendo. Sia che abbia risparmi, sia che abbia azienda o impresa che sia. Che altro crediamo sia il Pil che si ferma se non il sistema delle aziende e della produzione e dei consumi che staziona appunto e non accelera?

    Il popolo ci sta rimettendo, nel portafoglio. Lo stesso popolo che all’86 per cento (statistica recentissima) ama risparmiare, sente il risparmio come un bisogno protettivo (primi di gran lunga in Europa in questa voglia-bisogno-ansia del risparmio privato) è però quello che per nulla si turba se il suo governo e il suo Stato altro che risparmio, solo e soltanto deficit e debiti. E neanche tanto questo popolo si accorge o vuole accorgersi che ci sta rimettendo. Sui risparmi e sul lavoro.

    Il popolo ci sta rimettendo. Ma ci sta. eccome se ci sta. Con un granitico e inscalfibile 60 per cento di consensi al governo Lega-M5S. Perché ci sta e ci sta alla grande, anche se ci sta rimettendo?

    Piccoli e meno piccoli perché sparsi sul territorio della società italiana: popolo è anche quello che ci sta perché vuole andare in pensione a 62 anni e poi si vede, popolo è anche la pensione come traguardo e vitalizio. Quindi a me la pensione e il mondo crolli pure per conto suo. Anche questo è popolo.

    E popolo è anche quello che nasconde reddito al fisco e ora aspetta condono. Così poi dopo ricomincia a nascondere reddito al fisco ancora più sereno. E popolo è anche quello che aspetta i 500 o 780 o mille al mese dei reddito di cittadinanza mica per farsi trovare un lavoro nel frattempo o per cercarlo in maniera professionale un lavoro. Magari quegli euro li aspetta come integrazione pubblica al reddito da lavoro nero che già svolge. Anche questo è popolo.

    Ma sono piccoli e meno piccoli perché sparsi. Non rispondono appieno e con precisione al perché il popolo ci sta anche se ci sta rimettendo. Dice ancora, cercando il perché: popolo disinformato. Davvero? Nessuno nel paese censura verità, dati, ovvietà, evidenze. Si raccontano un sacco di balle, questo sì. C’è propaganda ossessiva e spudorata da parte di Salvini e Di Maio, questo sì. Giornali di carta e telegiornali mostrano una ossequiosa cautela nei confronti del Capitano e del Capo Politico, questo sì. Ma non c’è censura e volendo si può essere informati su tutto. Volendo però. E se non si volesse essere informati, se al popolo tutta questa informazione, anzi l’informazione e basta generasse rigetto?

    Dice: popolo ignorante. Nel senso letterale della non conoscenza della realtà. Ignoranza peraltro informatissima. Informatissima con il materiale da social network. Cioè con il materiale meno attendibile più infiammante della storia culturale del genere umano. Ma un popolo informato e pensoso, razionale e moderato e riformista nella storia così candido, pulito e perfetto non s’è mai visto.

    No, non sta qui il perché il popolo ci sta anche se ci sta rimettendo. Interessi di lobby sociali, parassitismi più o meno di massa, disinformazione auto inflitta, overdose di realtà falsata…tutto questo può sostenere, aiutare il perché il popolo ci sta. Ma il ci sta, lo starci anche se ci rimetti ha altro Dna. E l’inspiegabile, granitici, non scalfibile 60 per cento di consensi a Salvini e Di Maio nonostante i danni già subiti e quelli che verranno e già si vedono a volerli vedere si spiega con una frasetta che è comandamento e alibi, imperativo morale e complicità. Eccola la frasetta: quelli di prima no.

    Quelli di prima no. Il popolo, la gente, l’elettorato ci sta perché sta convinto e certo dentro questa frase, volontà e scelta: quelli di prima no. Ha cento e mille ragioni il popolo per il quelli di prima no. e non è che sia solo quel che chiamiamo popolo in Italia a vivere questa passione a rovescio, questo quelli di prima no.

    In Brasile il quelli di prima no ha fatto in modo che il popolo preferisse un fascista dichiarato e calzato a uno di quelli di prima. Si era partiti negli Usa, lì il popolo aveva preferito niente meno che uno come Trump a chiunque fosse di quelli di prima. E’ una febbre che sta percorrendo il mondo, il pianeta. La febbre di popolo che impone e comanda: quelli di prima no. E’ una febbre che incendia, appassiona, conquista. Quelli di prima no. Anche a costo di rimetterci, nel portafoglio. A costo di rimetterci la democrazia poi figuriamoci, per il popolo democrazia sempre quota nei secoli meno che il portafoglio.

    Benvenuti tutti quindi per vostra fortuna o disgrazia nel tempo della resurrezione e rinascita delle ideologie. Sì, proprio quelle che erano morte. E’ un’ideologia quella per cui il popolo ci sta anche se ci sta rimettendo. E le ideologie non sopportano, non tollerano, non subiscono verifiche dalla realtà. Ecco perché quel 60 per cento fisso.

    Un paio di cartella di aria fritta e rifritta, temino da terza media di cultura generale, che poteva essere reso più digeribile sintetizzando: "La gente, quando non vota come piace a me, è fuorviata, stupida ed ignorante"

  5. #5
    L'avatar di ilcolonnello
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    11,700
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    722 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Tante parole per esprimere un unico, semplice concetto: o fai la manovra che vogliono i mercati o i mercati ti puniscono.

    Allora che votiamo a fare? Facciamoci governare dal mercato. Tanto abbiamo visto che è efficiente, trasparente e aiuta i più bisognosi. O forse no?

    A casa mia si chiama ricatto.

    Ci sarebbe poi da dire che i conti si fanno a fine mandato.

  6. #6
    L'avatar di Triplet
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    29,819
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    5854 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da ilcolonnello Visualizza Messaggio
    Tante parole per esprimere un unico, semplice concetto: o fai la manovra che vogliono i mercati o i mercati ti puniscono.

    Allora che votiamo a fare? Facciamoci governare dal mercato. Tanto abbiamo visto che è efficiente, trasparente e aiuta i più bisognosi. O forse no?

    A casa mia si chiama ricatto.

    Ci sarebbe poi da dire che i conti si fanno a fine mandato.

    la classe politica italiana non cambierà mai

    in un paese quasi fallito come l'italia dove non c'è un lira (tranne quelle del monopoli) distribuiscono soldi un pò a tutti

    immagina se i soldi ci fossero veramente cosa farebbero, forse li lancerebbero direttamente dall'elicottero...

    innanzitutto la cosa pubblica va gestita con serietà, i mercati fanno parte del sistema perchè sono quelli che danno i soldi cioè la materia prima per andare avanti...

  7. #7
    L'avatar di Zeropercento
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Messaggi
    8,730
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1211 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    è un amico di bar di junker l'articolista?

  8. #8

    Data Registrazione
    Aug 2000
    Messaggi
    32,293
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    12000 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da Zeropercento Visualizza Messaggio
    è un amico di bar di junker l'articolista?
    refuso:
    junker l'alcolista

  9. #9
    L'avatar di belanda
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Messaggi
    41,929
    Mentioned
    48 Post(s)
    Quoted
    19272 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da gorio Visualizza Messaggio
    Un paio di cartella di aria fritta e rifritta, temino da terza media di cultura generale, che poteva essere reso più digeribile sintetizzando: "La gente, quando non vota come piace a me, è fuorviata, stupida ed ignorante"
    Non ci hai capito nulla anzi non hai voluto capire .


    Lo sintetizzo io.

    Il popolo non si e' ancora accorto di diventare piu' povero giorno dopo giorno , ma l'ideologia per cui quelli di prima erano peggio , ancora rimane alimentato da una propaganda costantemente rivolta a denigrare il passato .

    Temino da terza media ? Se uno in terza media scrivesse una cosa simile avrebbe buona probabilta' nell'ipotesi di un miglioramento costante , di candidarsi poer il Nobel

  10. #10
    L'avatar di robar310
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    3,058
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    739 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    ma....poveri per poveri.....almeno possiamo dire che ci abbiamo provato....con i vecchi governi ci siamo impoveriti o è solo un illusione?non diamo subito la colpa a questo governo,diamogli tempo....mi sembra la cosa più sensata.

Accedi