Se ne uscirà solo stampando soldi di stato e inflazionando - Pagina 6
Conti correnti: risparmi monstre ‘tradendo’ la propria banca, costi zero da sei conti online
All’inizio di ogni anno, in cima alla lista dei buoni propositi c’è quasi sempre l’intento di tagliare le spese superflue. Nella giungla di costi fissi che ogni anno rischiano di …
Analisi stagionalità non lascia dubbi: concentrarsi su Piazza Affari grave errore. Nasdaq e S&P 500 rulli compressori
Riprendiamo l?analisi recentemente pubblicata sulla stagionalità degli indici europei per analizzare quella degli indici USA (S&P 500 e Nasdaq 100) e tirare le fila del discorso. Il risultato dell?analisi dell?Ufficio …
Tesoretto spread: Bankitalia quantifica l’effetto del calo di 100 pb
Pil in crescita dello 0,9% quest’anno, dello 0,9% nel 2021 e in lieve e ulteriore accelerazione nel 2022 all'1,1 per cento. Così La Banca d'Italia nel suo ultimo Bollettino in …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #51
    L'avatar di Cucciafans
    Data Registrazione
    Nov 2002
    Messaggi
    130,638
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    3221 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Citazione Originariamente Scritto da Sire Visualizza Messaggio
    Grazie all' Euro vivo felicemente di rendita
    e che surplus hai avuto rispetto alla lira ??

  2. #52

    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    60,735
    Mentioned
    47 Post(s)
    Quoted
    21932 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Poirino spiegami come il QE danneggia il risparmiatore che è una novità

  3. #53
    L'avatar di poirino
    Data Registrazione
    Nov 2003
    Messaggi
    16,460
    Mentioned
    34 Post(s)
    Quoted
    6954 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da Luciom Visualizza Messaggio
    Poirino spiegami come il QE danneggia il risparmiatore che è una novità
    Debiti contratti con la valuta soggetta a QE
    Potere di acquisto della valuta detenuta anche nelle tue tasche

    Ti basta?

    In ogni caso preferisco abbandonare la discussione perchè quando mi accorgo che gli intelocutori hanno "granitiche" certezze e non sono disposti ad argomentare su queste la discussione si trasforma in nn-monologhi o peggio si trasforma in lite (vedi Mojito).
    Vado a fare qualche commissione visto che è una bella giornata di primavera.

    A questa sera

  4. #54

    Data Registrazione
    Jan 2015
    Messaggi
    34,592
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    13581 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da poirino Visualizza Messaggio
    Non è mia intenzione insultare.
    Vorrei solo che ti sforzassi ad utilizzare la tua testa, la tua capacità di discernimento.
    Mi sembra che tu abbia la testolina piena di teorie, ottimo.
    Considera, solo per un attimo, che i tuoi docenti non siano così probi come potresti pensare e che ciò che ti viene proposto sia solo una buona parte della verità ma non tutta.
    Se riesci a capire questo hai fatto un balzo in avanti sulla strada della comprensione.
    In una fase stagnante, come potremmo definire quella attuale, lo stimolo più sano da un punto di vista economico è la riduzione del numero degli inoccupati trasformandoli da peso in risorsa con il minimo sforzo economico.
    Una volta si chiamava emigrazione, oggi non so, vedi tu
    Il guaio oggi è che chi emigra sono le, tutto sommato poche, persone dotate di qualità mentre stiamo subendo un'invasione di risorse inidonee al processo produttivo
    Oltre allo stop alle risorse africo-compatibili, dovremmo stimolare l'emigrazione proprio di quella fascia di popolazione che non è altamente produttiva
    Altra misura l'eliminazione, in un giorno solo, senza preavviso, di baby-pensioni, adeguamento da retributivo a contributivo etc.

    In altre parole: La crisi c'è, innegabile, ma il peso di tale crisi va ripartito UNICAMENTE sui soggetti che sono portatori di questa crisi.
    Il perfetto contrario del benaltrismo che ci ha portati allo stato attuale.


    In questo modo la ricchezza Pro-Capite risale, ripartono i consumi, etc etc








    Con il QE fotti il risparmiatore.
    Luciom, riesci a capire che non è bello essere sempre nel ruolo del donatore "forzato" ??
    .... e non tirare fuori ******te pseudopolitiche benaltriste per favore ....
    Sull'immigrazione di bassa qualità + export di capitale umano di elevata qualità hai ragione...
    Dovremmo fare il contrario...

    Comunque i tuoi esempi non c'entrano nulla con l'argomento in questione...

    Anche nel caso del fornaio dimentichi di dire che anch'egli riceverebbe denaro dal qe, e che non è vincolato a fare il fornaio, può decidere lui quanto produrre etc...

    Più che stimolare l'emigrazione dei forestali (esempio) dovremmo dirottare le risorse in ambito produttivo, in tal modo verrebbero assunti da imprese e produrrebbero bene/servizi utili anzichè consumare solamente risorse...

    Però consumando anche oggi finanziano imprese locali etc...

    Insomma, non è tutto così banale...

    Quello che conta è il saldo delle manovre che si intendono intraprendere...
    Ultima modifica di EnricoR; 08-03-16 alle 15:37

  5. #55

    Data Registrazione
    Apr 2013
    Messaggi
    3,745
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    0
    cioè siamo in stagnazione-recessione da non so più quanti anni, i salari continuano a perdere potere d'acquisto, l'euro si è rafforzato sul dollaro e c'è gente che ancora con poche decine di migliaia di € pretende di vivere di rendita e addirittura avere interessi??

    ma andate a lavurà
    quei soldi non vanno risparmiati, vanno spesi in beni reali, cosi si fa girare l'economia

  6. #56

    Data Registrazione
    Jan 2015
    Messaggi
    34,592
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    13581 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da poirino Visualizza Messaggio
    Non ho mai detto che il QE sia una mossa valida, MAI.

    Figurati, se dipendesse da me si tornerebbe da subito, non da domani, al GOLD STANDARD, altro che rotative

    Perchè io fornaio dovrei accendere il forno e fare due quintali di pane DA REGALARE (fatto con soldi miei presi dal QE o similia) anzichè portare a spasso il cane?

    Non ti viene in mente che una soluzione per essere valida deve portare vantaggi, più o meno in egual misura, a TUTTI?
    Che se ciò non si verifica si chiama VESSAZIONE / TRUFFA ??
    Nessuno costringe il fornaio a fare ciò...
    Alcuni dei famosi fanquazzisti potrebbero aprire un'impresa e produrre pane, ad es., visto che si creerebbero nuove opp. di impresa.....
    Nessuno costringe il fornaio a fare nulla nel libero mkt...può decidere lui quanto produrre, se assumere, se chiudere etc...
    Con le risorse temporanee del qe anch'egli riceverebbe le risorse da consumare entro breve...

    Hai una visione troppo semplicistica delle cose....

  7. #57

    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    60,735
    Mentioned
    47 Post(s)
    Quoted
    21932 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da poirino Visualizza Messaggio
    Debiti contratti con la valuta soggetta a QE
    Potere di acquisto della valuta detenuta anche nelle tue tasche

    Ti basta?

    In ogni caso preferisco abbandonare la discussione perchè quando mi accorgo che gli intelocutori hanno "granitiche" certezze e non sono disposti ad argomentare su queste la discussione si trasforma in nn-monologhi o peggio si trasforma in lite (vedi Mojito).
    Vado a fare qualche commissione visto che è una bella giornata di primavera.

    A questa sera
    A me risulta che dopo il QE i debiti a tasso fisso siano saliti di prezzo , a te no? i btp son crollati a causa del QE ?

    Inoltre ripeto, devi guardare il saldo netto. Il saldo netto è mostruosamente positivo per il risparmiatore normale, le sue azioni salgono, i suoi bond salgono, non capisco proprio a cosa ti riferisci.

    E se arriva inflazione 2% arriva anche crescita economica , per cui le azioni salgono ancora di +.

  8. #58
    L'avatar di Milordpiero
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    14,146
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    3251 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da Luciom Visualizza Messaggio
    A me risulta che dopo il QE i debiti a tasso fisso siano saliti di prezzo , a te no? i btp son crollati a causa del QE ?

    Inoltre ripeto, devi guardare il saldo netto. Il saldo netto è mostruosamente positivo per il risparmiatore normale, le sue azioni salgono, i suoi bond salgono, non capisco proprio a cosa ti riferisci.

    E se arriva inflazione 2% arriva anche crescita economica , per cui le azioni salgono ancora di +.
    ?

    ma che stai a dire

    distorci brutalmente la realtà , se fai salire azioni e bond influenzati dal qe vai ovviamente a detrimento di quelle azioni e bond o attività reali che non ne avevano bisogno .. Invece di affrontare la realtà ti nascondi dietro al qe , non va bene

    ( e tieni in vita, a spese altrui , situazioni che sarebbe bene finissero )

  9. #59
    L'avatar di poirino
    Data Registrazione
    Nov 2003
    Messaggi
    16,460
    Mentioned
    34 Post(s)
    Quoted
    6954 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da EnricoR Visualizza Messaggio
    Sull'immigrazione di bassa qualità + export di capitale umano di elevata qualità hai ragione...
    Dovremmo fare il contrario...

    Comunque i tuoi esempi non c'entrano nulla con l'argomento in questione...

    Anche nel caso del fornaio dimentichi di dire che anch'egli riceverebbe denaro dal qe, e che non è vincolato a fare il fornaio, può decidere lui quanto produrre etc...

    Più che stimolare l'emigrazione dei forestali (esempio) dovremmo dirottare le risorse in ambito produttivo, in tal modo verrebbero assunti da imprese e produrrebbero bene/servizi utili anzichè consumare solamente risorse...

    Però consumando anche oggi finanziano imprese locali etc...

    Insomma, non è tutto così banale...

    Quello che conta è il saldo delle manovre che si intendono intraprendere...
    Partiamo dalla tua ultima frase sulla quale, ovviamente, concordo.
    Gli esempi da me riportati non sono graditi, va benissimo.
    Prendiamo l'esempio dei forestali calabri e/o assimilati (esempio il 90% della P.A., nelle ditte private almeno un 30-50% a spanne).
    Quanto tempo, in anni, e quanto denaro, in migliaia di euro, sono necessari per la "riconversione produttiva" di queste persone e con che percentuale di successo secondo una Tua stima?
    Quanto è necessario come investimento per ogni singolo posto di lavoro da assegnare a questi soggetti?
    Quali vincoli, burocratici, adempimenti fiscali, tassazione palese ed occulta dovrà affrontare l'imprenditore per poter assoldare questi soggetti?


    Dopo che avrai risposto a queste domande ricordati che:
    L'Italia non è l'unico "sistema paese" al mondo (per fortuna o purtroppo)
    Esistono, in quantità eccedente la richiesta, a livello mondiale risorse "pronte" che non necessitano i tempi ed investimenti di cui sopra
    Un velo pietoso su vincoli, burocratici, adempimenti fiscali, tassazione palese ed occulta

    A questo punto chi si dovrebbe far carico, economicamente, della "riconversione" di queste risorse se non le "risorse" stesse visto che esse sono parte integrante e preminente del problema?


    Citazione Originariamente Scritto da Armando Lemasse Visualizza Messaggio
    cioè siamo in stagnazione-recessione da non so più quanti anni, i salari continuano a perdere potere d'acquisto, l'euro si è rafforzato sul dollaro e c'è gente che ancora con poche decine di migliaia di € pretende di vivere di rendita e addirittura avere interessi??

    ma andate a lavurà
    quei soldi non vanno risparmiati, vanno spesi in beni reali, cosi si fa girare l'economia
    Caro Armando I Robot permettimi almeno di decidere se e dove spenderli.
    In tal caso non è detto che io decida di spenderli in Italia o di comprare prodotti italiani o alimentare almeno la distribuzione italiana.

    Hai capito, immagino e spero, cosa comporta il concetto di "globalizzazione" oppure sono necessarie spiegazioni aggiuntive?
    Ti è chiaro che ogni "sistema paese" non è più autarchico ma deve confrontarsi con il resto del mondo e che le inefficienze si pagano care?

    Citazione Originariamente Scritto da Milordpiero Visualizza Messaggio
    ?

    ma che stai a dire

    distorci brutalmente la realtà , se fai salire azioni e bond influenzati dal qe vai ovviamente a detrimento di quelle azioni e bond o attività reali che non ne avevano bisogno .. Invece di affrontare la realtà ti nascondi dietro al qe , non va bene

    ( e tieni in vita, a spese altrui , situazioni che sarebbe bene finissero )

  10. #60

    Data Registrazione
    Jan 2015
    Messaggi
    34,592
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    13581 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da poirino Visualizza Messaggio
    Partiamo dalla tua ultima frase sulla quale, ovviamente, concordo.
    Gli esempi da me riportati non sono graditi, va benissimo.
    Prendiamo l'esempio dei forestali calabri e/o assimilati (esempio il 90% della P.A., nelle ditte private almeno un 30-50% a spanne).
    Quanto tempo, in anni, e quanto denaro, in migliaia di euro, sono necessari per la "riconversione produttiva" di queste persone e con che percentuale di successo secondo una Tua stima?
    Quanto è necessario come investimento per ogni singolo posto di lavoro da assegnare a questi soggetti?
    Quali vincoli, burocratici, adempimenti fiscali, tassazione palese ed occulta dovrà affrontare l'imprenditore per poter assoldare questi soggetti?


    Dopo che avrai risposto a queste domande ricordati che:
    L'Italia non è l'unico "sistema paese" al mondo (per fortuna o purtroppo)
    Esistono, in quantità eccedente la richiesta, a livello mondiale risorse "pronte" che non necessitano i tempi ed investimenti di cui sopra
    Un velo pietoso su vincoli, burocratici, adempimenti fiscali, tassazione palese ed occulta

    A questo punto chi si dovrebbe far carico, economicamente, della "riconversione" di queste risorse se non le "risorse" stesse visto che esse sono parte integrante e preminente del problema?
    Per quanto concerne numeri e dati non posso obv. fare stime attendibili...

    Posso anche condividere il tuo ragionamento sul lato teorico, ma, da quello pratico, cosa faresti, realisticamente parlando?

    Da un giorno all'altro licenzi 1 mln di dip. pubblici?
    Li cacci via tutti dall'Italia perchè secondo te riconvertirli costerebbe troppo?

    Ed ovviamente tutta questa massa di persone non protesta, prende le valigie ed emigra senza creare problemi, presumo

    Azzeri il loro stipendio e cerchi di incentivare l'imprenditorialità con le risorse che si liberano?
    E nel frattempo come vivono?

    Costi economici e sociali per proteste, danneggiamenti, forze militari per cacciarli via e sterminare chi si oppone?

    Secondo me sono cose irrealizzabili nella pratica...

    A parole puoi dire di tutto, ma dal lato pratico i processi non possono che essere graduali, nelle burocrazie moderne...

    Considera anche che questa massa di persone consuma e dunque crea lavoro per le imprese locali...se esili mezza calabria muoiono anche tutte le attività...

    La soluzione pratica è quella già intrapresa, ovvero il blocco del turnover....i pubblici vanno in pensione, muoiono e non vengono rimpiazzati...

    In certi settori pubblici comunque manca personale (ospedali etc)...

    Insomma, la soluzione sarà sempre graduale...

    Se azzeri gli stipendi di chi guadagna 1000 euro e dunque ha propensione marginale al consumo elevata azzoppi ancora di più l'economia...

    Bisogna renderli produttivi, visto che il rapporto qualità/prezzo del pubblico è scarso...

    Poi, gradualmente, riduci pressione fiscale...

    Ovviamente devono farlo seriamente........

Accedi