analisi della decrescita felice
Etf europei: afflussi 2019 sopra muro 100 miliardi, anno record per ESG e strategie Smart Beta
Per la prima volta, gli ETF europei hanno registrato afflussi per oltre 100 miliardi di euro (100,8 miliardi), un dato record che porta il patrimonio totale in gestione a 870 …
Lunedì nero per Piazza Affari (-2,31%), coronavirus batte effetto Emilia. Si salva Poste
Lunedì amaro sui mercati complice l’acuirsi delle preoccupazioni sulla diffusione del coronavirus cinese, con il bilancio delle vittime e il numero di persone infette in forte aumento. Il numero di …
Mercati emergenti: coronavirus intralcia il rally, ma analisti rimangono positivi per il 2020
La rapida diffusione del coronavirus è in testa alle preoccupazioni degli investitori mondiali, anche quelli dei mercati emergenti che stanno valutando l’impatto del virus arrivata dalla Cina sull’economia globale. Il numero …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    11,513
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    2892 Post(s)
    Potenza rep
    0

    analisi della decrescita felice

    a breve, a Roma ospiteremo Maurizio Pallante, presidente del Movimento della Decrescita Felice e autore di numerosi saggi sul tema. Vorremmo cogliere l’occasione per confrontare il nostro pensiero con la sua suggestiva tesi, provando ad impostare un discorso “aperto”, cui possano contribuire anche altri collaboratori di questa rivista.

    Una breve sintesi del pensiero di Pallante, allievo della scuola francese che fa riferimento a Serge Latouche, si rende necessaria. La teoria della decrescita parte da una critica essenzialmente economica della modernità. La confusione tra il concetto di bene ed il concetto di merce, caratteristica del capitalismo e del mercato, ha fatto sì che i rapporti sociali fossero sostituiti dai rapporti di produzione e consumo, elevando il valore monetario a misura di ogni valore. Tipico esempio della distorsione del sistema capitalistico è la misura del benessere attraverso il PIL (prodotto interno lordo): più aumentano la produzione e lo scambio dei beni-merce e dei servizi-merce, più aumenta la salute sociale e il benessere collettivo. Si giunge quindi al paradosso secondo cui le società che consumano meno farmaci antidepressivi hanno meno benessere di società che ne abusano.

    Si afferma, quindi, la demonìa della crescita infinita. Il sistema capitalistico deve crescere per progredire. Recessione e stagnazione significano la morte del sistema economico. Ne consegue una società dove viene favorito l’edonismo consumistico, l’uomo e la donna perdono i loro connotati caratteristici e la loro funzione, si perdono saperi, tecniche di autoproduzione e autosostentamento. Ogni volta che l’essere umano si procura da sé ciò di cui ha bisogno, senza acquistarlo sul mercato, fa recedere l’economia.

    Decrescita non significa, però, pauperismo, recessione o nostalgia di un’era primitiva in salsa hippy. Significa, innanzitutto, operare una distinzione tra beni che non sono merce (l’efficienza energetica degli edifici), beni che possono non essere merce (un prodotto dell’orto coltivato da solo) e beni che non possono che essere merci (saperi specialistici o alte tecnologie). Inoltre, significa impiegare meglio le risorse, evitando gli sprechi non necessari e favorire la prevalenza della qualità della vita sulla quantità del possesso. Attraverso una riscoperta del valore del dono, della comunità, della propria spiritualità e delle famiglie, é possibile ricostruire una società felice, mantenendo intatto il patrimonio tecnologico acquisito, senza che questo sia dannoso per la nostra salute o incida negativamente sul nostro benessere. Decrescere significa, in fin dei conti, ridurre lo spazio mercificato, in favore della valorizzazione di ciò che è bene indipendentemente dal valore economico.

    Sicuramente la tesi di Pallante coglie nel segno in molte direzioni. Analisi critica e proposta colgono un aspetto essenziale della crisi del mondo moderno.

    Noi crediamo, però, che una qualunque tesi che cerchi di risolvere il paradosso dell’economia non possa prescindere dal conflitto non riducibile fra nomos e tecnica. Il Diritto, inteso oggi solo come produzione di testi regolamentari e di atti-sentenza con funzione di ottima allocazione dei “danni collaterali”, ha perso il suo ruolo di “misura del bene sociale”.

    L’uomo, in realtà, può trovare il suo benessere solo nell’ambito del nomos, mai in un mercato dei valori misurabili in banconote. Oggi, però, la “legge della casa” (oikos nomia, ossia l’economia), intesa come tecnica del benessere universale, ha soppiantato il diritto nella regolamentazione dei giusti rapporti sociali fra le persone, sia in senso verticale (rapporto con il potere) che in senso orizzontale (diritto civile). E’ l’utile, e dunque in fin dei conti la concupiscenza, a determinare ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. La Tecnica ha mobilitato l’umanità al servizio della macchina, mentre il Diritto per millenni ha tenuto l’uomo libero dalle proprie passioni. Tecnica e Diritto non possono coesistere.

    Una critica solamente economica della modernità porterebbe ad un paradosso: ossia, ad una critica economica dell’economia, una critica tecnica della Tecnica. Ma non si sconfigge il male col male.

    Così, la tesi della decrescita, se è vero che coglie il limite della Tecnica nella propria assoluta autoreferenzialità (nel senso che la mobilitazione tecnica deve soffocare ogni spazio come un tumore, senza lasciare un reale beneficio a chi la subisce), non riesce a superare una visione tecnica. Ma così si rischia di imbrigliare un pensiero critico in una circolare critica del pensiero. Non si può pensare che la mercificazione, ossia la mobilitazione tecnica dei bisogni finalizzata al profitto, possa essere fermata de-mercificando. Non si sconfigge il capitalismo con una diversa tesi economica, ma col Diritto.

    Il Diritto, inteso come Giustizia, è la vera decrescita. Solo un arretramento dell’economia come tecnica sociale e normativa potrà riportare la situazione ad una condizione di normalità. Diritto non inteso, però, secondo i canoni del giusnaturalismo illuminista o del positivismo, ma secondo la Lex Naturalis della Tradizione cristiana europea. Solo attraverso la riscoperta della legge naturale, la Legge che Dio ha nascosto nel cuore degli uomini, si potrà riscoprire la vera Idea del benessere sociale.

  2. #2

    Data Registrazione
    Jul 2013
    Messaggi
    22,775
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    9771 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Non sono d'accordo.
    Negli anni '60 c'era già un'auto per ogni famiglia. Negli anni '80 ce n'erano due. Nel 2000 ce n'erano tre ed oggi siamo a quattro auto per famiglia (una per ogni componente).

    Bisogna cercare di arrivare a 8 auto per famiglia. Possibilmente 16.

    Solo così potremo assicurare crescita e benessere per i prossimi anni ai nostri figli.

  3. #3
    L'avatar di Zedemel
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Messaggi
    127,126
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    7077 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Vero ma rimane il problema che la gente ha bisogno di soldi per campà

  4. #4

    Data Registrazione
    Apr 2013
    Messaggi
    3,745
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    0
    purtroppo il sistema va al contrario della decrescita felice
    va verso la concentrazione di lavoro e ricchezze
    col 10% di disoccupazione basterebbe un taglio lineare di salari e ore di lavoro del 10% e distribuirlo ai disoccupati per avere occupazione al 100%, idealmente ma le aziende preferiscono far lavorare uno 10 ore al giorno che assumere due per 5 ore

    un'altra tendenza contraria alla decrescita è la privatizzazione invece che il servizio pubblico, la prima crea disuguaglianze, la seconda no perchè il servizio pubblico si basa sulla fiscalità generale
    Citazione Originariamente Scritto da Don Evabè Visualizza Messaggio
    Non sono d'accordo.
    Negli anni '60 c'era già un'auto per ogni famiglia. Negli anni '80 ce n'erano due. Nel 2000 ce n'erano tre ed oggi siamo a quattro auto per famiglia (una per ogni componente).

    Bisogna cercare di arrivare a 8 auto per famiglia. Possibilmente 16.

    Solo così potremo assicurare crescita e benessere per i prossimi anni ai nostri figli.
    e che te ne fai di 3-4 macchine??
    sarebbe meglio non averne nessuna, noleggiarne una quando serve e grazie a ciò lavorare di meno

Accedi