Sallusti ha ragione da vendere: ... c'è una generazione che paga tutto !
Conti correnti: risparmi monstre ‘tradendo’ la propria banca, costi zero da sei conti online
All’inizio di ogni anno, in cima alla lista dei buoni propositi c’è quasi sempre l’intento di tagliare le spese superflue. Nella giungla di costi fissi che ogni anno rischiano di …
Analisi stagionalità non lascia dubbi: concentrarsi su Piazza Affari grave errore. Nasdaq e S&P 500 rulli compressori
Riprendiamo l?analisi recentemente pubblicata sulla stagionalità degli indici europei per analizzare quella degli indici USA (S&P 500 e Nasdaq 100) e tirare le fila del discorso. Il risultato dell?analisi dell?Ufficio …
Tesoretto spread: Bankitalia quantifica l’effetto del calo di 100 pb
Pil in crescita dello 0,9% quest’anno, dello 0,9% nel 2021 e in lieve e ulteriore accelerazione nel 2022 all'1,1 per cento. Così La Banca d'Italia nel suo ultimo Bollettino in …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di SobSobConsob
    Data Registrazione
    Dec 2003
    Messaggi
    6,006
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    879 Post(s)
    Potenza rep
    42949689

    Sallusti ha ragione da vendere: ... c'è una generazione che paga tutto !

    I nati negli anni '50 e '60 hanno tutti lavorato per oltre 30 anni ed hanno versato contributi a livello del 33%.

    .... e gli si impedisce di riscuotere il credito previdenziale con statistiche taroccate: sulla "speranza di vita".
    Come del resto anche anche le generazioni successive, ma senza che queste possano contribuire ( e quindi essere derubate ) allo stesso modo !

  2. #2
    L'avatar di Pred_01
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    13,851
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    4482 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    spiega 'npò meglio, per favore, la cosa m'interessa.

  3. #3

    Data Registrazione
    Jul 2013
    Messaggi
    31,483
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    10146 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Dico solo che un mio amico che ha lavorato per 15 anni in Inghilterra e 15 anni in Italia (presso una istituzione pubblica che quindi ha versato tutti i contributi) la sua situazione pensionistica attuale e' che

    - i 15 anni di contributi in Italia gli valgono (ai fini pensionistici) per CINQUE VOLTE di MENO di quelli versati in Inghilterra (e lo stipendio era praticamente lo stesso).

    Ma vi pare possibile???

  4. #4

    Data Registrazione
    Nov 2012
    Messaggi
    33,602
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3942 Post(s)
    Potenza rep
    42949680

  5. #5
    L'avatar di SobSobConsob
    Data Registrazione
    Dec 2003
    Messaggi
    6,006
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    879 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da Pred_01 Visualizza Messaggio
    spiega 'npò meglio, per favore, la cosa m'interessa.
    Verso quali generazioni insiste il debito previdenziale dello Stato Italiano ? ... E' chiaro, verso coloro che maggiormente hanno versato contributi per la propria previdenza !

    Le generazioni che hanno maggiormente contribuito nella storia del nostro paese sono quelle nate negli anni '50 e '60.
    Sono quelle a cui è stata spostata ( "a data da definirsi" ) l'uscita dal lavoro.
    Infischiandosene di tutti gli schemi proposti in precedenza.
    Esempio chiarissimo è quello del "metodo contributivo": che è stato snaturato da quando non è più possibile eleggere, da parte del lavoratore, la data di uscita e viene invece assegnata dalla legge la data assurda per l'uscita ( ed il recupero dei propri contributi ) ...

  6. #6

    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    26,319
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    7459 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da SobSobConsob Visualizza Messaggio
    I nati negli anni '50 e '60 hanno tutti lavorato per oltre 30 anni ed hanno versato contributi a livello del 33%.

    .... e gli si impedisce di riscuotere il credito previdenziale con statistiche taroccate: sulla "speranza di vita".
    Come del resto anche anche le generazioni successive, ma senza che queste possano contribuire ( e quindi essere derubate ) allo stesso modo !

    Cioè non è vero che si vive di più ?

    Il problema è che da quando è iniziata la crisi l' inps sta incassando molti meno contributi, le riforme sul lavoro li hanno ulteriormente abbassati e all' orizzonte non si profila nessun aumento di entrate ma solo un sicuro aumento delle uscite,, la demografia non perdona.

  7. #7
    L'avatar di Galerkin
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Messaggi
    17,211
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    8263 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Calidris Visualizza Messaggio
    Cioè non è vero che si vive di più ?

    Il problema è che da quando è iniziata la crisi l' inps sta incassando molti meno contributi, le riforme sul lavoro li hanno ulteriormente abbassati e all' orizzonte non si profila nessun aumento di entrate ma solo un sicuro aumento delle uscite,, la demografia non perdona.
    è vero che hanno tirato una retta che non ha alcuna valenza scientifica, semplificando:
    se nel 2010 l'aspettativa di vita era di 80 anni e nel 2015 di 81, allora mi aspetto che tra trent'anni sarà di 87 e ti calcolo la pensione di conseguenza

  8. #8
    L'avatar di BlackM
    Data Registrazione
    Mar 2000
    Messaggi
    125,101
    Mentioned
    17 Post(s)
    Quoted
    62976 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    Citazione Originariamente Scritto da SobSobConsob Visualizza Messaggio

    Le generazioni che hanno maggiormente contribuito nella storia del nostro paese sono quelle nate negli anni '50 e '60.
    Sono quelle a cui è stata spostata ( "a data da definirsi" ) l'uscita dal lavoro.
    Generazioni nate negli anni 50? Sei sicuro? I miei genitori sono del 51 e 52 e sono già in pensione da un po'. Mio papà da quasi 10 anni ormai.

  9. #9
    L'avatar di rainbowdandy
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    73,885
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    16344 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da BlackM Visualizza Messaggio
    Generazioni nate negli anni 50? Sei sicuro? I miei genitori sono del 51 e 52 e sono già in pensione da un po'. Mio papà da quasi 10 anni ormai.
    azzo 54 anni...
    hai voglia a pagare i contributi...
    54 anni sei un giovanotto di questi tempi...
    A meno che non lavorasse in miniera..

  10. #10

    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    36,485
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1167 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da SobSobConsob Visualizza Messaggio
    I nati negli anni '50 e '60 hanno tutti lavorato per oltre 30 anni ed hanno versato contributi a livello del 33%.

    .... e gli si impedisce di riscuotere il credito previdenziale con statistiche taroccate: sulla "speranza di vita".
    Come del resto anche anche le generazioni successive, ma senza che queste possano contribuire ( e quindi essere derubate ) allo stesso modo !
    ma non è la sua ....

    lui va in pensione col retributivo .... << più di 18 anni di contributi al 1 gennaio 1996 >>

    quindi racconta balle come spesso gli accade

    dimostrazione

    Citazione Originariamente Scritto da BlackM Visualizza Messaggio
    Generazioni nate negli anni 50? Sei sicuro? I miei genitori sono del 51 e 52 e sono già in pensione da un po'. Mio papà da quasi 10 anni ormai.



    ma com'è possibile che ci sia ancora qualcuno che legge e, addirittura, riporta le ********* che dice e scrive sallusti

Accedi