Agora Investments SGR in live meeting su FOL - Pagina 10
Ethereum fa +100% dai minimi e rosicchia spazio al bitcoin. Ecco cosa sta spingendo la crypto più calda dell’estate 2022
Gli ultimi giorni, sotto la spinta delle attese di una Fed meno aggressiva sui tassi, ha favorito un nuovo rialzo delle criptovalute. Nei giorni scorsi il prezzo di Ether (ETH), il token originario della blockchain di ethereum, ha toccato quota a 2.000 dollari, livello che non vedeva da maggio scorso, ossia in aumento del 100% circa
Prada controcorrente rispetto ad Exor: al lavoro con Goldman Sachs su quotazione a Milano
Prada starebbe valutando la possibilità di raccogliere almeno 1 miliardo di dollari tramite una seconda quotazione sulla Borsa di Milano, secondo quanto riporta Bloomberg. Mentre proprio oggi, la holding finanziari della famiglia Agnelli, Exor ha debuttato ufficialmente alla Borsa di Amsterdam e a distanza di oltre 50 anni si prepara a dire addio a Piazza Affari.Il gruppo
Cripto: BlackRock, dopo la partnership con Coinbase lancia un trust privato per investire sul Bitcoin
BlackRock, la più grande società di wealth management al mondo, ha lanciato un trust privato che offre ai clienti istituzionali negli Stati Uniti un?esposizione diretta al Bitcoin. Giovedì, il più grande asset manager del mondo ha rivelato il nuovo prodotto in un post sul blog per chiarire i dettagli.?Nonostante il forte calo sul mercato degli
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #91

    Data Registrazione
    May 2004
    Messaggi
    22,405
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Buongiorno Dottor Ceccaroni,

    Volevo chiederLe una cosa sola:
    Ho conosciuto da vicino alcune crisi di liquidità di fondi comuni
    I casi più ecclatanti si sono visti in fondi laddove, sebbene fossero fondi liquidità, hanno riportato perdite significative (chiaramente inconcepibili per la stessa definizione del fondo stesso. se viene meno la fiducia in un fondo liquidità figuriamoci il sistema come possa reggere)
    Questo dovuto a investimenti evidente sbagliati, presumibilmente catalogati come "liquidi" ma nella realtà molto rischiosi (penso uno su tutti alla famosa landsbanki)

    Mi interesserebbe un suo parere sull'argomento, se avete avuto anche voi difficoltà simili, e soprattutto se pensa che avvenimenti come quello sopracitati siano da esser considerati ormai superati (e non ripetibili per vincoli procedurali più stretti) o se teme (come me) che ci siano ancora casi simili (magari ben mascherati da iniezioni di capitale che a noi "comuni mortali" non è ovviamente dato a sapere)

    Grazie,
    Vittorio

  2. #92

    Data Registrazione
    Oct 1999
    Messaggi
    1,807
    Blog Entries
    16
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    93 Post(s)
    Potenza rep
    42949695
    Bene, anche questo incontro ci ha riservato la sempre piacevole sensazione che questa sia la vera strada per facilitare il dialogo tra le istituzioni finanziarie e la comunità degli investitori.

    Il Dottor Ceccaroni, ringrazia e saluta tutti, mentre è ancora impegnato a rispondere alle ultime domande.

    Da questo momento non è più possibile inserire nuove domande. Tutte quelle che arriveranno dopo il mio messaggio saranno comunque inviate ad Agora Investments SGR

    Da Sal e da Alessandro Ceccaroni, un caro saluto a tutti.

  3. #93
    L'avatar di Alessandro Ceccaroni
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    79
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Vittorio's Visualizza Messaggio
    Buongiorno Dottor Ceccaroni,

    Volevo chiederLe una cosa sola:
    Ho conosciuto da vicino alcune crisi di liquidità di fondi comuni
    I casi più ecclatanti si sono visti in fondi laddove, sebbene fossero fondi liquidità, hanno riportato perdite significative (chiaramente inconcepibili per la stessa definizione del fondo stesso. se viene meno la fiducia in un fondo liquidità figuriamoci il sistema come possa reggere)
    Questo dovuto a investimenti evidente sbagliati, presumibilmente catalogati come "liquidi" ma nella realtà molto rischiosi (penso uno su tutti alla famosa landsbanki)

    Mi interesserebbe un suo parere sull'argomento, se avete avuto anche voi difficoltà simili, e soprattutto se pensa che avvenimenti come quello sopracitati siano da esser considerati ormai superati (e non ripetibili per vincoli procedurali più stretti) o se teme (come me) che ci siano ancora casi simili (magari ben mascherati da iniezioni di capitale che a noi "comuni mortali" non è ovviamente dato a sapere)

    Grazie,
    Vittorio
    Salve. Simpatizzo con lei. Certe cose non dovrebbero accadere all'interno di una gestione professionale del risparmio.
    Credo che in parte ci sia stata malafede - ossia l'inserimento di prodotti chiaramente rischiosi (ABS, titoli strutturati ecc.) ed in parte eccessiva fiducia sui modelli basati sulla volatilità (bassa nei momenti di bull mkt) o sui rating di S&P, Moody's ecc.
    Il problema si è posto su prodotti di blasonate case d'investimento ma perlopiù non italiani. Bankitalia e Consob vigilano sui prodotti italiani, mi pare con buoni risultati. Atenzione quindi ai prodotti esteri, anche se comunitari.
    L'incentivo a vigilare prodotti gestiti da case estere per mercati esteri da parte dei regolatori (per es. lussemburghesi o irlandesi) non è lo stesso di Bankit e Consob per i prodotti italiani.
    I fondi di diritto italiano sono sicuri. Sugli altri non saprei.

  4. #94

    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    7,040
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1831 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Gentile dottor Ceccaroni,

    è possibile un investimento di questo tipo:

    Io vi do 100 che voi gestite come volete. Se guadagnate il 30% a me date il 3.0% netto. Se perdete il 30% a me sempre il 3.0% netto date. Investendo 100 dopo un anno mi date 103.

    Io metto i soldi voi la professionalità.

    grazie

    Paolo Vittori

  5. #95
    L'avatar di Alessandro Ceccaroni
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    79
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da maku Visualizza Messaggio
    buongiorno
    sono stato oggi in due banche svizzere (UBS/CS) tranquilli ..sono di passaporto CH.
    Per avere un colloquio con dei funzionari ci vogliono 12-15 giorni di preavviso quando solo un mese fa non c'era bisogno di appuntamenti.
    Ho trovato una coda interminabile di italiani pronti a scudare i loro averi.
    Un importante funzionario del CS. mi ha confermato che dal 15 settembre ha perso non meno del 50% dei capitali amministrati (... e mancano ancora 2 mesi)
    Non crede che a differenza di quanto si scrive su Repubblica e Unita' e a
    quello che racconta DiPietro finalmente il Ministro Tremonti (miglior ministro
    delle finanze italiano negli ultimi 100 anni...a detta dei banchieri svizzeri)
    ha trovato la strada di riportare a casa tutti i soldi (o quasi)degli italiani.
    Personalmente ho l'impressioni (dati alla mano..) che avremo al 15 dicembre
    delle grandi grandi sorprese positive.
    E' un bene per l'Italia come sostiene Tremonti o e' da incoscienti (come dice
    Di Pietro) far rientrare i capitali esportati negli anni 80-90 ?
    Questa dello Scudo fiscale è una sanatoria e come tale premia gli evasori e meno chi ha sempre pagato...........
    Chiaramente a noi che lavoriamo in finanza ci fa comodo, dichiariamolo subito.
    Se, assieme al condono, si fa passare il messaggio che l'evasione non sarà tollerata per il futuro, allora l'operazione può essere considerata positiva, anche per le casse statali.
    Se attorno alla Svizzera e gli altri paesi non collaborativi (parassiti?) si creerà un "cordone sanitario" da parte di stati efficienti, tanto meglio.
    Se invece prevale l'idea che questo è uno dei soliti condoni, allora è diverso.
    Concordo che Tremonti stia facendo molto bene.
    Ma non eravamo l'anello debole dell'Europa e dell'Euro? All'inizio della crisi nella stampa aglo-sassone prevalevano le previsioni catastrofiste sull'Italia - che sarebbe uscita dall'euro ecc. Invece il Governo ha tenuto botta e non si è concesso aumenti di spesa con la scusa della crisi, col risultato che di Italia-anello-debole-del-sistema in Europa non si parla più. Casomai del Regno Unito...

  6. #96
    L'avatar di Alessandro Ceccaroni
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    79
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Paolo Vittori Visualizza Messaggio
    Gentile dottor Ceccaroni,

    è possibile un investimento di questo tipo:

    Io vi do 100 che voi gestite come volete. Se guadagnate il 30% a me date il 3.0% netto. Se perdete il 30% a me sempre il 3.0% netto date. Investendo 100 dopo un anno mi date 103.

    Io metto i soldi voi la professionalità.

    grazie

    Paolo Vittori
    Certo, è possibile.
    Lei chiede il 3% garantito.
    Aspetti che i tassi a breve tornino al 3% e faccia un deposito in banca. A fine anno avrà 103 (meno le tasse).
    Saluti.

  7. #97
    L'avatar di rossanod
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    1,760
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    24149113
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Ceccaroni Visualizza Messaggio
    Questa dello Scudo fiscale è una sanatoria e come tale premia gli evasori e meno chi ha sempre pagato...........
    Chiaramente a noi che lavoriamo in finanza ci fa comodo, dichiariamolo subito.
    Se, assieme al condono, si fa passare il messaggio che l'evasione non sarà tollerata per il futuro, allora l'operazione può essere considerata positiva, anche per le casse statali.
    Se attorno alla Svizzera e gli altri paesi non collaborativi (parassiti?) si creerà un "cordone sanitario" da parte di stati efficienti, tanto meglio.
    Se invece prevale l'idea che questo è uno dei soliti condoni, allora è diverso.
    Concordo che Tremonti stia facendo molto bene.
    Ma non eravamo l'anello debole dell'Europa e dell'Euro? All'inizio della crisi nella stampa aglo-sassone prevalevano le previsioni catastrofiste sull'Italia - che sarebbe uscita dall'euro ecc. Invece il Governo ha tenuto botta e non si è concesso aumenti di spesa con la scusa della crisi, col risultato che di Italia-anello-debole-del-sistema in Europa non si parla più. Casomai del Regno Unito...

    Complimenti per questa risposta, mi trova pienamente d'accordo!! saluti

Accedi