Coronavirus ed occasioni d'acquisto - Pagina 29
Sul Ftse Mib tornano i tormenti su ENI e Saipem, KO anche Bper. Boom fiducia Usa fa storcere il naso a Wall Street
Giornata di assestamento oggi per Piazza Affari dopo il prepotente rally di inizio settimana. Il Ftse Mib ha chiuso a quota 19.061 punti, con un calo dello 0,52% . I …
Primi numeri (in rosso) della nuova Carige, il ceo Guido: ‘ora banca al top per profilo di rischio’
Banca Carige torna dopo oltre un anno a dare indicazioni finanziarie. I conti sono ancora in rosso ma la perdita è inferiore ai 100 milioni di euro nei 5 mesi …
Valentine, la nuova tegola sulla testa di MPS vale 1,4 MLD. Si complica ulteriormente processo privatizzazione
“Crediamo che il processo di privatizzazione di MPS sia indebolito dai diversi rischi finanziari che incombono sulla banca”. Così commentano gli analisti di Banca IMI, facendo riferimento agli ultimi rumor …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #281

    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    203
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    149 Post(s)
    Potenza rep
    6887784
    Citazione Originariamente Scritto da kada1992 Visualizza Messaggio
    Tra Exxon e RDSB quale sta messa meglio? Grazie
    Difficile rispondere anche perché la differenza tra le due non è solo contabile ma strategica.
    Se guardiamo al dividendo (e oggi come oggi non significa nulla) RDS.
    Se guardiamo al bilancio, e quindi alla possibilità di far fronte a periodi di magra, Exxon.
    Se guardiamo al breakeven, cioè ad essere profittevoli con prezzi del greggio bassi, meglio RDS ma nessuna è ai livelli di Total o Chevron.
    Se guardiamo alla capacità di generare cash flow dalle attività operative, RDS.

    Ma la differenza principale è, appunto, strategica. RDS è la major petrolifera più esposta nel gas, con quasi la metà del fatturato che arriva dal settore gas. Di conseguenza (forse) ha anche le riserve petrolifere inferiori.
    Exxon fa, e farà, all-in sul petrolio oggi è nel futuro prossimo.

    Questo è per me l'aspetto principale. Exxon è in totale controtendenza rispetto a Total e RDS, puntando ancora tutto sul petrolio. Il futuro prossimo vedrà la dipendenza dal petrolio calare o il mondo sarà ancora attaccato al barile per lunghi anni?

  2. #282
    L'avatar di soppa
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    5,080
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    422 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    riflessione molto interssante

  3. #283
    L'avatar di pmc
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    1,642
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    152 Post(s)
    Potenza rep
    41934617
    ... e poi (ieri sera) arriva in diretta tv il primario del San Raffaele:

    "Siamo passati dall'essere un paese di allenatori di calcio a un paese di esperti in medicina, chirurgia ed epidemiologia" (il top )

    "Cosa chiediamo? Chiediamo di essere lasciati in pace. Stiamo facendo un lavoro molto serio, molto difficile, ma ci dà fastidio la banalizzazione e l’estremizzazione del fenomeno, dobbiamo relativizzare la realtà"

    "Quello che ha fatto un grande ospedale come il mio è stato quello di riorganizzare passo passo la terapia intensiva, passando da quattro letti riservati ai pazienti covid a 60"

    "Io sono felice che siano venuti i medici albanesi ad aiutarci, ma noi siamo l'Italia e non abbiamo il problema dei respiratori, non abbiamo il problema dei respiratori da sdoppiare, non abbiamo mai dovuto fare delle scelte l'ammalato A può essere curato l'ammalato B non può essere curato. Se qualcuno le ha fatte ha sbagliato e lo dico perchè ho parlato un ora fa con il dottor Lorini che è il primario di anestesia e rianimazione dell'ospedale più colpito. E' estremamente infastidito da queste che sono fesserie enormi"

    Coronavirus, Alberto Zangrillo: "Basta banalizzazioni, lasciateci lavorare" - Live - Non e la D'''Urso | Mediaset Play

  4. #284

    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    577
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    119 Post(s)
    Potenza rep
    10127729
    Citazione Originariamente Scritto da Yollo Visualizza Messaggio
    Certamente, ora come ora non mi avvicinerei a nessuna compagnia aerea o compagnia di crociera, ma nel caso di delta è un azienda che negli ultimi 10y ha continuato a creare utili, certamente il prezzo negli ultimi 5 anni ha ballato tra i 40 e 60$ ma l'azienda stava bene, malgrado il debito aumentasse ma considerando il settore in cui opera mi sembra normale, inoltre leggevo sul sito dell'azienda:

    "Delta Air Lines today announced it has entered into a $2.6 billion secured credit facility, enhancing the company’s liquidity as it manages through an unprecedented decline in air travel demand due to the COVID-19 outbreak. The company is also drawing $3 billion under its existing revolving credit facilities."

    Sicuramente se la situazione continua cosi la cosa diventerà critica, e non è detto che lo stato intenda salvare questa compagnia... almeno non c'e la certezza... Per ora resto alla finestra per vedere eventuali sviluppi.
    La mia formazione da Biotecnologo mi fa male sperare riguardo alla situazione di contenimento del virus in America in particolare... Ma speriamo di sbagliarmi... in termini di vite umane il conto rischia di essere pesantissimo...
    La situazione in USA la vedo molto male perché sono state adottate misure tardivamente e non in modo uniforme. La libertà di cui godono gli Stati nel sistema federale è paradossalmente un problema ora come ora. Penso che lo statuto consenta disposizioni di emergenza come quello per la riconversione forzata delle linee produttive imposto a GM e sono sicuro che altro potrebbe essere deciso dal Congresso ma li vedo tutti ancora molto abbottonati sui banchi.
    Poi la privatizzazione e depauperamento di risorse iniziato con le amministrazioni degli anni '70, unita alla deregulation selvaggia, ha creato inevitabilmente malati di serie A e B, che può "funzionare" sì ma non in un regime di emergenza estesa, dove per estesa si intende sia l'estensione temporale che in termini di popolazione che potrà toccare.
    Se noti il cambio di registro, si è passati in 3 settimane al "non dovete preoccuparvi, stiamo gestendo il tutto magnificamente" a "è molto possibile che il virus farà 100K-200K morti o addirittura 2 milioni se non procediamo alla serrata generale".
    Un'altra nota, stupida nel suo essere...stupida, ma in un contesto come quello americano incide.
    Tutti i loro locali al chiuso utilizzano pesantemente l'aria condizionata, che è uno dei perfetti veicoli di trasmissione del virus (non a caso si pensa che a Codogno sia stato una delle cause del primo focolaio).

    Ora stanno chiedendo ad altri Paesi che vengano inviati gel igienizzanti e ventilatori. Questo fa capire come siano messi...

    Non sono un virologo ma in USA il virus sta seguendo una progressione geometrica. Circa ogni 3 giorni i decessi raddoppiano. Questa settimana cominceranno ad essere a 3 zeri via avanti ogni giorno sempre peggio.
    Se consideriamo che il picco è lontano, che almeno un mese il virus se ne sia andato in giro indisturbato e che appunto la serrata non sia ancora arrivata, il picco potrebbe arrivare almeno tra un mese. Fai il calcolo di cosa voglia dire 1-2K morti ogni giorno.
    100K non è poi così fuori dal mondo.
    Spiace parlare così in termini di vite umane ma razionalmente è quel che io perlomeno mi attendo che accada.
    Ah ultimo punto: ancora non si è scatenato il panico ma ricordiamoci, nel caso, che si possono comprare armi semiautomatiche come fossero martelli dal ferramenta...

    Detto questo, tu su che aziende ti orienti ?
    Nella mia watchlist (ancora del 2017) avevo messo:
    - Facebook
    - Microsoft
    - Alibaba
    - Square

    Se dovessero tornare disponibili a prezzo di saldo, le riconsidererei. Stupidamente non ho comprato FB dopo Cambridge Analytica ma per me 120$ è un prezzo interessante. Comincerei a quella cifra e giù fino a 80-100.
    Square avevo messo come target 30 ma poi è tornata su a 52. A questo punto ricomincerei a 40.
    Per MS e BABA non ho una cifra.

    Da profano del settore, nei prossimi mesi darei un occhio ai seguenti settori:
    - logistica/consegne
    - pagamenti digitali
    - infrastrutture IT
    - pharma (ma a parte Biogen conosco poco...)

    Insomma tutti i servizi di cui non si può fare a meno ma che già avevano cambiato un po' pelle con la globalizzazione e accessibilità via smartphone.
    Sono sempre più convinto che il virus cambierà che lo si voglia o meno, le abitudini di molti di noi, spingendoci, almeno in una prima fase di assestamento, a limitare contatti, a servirci ancora di più del telefono per fare un po' tutto (come avviene in Cina che ha risentito meno del virus perché già sono abituati ad un certo modus vivendi), ad essere più chiusi nella nostra bolla di individualismo, limitando l'aggregazione di massa.
    E' ovviamente difficile pensarlo ora come ora ma non mi stupirei se alcuni concerti per es. passassero in streaming invece che in mezzo ad un'arena o in un prato d'erba. O perlomeno fosse fornita anche quell'esperienza di modo da accontentare chi svilupperà una sorta di "agorafobia". E ce ne saranno tanti.
    Lo so, cambia totalmente la fruizione, ma piutost che gnent'...

    Se qualcuno però vuole condividere altri titoli con fondamentali interessanti io sono qui per "assorbire come una spugna"

  5. #285
    L'avatar di vegar
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    14,495
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    1992 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da Dio_Brando Visualizza Messaggio
    La situazione in USA la vedo molto male perché sono state adottate misure tardivamente e non in modo uniforme. La libertà di cui godono gli Stati nel sistema federale è paradossalmente un problema ora come ora. Penso che lo statuto consenta disposizioni di emergenza come quello per la riconversione forzata delle linee produttive imposto a GM e sono sicuro che altro potrebbe essere deciso dal Congresso ma li vedo tutti ancora molto abbottonati sui banchi.
    Poi la privatizzazione e depauperamento di risorse iniziato con le amministrazioni degli anni '70, unita alla deregulation selvaggia, ha creato inevitabilmente malati di serie A e B, che può "funzionare" sì ma non in un regime di emergenza estesa, dove per estesa si intende sia l'estensione temporale che in termini di popolazione che potrà toccare.
    Se noti il cambio di registro, si è passati in 3 settimane al "non dovete preoccuparvi, stiamo gestendo il tutto magnificamente" a "è molto possibile che il virus farà 100K-200K morti o addirittura 2 milioni se non procediamo alla serrata generale".
    Un'altra nota, stupida nel suo essere...stupida, ma in un contesto come quello americano incide.
    Tutti i loro locali al chiuso utilizzano pesantemente l'aria condizionata, che è uno dei perfetti veicoli di trasmissione del virus (non a caso si pensa che a Codogno sia stato una delle cause del primo focolaio).

    Ora stanno chiedendo ad altri Paesi che vengano inviati gel igienizzanti e ventilatori. Questo fa capire come siano messi...

    Non sono un virologo ma in USA il virus sta seguendo una progressione geometrica. Circa ogni 3 giorni i decessi raddoppiano. Questa settimana cominceranno ad essere a 3 zeri via avanti ogni giorno sempre peggio.
    Se consideriamo che il picco è lontano, che almeno un mese il virus se ne sia andato in giro indisturbato e che appunto la serrata non sia ancora arrivata, il picco potrebbe arrivare almeno tra un mese. Fai il calcolo di cosa voglia dire 1-2K morti ogni giorno.
    100K non è poi così fuori dal mondo.
    Spiace parlare così in termini di vite umane ma razionalmente è quel che io perlomeno mi attendo che accada.
    Ah ultimo punto: ancora non si è scatenato il panico ma ricordiamoci, nel caso, che si possono comprare armi semiautomatiche come fossero martelli dal ferramenta...



    Nella mia watchlist (ancora del 2017) avevo messo:
    - Facebook
    - Microsoft
    - Alibaba
    - Square

    Se dovessero tornare disponibili a prezzo di saldo, le riconsidererei. Stupidamente non ho comprato FB dopo Cambridge Analytica ma per me 120$ è un prezzo interessante. Comincerei a quella cifra e giù fino a 80-100.
    Square avevo messo come target 30 ma poi è tornata su a 52. A questo punto ricomincerei a 40.
    Per MS e BABA non ho una cifra.

    Da profano del settore, nei prossimi mesi darei un occhio ai seguenti settori:
    - logistica/consegne
    - pagamenti digitali
    - infrastrutture IT
    - pharma (ma a parte Biogen conosco poco...)

    Insomma tutti i servizi di cui non si può fare a meno ma che già avevano cambiato un po' pelle con la globalizzazione e accessibilità via smartphone.
    Sono sempre più convinto che il virus cambierà che lo si voglia o meno, le abitudini di molti di noi, spingendoci, almeno in una prima fase di assestamento, a limitare contatti, a servirci ancora di più del telefono per fare un po' tutto (come avviene in Cina che ha risentito meno del virus perché già sono abituati ad un certo modus vivendi), ad essere più chiusi nella nostra bolla di individualismo, limitando l'aggregazione di massa.
    E' ovviamente difficile pensarlo ora come ora ma non mi stupirei se alcuni concerti per es. passassero in streaming invece che in mezzo ad un'arena o in un prato d'erba. O perlomeno fosse fornita anche quell'esperienza di modo da accontentare chi svilupperà una sorta di "agorafobia". E ce ne saranno tanti.
    Lo so, cambia totalmente la fruizione, ma piutost che gnent'...

    Se qualcuno però vuole condividere altri titoli con fondamentali interessanti io sono qui per "assorbire come una spugna"
    Dei titoli che hai citato ho FB ed Alibaba. Anche la mia analisi si sofferma sui settori che hai citato ma forse si potrebbero tenere anche sotto osservazione robotica ed IA.
    Mi sembrano interessanti: Amazon, Mastercard, American Express ( gli Usa ma in futuro penso anche in Europa ) hanno già approvato un piano per far arrivare soldi direttamente nei cc dei cittadini ( 500 miliardi in totale se ricordo bene ) ed è presumibile che faranno acquisti su internet ( forse tra i prodotti preferiti cellulari, smartphone o IOT ).
    In Italia interessante Retelit ( gli investimenti in connessione e fibra presumo saranno corposi in futuro ), Eurotech ( IOT, AI ecc ), Mail Up, Go Internet, Tinexta.

  6. #286

    Data Registrazione
    Jan 2020
    Messaggi
    59
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    37 Post(s)
    Potenza rep
    895163
    Citazione Originariamente Scritto da Dio_Brando Visualizza Messaggio
    La situazione in USA la vedo molto male perché sono state adottate misure tardivamente e non in modo uniforme. La libertà di cui godono gli Stati nel sistema federale è paradossalmente un problema ora come ora. Penso che lo statuto consenta disposizioni di emergenza come quello per la riconversione forzata delle linee produttive imposto a GM e sono sicuro che altro potrebbe essere deciso dal Congresso ma li vedo tutti ancora molto abbottonati sui banchi.
    Poi la privatizzazione e depauperamento di risorse iniziato con le amministrazioni degli anni '70, unita alla deregulation selvaggia, ha creato inevitabilmente malati di serie A e B, che può "funzionare" sì ma non in un regime di emergenza estesa, dove per estesa si intende sia l'estensione temporale che in termini di popolazione che potrà toccare.
    Se noti il cambio di registro, si è passati in 3 settimane al "non dovete preoccuparvi, stiamo gestendo il tutto magnificamente" a "è molto possibile che il virus farà 100K-200K morti o addirittura 2 milioni se non procediamo alla serrata generale".
    Un'altra nota, stupida nel suo essere...stupida, ma in un contesto come quello americano incide.
    Tutti i loro locali al chiuso utilizzano pesantemente l'aria condizionata, che è uno dei perfetti veicoli di trasmissione del virus (non a caso si pensa che a Codogno sia stato una delle cause del primo focolaio).

    Ora stanno chiedendo ad altri Paesi che vengano inviati gel igienizzanti e ventilatori. Questo fa capire come siano messi...

    Non sono un virologo ma in USA il virus sta seguendo una progressione geometrica. Circa ogni 3 giorni i decessi raddoppiano. Questa settimana cominceranno ad essere a 3 zeri via avanti ogni giorno sempre peggio.
    Se consideriamo che il picco è lontano, che almeno un mese il virus se ne sia andato in giro indisturbato e che appunto la serrata non sia ancora arrivata, il picco potrebbe arrivare almeno tra un mese. Fai il calcolo di cosa voglia dire 1-2K morti ogni giorno.
    100K non è poi così fuori dal mondo.
    Spiace parlare così in termini di vite umane ma razionalmente è quel che io perlomeno mi attendo che accada.
    Ah ultimo punto: ancora non si è scatenato il panico ma ricordiamoci, nel caso, che si possono comprare armi semiautomatiche come fossero martelli dal ferramenta...



    Nella mia watchlist (ancora del 2017) avevo messo:
    - Facebook
    - Microsoft
    - Alibaba
    - Square

    Se dovessero tornare disponibili a prezzo di saldo, le riconsidererei. Stupidamente non ho comprato FB dopo Cambridge Analytica ma per me 120$ è un prezzo interessante. Comincerei a quella cifra e giù fino a 80-100.
    Square avevo messo come target 30 ma poi è tornata su a 52. A questo punto ricomincerei a 40.
    Per MS e BABA non ho una cifra.

    Da profano del settore, nei prossimi mesi darei un occhio ai seguenti settori:
    - logistica/consegne
    - pagamenti digitali
    - infrastrutture IT
    - pharma (ma a parte Biogen conosco poco...)

    Insomma tutti i servizi di cui non si può fare a meno ma che già avevano cambiato un po' pelle con la globalizzazione e accessibilità via smartphone.
    Sono sempre più convinto che il virus cambierà che lo si voglia o meno, le abitudini di molti di noi, spingendoci, almeno in una prima fase di assestamento, a limitare contatti, a servirci ancora di più del telefono per fare un po' tutto (come avviene in Cina che ha risentito meno del virus perché già sono abituati ad un certo modus vivendi), ad essere più chiusi nella nostra bolla di individualismo, limitando l'aggregazione di massa.
    E' ovviamente difficile pensarlo ora come ora ma non mi stupirei se alcuni concerti per es. passassero in streaming invece che in mezzo ad un'arena o in un prato d'erba. O perlomeno fosse fornita anche quell'esperienza di modo da accontentare chi svilupperà una sorta di "agorafobia". E ce ne saranno tanti.
    Lo so, cambia totalmente la fruizione, ma piutost che gnent'...

    Se qualcuno però vuole condividere altri titoli con fondamentali interessanti io sono qui per "assorbire come una spugna"
    Condivido pienamente il discorso sugli Stati Uniti, un po meno quello dei climatizzatori, insomma in mezzo a una città di milioni di abitanti il fattore aria condizionata credo giochi un fattore più limitato rispetto al caso Codogno no?, per il resto le stime sono e secondo me saranno come quelle italiane. Sul lato economico però non so... io sono ancora propenso a una caduta dei prezzi... questo è un blocco economico che parte dai consumi.. quindi per far si che questo blocco arrivi all'economia finanziaria ci metterà dl tempo, questi giorni di up sono solo una tregua mi sa...

    Detto questo tra le mie aziende sotto osservazione ci sono
    FB
    ALPHABET
    INTEL
    DISNEY
    3M (anche se le vendite ristagnano e il debito è aumentato parecchio, in deb/equity negli ultimi 5 anni è passato da >1 a circa 3...)
    DELTA AIR LINES (aspetto la fine della crisi, ha poca liquidità)
    APPLE (mi piace il brand ma il prezzo deve scendere ancora un po)
    PEPSI ( la sto valutando ancora in realtà )

  7. #287
    L'avatar di vtt2
    Data Registrazione
    Jul 2019
    Messaggi
    1,089
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    815 Post(s)
    Potenza rep
    37651152
    Anche io sono molto interessato al settore della logistica e delle spedizioni, non necessariamente di beni conservabili ma anche di take-away alimentare quindi glovo o justeat in primis.

    C'è un altro thread dove si parlava di ETF in questo settore ma purtroppo sono usciti fuori solo ETF di dimensioni piuttosto ridotte che a me personalmente non piace come caratteristica.

    Conoscete qualche ETF che è orientato a servizi di consegne a domicilio?

  8. #288

    Data Registrazione
    Mar 2006
    Messaggi
    200
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    9739994
    Per quel che riguarda gli Stati Uniti, terrei conto anche che è un paese dove si fa ampio uso di farmaci e mangiano molto junk food.
    Il 70% della popolazione è obeso o in sovrappeso.
    Quindi credo che non abbiano un sistema immunitario molto forte.
    Spero il meglio per loro, ma non sono ottimista.

  9. #289

    Data Registrazione
    Jun 2018
    Messaggi
    524
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    301 Post(s)
    Potenza rep
    11870847
    Imho nonostante questa forte discesa dei prezzi dai massimi, la maggior parte delle aziende è ancora cara.
    Forse contribuisce la forte liquidità immessa dalle banche centrali ma mediamente i prezzi sono ancora alti.

  10. #290
    L'avatar di pmc
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    1,642
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    152 Post(s)
    Potenza rep
    41934617
    Citazione Originariamente Scritto da PreMo88 Visualizza Messaggio
    Imho nonostante questa forte discesa dei prezzi dai massimi, la maggior parte delle aziende è ancora cara.
    Forse contribuisce la forte liquidità immessa dalle banche centrali ma mediamente i prezzi sono ancora alti.
    Più che forte direi una marea di liquidità. Questo giochino è stato fatto in passato e (solo in riferimento agli indici USA) ha portato ad uno dei più importanti periodi di salita. Per l'Italia purtroppo si sa, poche sono le aziende che si salvano e sono salite di valore ma non abbastanza da portare l'indice in alto.
    Funzionerà anche questa volta?
    Il giochino si romperà? E se dovesse succedere avverrà nel breve o facciamo in tempo a seguire un altro decennio di salita?
    Perchè in fin dei conti il contest è orientato a questo.
    Negli ultimi 10 anni la maggior parte si aspettava un brusco calo e si è persa uno dei guadagni più forti. Non è poi un caso che con gli indici ai massimi livelli ci fosse gente in giro per le sezioni che chiedeva come compensare perdite assurde, oppure gente che si è messa a comprare stanca di aspettare la discesa e al primo starnuto era già in negativo demoralizzata.

    Quello che ho potuto notare è che molti manager e gente all'interno delle aziende italiane ha iniziato a comprare azioni e consigliato ad altre di comprare.

    A mio parere come ultimo tassello mancherebbe un accordo per riportare a 50$ al barile il petrolio. Sistemato anche questo mi vien spontaneo pensare che l'S&P500 torni oltre i 3000 un attimo

Accedi