Settore oil e materie prime in generale - Pagina 4
Siamo all’inizio dello Squid Game dei mercati, resta da vedere chi sopravviverà al rialzo dei tassi
Di seguito riportiamo l’analisi di Mark Dowding, CIO di BlueBay, relativa all’ultima settimana sui mercati.  Quando non sono stati seduti a fantasticare sulla surreale serie di Netflix, Squid Game, gli …
Analisti danno ragione a Gubitosi, Telecom Italia tra i titoli più sottovalutati del Ftse Mib. C’è chi vede oltre +100% di upside
Telecom Italia si appresta a diffondere settimana prossima i risultati del 3° trimestre (cda il 27 ottobre) e tra gli analisti c’è un cauto ottimismo dettato dal traino del Brasile …
Trump SPACca a Wall Street, il titolo della sua piattaforma social raddoppia ancora dopo folgorante +350% di giovedì
Rialzo stellare quello che sta registrando a Wall Street un titolo, quello della società SPAC Digital World Acquisition Corp che ha chiuso ieri le contrattazioni a +350%e oggi preannuncia un …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #31
    L'avatar di Leite
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    2,926
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    337 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    dalla conference call sul dividendo:
    Chevron (CVX) Q2 2015 Results - Earnings Call Transcript | Seeking Alpha

    Patricia E. Yarrington - Chief Financial Officer & Vice President

    So I think there's two elements there. Let me just start with the last component here. Really, we did say we would cover our dividend from free cash flow at the $70 price. What I was trying to indicate in my earlier words is we intend to cover the dividend from free cash flow at whatever the ensuing price is. That is a firm commitment on the part of the company, and we have tremendous flexibility, really, in our 2017 C&E to flex that down. We are being very successful in driving our operating costs lower and working through the supply chain to accomplish not only operating expense but capital reductions as well. And that really is an affordability component for us. It's a cash flow management element for us, and after we get these projects that are currently under construction online, that flexibility in C&E becomes quite significant in 2017. So I'll let Jay talk to his prioritization process in terms of looking at the capital program in 2017.

    (...)

    A good question. So our broader dividend strategy hasn't changed. Our financial priorities haven't changed. Maintaining a competitive and growing dividend is our absolutely number one objective. What has changed, though, is obviously our immediate financial environment, and so the board chose not to raise the dividend in this quarter. I think that's a prudent action at this point because we're not running as strongly, certainly, as we would like on both earnings and cash flow because of where commodity prices sit. And it's not – I would say it's probably we're not in a very stable either revenue or cost environment. We have a lot of fluidity on those two components here.

    I will say the board is very committed to growing the dividend and seeing our pattern of dividend increases every year materialize, but what's important here is that it's the annual dividend payment that has moved up every year. That doesn't mean you get an increase in the per share every single year, because we typically have moved them in the second quarter. So it's an annual dividend payment history that applies to the 27-year factor. So I think the board is committed to that. We are committed to that.

    So I would like to be able to say our entire objective is being able to grow the dividend when the time is appropriate. We don't want to get out over our skis. We want to do it in a manner and at a time when we can see that we can hold on to that increase, sort of in perpetuity. We don't want to put ourselves into a position where we're pushing things, where we are having to fund the dividend off the balance sheet for an extended period of time, so we'll do it as soon as the financials really allow us to get there. It is our number one priority, though.

  2. #32
    L'avatar di Leite
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    2,926
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    337 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    tra l'altro Shell ha riesumato i dividendi in azioni che piacevano a Nautilus:
    Scrip Dividend Programme - Shell Global

  3. #33

    Data Registrazione
    Apr 2009
    Messaggi
    3,303
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    2 Post(s)
    Potenza rep
    0
    ciao, leggendo altro thread trovo interessanti EV ENERGY PARTNERS e DENBURY RESOURCES ovviamente altissimo rischi e niente di paragonabile con chevron ed exxon, ma mi interesserebbe una vs. opinione

  4. #34
    L'avatar di nemo17
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    7,171
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    583 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Citazione Originariamente Scritto da kisono Visualizza Messaggio
    Perchè?
    Eni sarebbe tassata anche di meno, perchè dai ad una major americana tutto questo valore in più?
    Non mi sembre che le trimestrali di ENI siano andate male, tenendo conto che poi soffre la preswenza di Saipem.
    Semplicemente per l'incredibile andamento storico di dividendi e buy back di un'azienda come Exxon rispetto ad Eni.
    Eni ha dovuto ridurre il dividendo mentre Exxon continua a riacquistare azioni e ad aumentarlo tutti gli anni.
    Poi c'è anche un fattore dimensioni che potrebbe essere determinante in uno scenario così difficile.
    Detto questo non ho nulla contro Eni...anzi.

  5. #35
    L'avatar di Leite
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    2,926
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    337 Post(s)
    Potenza rep
    42949688

  6. #36
    L'avatar di Leite
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    2,926
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    337 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    sempre su CVX: una speculazione a 5 anni o un investimento di lungo periodo?
    Five Year Vs. Twenty-Five Year Investing | The Conservative Income Investor

  7. #37
    L'avatar di Leite
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    2,926
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    337 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    su conoco:
    Not Your Daddy

  8. #38
    L'avatar di Leite
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    2,926
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    337 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Citazione Originariamente Scritto da Leite Visualizza Messaggio
    non penso che abbiano mai tagliato un dividendo
    la vecchia Standard Oil unita e poi quella del New Jersey/Exxon non l'hanno mai fatto (quella della California/CVX chissà):
    Why Exxon Mobil May Be The Best Dividend Investment Today

  9. #39
    L'avatar di Leite
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    2,926
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    337 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    lungo e bello sulle oil integrated (almeno 25 anni):
    Let's Talk About Investing in Oil Stocks and the Oil Majors

  10. #40
    L'avatar di maste
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    16,060
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    53 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Alla miniera di Kloof di proprietà di Sibanye Gold nel cuore della maggiore riserva aurifera nota, più di 10.000 lavoratori tutti i giorni sgobbano alla profondità di 2 miglia sotto terra – un’immagine suggestiva dell’entità e della temerarietà di un settore che fino a non molto tempo fa godeva di utili prosperosi e di un’abbondante produzione.

    Tuttavia, il secolo d’oro dei produttori del Sudafrica ora sembra essere giunto al termine. Abbattuto da una combinazione tossica di calo dei prezzi, dispute sindacali sempre più intense e dalla lievitazione dei costi di prospezione a causa delle sempre più elevate profondità, i maggiori produttori del Paese stanno annaspando. Spremuti dal crollo degli utili e da uno scialbo outlook per le quotazioni dell’oro, molti dei maggiori produttori di oro del Sudafrica stanno addirittura diminuendo le stime sul ciclo vitale delle proprie attività.

    “Si tratta di un settore maturo, vecchio e in una certa misura in sofferenza”, ha commentato Dawie Mostert, senior vice president dell’efficacia organizzativa per Sibanye. “Dobbiamo fare in modo di garantire la sostenibilità” per il futuro. Si prevede che la miniera di Kloof, in attività da quasi cinquant’anni, in alcuni punti più profonda di sei New York City Freedom Towers impilate una sull’altra, chiuderà nel 2033. Dopo aver riportato un calo del 70% nell’utile netto del primo semestre di quest’anno, la società sta facendo i conti con crescenti venti contrari.

    Inoltre, le cose non si stanno mettendo molto meglio per gli omologhi di Sibanye. Nella giornata di lunedì, AngloGold Ashanti, il terzo produttore al mondo di oro, ha pubblicato una perdita netta di 142 milioni di dollari nel trimestre chiuso a giugno, contestualmente a una perdita di 80 milioni di dollari dell’anno precedente. E Harmony Gold Mining mercoledì ha reso nota una perdita netta di 352 milioni di dollari per l’anno fiscale chiuso il 30 giugno, mentre Gold Fields giovedì ha notificato un calo annuale nell’utile del secondo trimestre del 40%.

    Sebbene il settore minerario, e le materie prime in generale, siano spesso descritte come un business ciclico, le difficoltà che i produttori di oro incontrano in Sudafrica sono più profonde. Se i big del settore del Paese sopravvivranno ai prossimi decenni, sarà necessaria una radicale ristrutturazione dell’intera industria. Molti stanno investendo ingentemente in nuove tecnologie al fine di ridurre i costi del lavoro, diventando più efficienti nell’estrazione dell’oro e potrebbero essere in grado di lavorare 24 ore al giorno, 365 giorni l’anno. Attualmente, i minatori in Sudafrica lavorano circa due terzi della giornata, 275 giorni l’anno.

    “Tutti i produttori stanno lavorando intensamente sugli elementi che possono controllare”, ha spiegato Meryl Pick, gestore di portafoglio per il fondo sull’oro del valore di 20,9 milioni di dollari di Old Mutual Investment Group. “Sfortunatamente i parametri che non possono controllare stanno andando contro di loro”.

    Si tratta, per esempio, dei costi dell’elettricità e del lavoro. Qualsiasi ulteriore incremento nelle tariffe elettriche potrebbe erodere l’aspettativa di vita delle miniere di Sibanye dal 10% al 15%, ha calcolato Mostert. Nel 2015 Harmony Gold ha registrato una riduzione del valore totale di 271 milioni di dollari poiché la società ha riesaminato le aspettative di vita delle proprie miniere in un contesto di ridotte quotazioni delle commodity.

    “Può soltanto peggiorare”, ha affermato Pick. La società che preferisce al momento, e in cui è maggiormente presente Old Mutual Gold Fund, è AngloGold Ashanti, principalmente per la sua limitata esposizione al Sudafrica. Circa il 70% della sua produzione deriva da fonti altre rispetto al Sudafrica, e il suo titolo è in rialzo del 7% quest’anno, rispetto a un calo del 30% per Sibanye, del 45% per Harmony e del 18% per Gold Fields.

    Nel XX secolo, il Sudafrica ha dominato la produzione globale di oro, ma negli ultimi anni è calato dal primo posto al sesto a livello mondiale. “C’è molto oro qui, ma è molto in profondità”, ha riferito Nick Holland, ceo di Gold Fields, settimo produttore di oro del mondo.

    Le miniere del Sudafrica, molte delle quali sono tra le più profonde e antiche del mondo, usano molta elettricità per issare i minatori e portarli su e giù per i suoi pozzi, e mantenere l’atmosfera respirabile, pompare aria abbastanza fresca migliaia di metri sotto terra. Secondo la Chamber of Mines of South Africa, i costi dell’elettricità sono più che triplicati tra il 2008 e il 2014 principalmente a causa dell’invecchiamento delle infrastrutture.

    In aggiunta, più le miniere vanno in profondità, più l’attività sismica che ha luogo, si traduce in interruzioni dei lavori a causa di incidenti. “Non so se sia il caso di mandare della gente sotto terra per cinque chilometri”, ha commentato Holland.

    Siccome le miniere sono invecchiate, le attività estrattive si realizzano sempre più lontano dai pozzi centrali, aumentando la durata del tragitto dei lavoratori dalle alle rocce, oltre che la quantità di oro perso nel trasporto verso la superficie e la fonderia. Un elemento che sta aiutando le società del settore aurifero a restare a galla è il dollaro forte, che ha dato una piccola tregua ai prezzi dell’oro, che ultimamente scambiavano appena sopra 1.110 dollari l’oncia troy, in ribasso di più del 40% dai massimi del 2011 di oltre 1.900 dollari l’oncia. I ricavi degli operatori sudafricani sono tipicamente nominati in dollari, mentre molti costi, come i salari, sono in valute locali. Anche le attività con una buona dove di operazioni fuori dal Paese, come AngloGold Ashanti e Gold Fields, hanno tratto vantaggio dai cali di altre valute, come il dollaro australiano.

    Il ciclo di vita di miniere come il sito di Kloof può essere esteso di altri 20 o 30 anni, ha riferito Mostert, ma questo dipende molto dall’eventualità in cui si riesca ad evitare che altri costi, come il lavoro, crescano rapidamente. E non sta andando così bene. Le negoziazioni salariali nel settore delle miniere d’oro del Sudafrica sono stata avviate a giugno, ma i principali produttori e i sindacati sono in disputa, dopo che un’offerta finale è stata rifiutata dai maggiori sindacati lo scorso mese. Quindi i produttori hanno rimandato la questione all’organo di mediazione del Paese.

    Contestualmente, analisti ed economisti sostengono che le probabilità di uno sciopero siano elevate, cosa che potrebbe ulteriormente intaccare i profitti delle società estrattive del Paese. “È molto triste quando ogni volta che i minatori chiedono un salario minimo, ci ricordano che le quotazioni delle materie prime non stanno andando bene sui mercati globali”, ha raccontato Livhuwani Mammburu, portavoce della Nation Union of Mineworkers, il principale sindacato dell’industria mineraria aurifera.

    Lo stipendio medio di un minatore di oro appena assunto, che lavora a una profondità di quattro chilometri sotto terra, è di solo 6.000 rand al mese – ovvero 464 dollari circa - ma comprende benefit come l’alloggio, l’assistenza medica e la pensione; quel valore può salire a circa 12.000 rand. Peraltro, i salari rappresentano già quasi metà dei costi delle principali società estrattive del Sudafrica.

    “Quello che non vogliamo fare è condannare a morte il settore di estrazione dell’oro”, ha puntualizzato Srinivasan Venkatakrishnan, ceo di AngloGold Ashanti. “Spero di non finire in un contesto di sciopero, perché abbiamo appena visto quello che è successo al platino”.
    Una battaglia salariale tra i produttori di platino e i sindacati che rappresentavano i lavoratori del settore lo scorso anno ha portato a uno sciopero di cinque mesi, il più lungo mai verificatosi nel Paese. La produzione di platino è crollata del 15% e le società stanno ancora combattendo con il costoso accordo salariale che hanno accettato per porre fine alla situazione di stallo. Inoltre, a luglio, il produttore di oro sudafricano Lonmin ha fatto sapere che taglierà 6.000 posti di lavoro, ovvero il 17% della sua forza lavoro, nell’arco dei prossimi due anni.

    Venkatakrishnan ha reso noto che l’impatto di uno sciopero dei lavoratori nel settore di estrazione dell’oro del Sudafrica implicherebbe meno miniere con un’aspettativa di vita ridotta, e meno posti di lavoro. Ma anche l’unica miniera d’oro del Paese totalmente meccanizzata, South Deep di proprietà di Gold Fields, non risulta redditizia.

    “Se si osserva come operiamo al momento, è piuttosto terribile”, ha commentato Nico Muller, vice presidente esecutivo per il Sudafrica presso Gold Fields. Ha aggiunto che se le attività a South Deep, l’unica miniera restante in Sudafrica della società dopo lo scorporo di tre vecchie miniere finalizzato alla creazione di Sibanye nel 2013, potessero raggiungere anche un livello “ragionevole” di attività, la miniera inizierebbe a produrre denaro. Questo richiederebbe una leadership coerente e l’assunzione di manodopera più qualificata.

    Gold Fields prevede che South Deep inizierà a guadagnare per la fine del 2016. Tuttavia, la meccanizzazione delle miniere, che riduce sostanzialmente la presenza di minatori dalle rocce – e il pericolo – non è popolare perché richiede meno dipendenti, per quanto più qualificati, in ogni miniera.

    Ma le società affermano che se continueranno a operare con l’attuale sistema convenzionale, il numero di posti di lavoro crollerà a zero nel giro di 30 anni o quasi. “Ammetto che siamo condannati se non abbracciamo nuove tecniche estrattive”, ha riferito Muller di Gold Fields.

Accedi