Bio on - azionisti attuali 5 - Pagina 98
Posizioni nette corte: Maire in vetta ai più shortati di Piazza Affari, nelle prime posizioni anche Fincantieri e Webuild
Dall?ultimo aggiornamento disponibile di Consob sulle posizioni nette corte (PNC) si apprende che il titolo più shortato a Piazza Affari è Maire Tecnimont con 4 posizioni short aperte per una quota pari al 4,63% del capitale sociale.Bio-On conquista il secondo gradino più alto del podio con 2 PNC pari al 2,59% del capitale.Fincantieri si posiziona al
Settembre da incubo per Wall Street: occhio ad alcuni indicatori che lanciano dei segnali d’acquisto
Indici azionari di Wall Street in profondo rosso a settembre. Quando manca una seduta al termine del mese e del trimestre lo S&P 500 e gli altri principali indici viaggiano sui minimi annui. L?indice S&P 500 è capitolato del 7,9% a settembre, il Dow Jones ha sofferto un tonfo del 7,2% e peggio fa il
Porsche in Borsa vale più del doppio di Ferrari. Confronto con le altre big auto e prospettive dopo l’IPO più attesa del 2022
Porsche si è quotata sulla Borsa di Francoforte con il ticker P911 in quella che era l?Ipo più attesa dell?anno e non ha deluso le aspettative. Si tratta infatti della maggiore IPO dell?ultimo decennio in Europa. Il debutto è avvenuto in una giornata debole per i mercati, ma Porsche dopo aver aperto a 84 euro,
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #971
    L'avatar di Dott. Jones
    Data Registrazione
    Jul 2019
    Messaggi
    57
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    34 Post(s)
    Potenza rep
    2914619
    Citazione Originariamente Scritto da Pavel Finance Visualizza Messaggio
    Sono d'accordo con te, infatti penso che l'unica chance sia rivalersi sui certificatori che presuntamente non avrebbero vigilato!...personalmente mi informerò sul SITI, anche per sapere quali eventuali documenti fornire.
    Puntualizzo che non ho più le azioni,vendute il giorno dell'orrida intervista di De Narda ad Astorri su Classcnbc, in cui mi sono letteralmente scese le braccia!
    Anch'io sono uscito dopo l'uscita della semestrale, ma questo non cambia nulla.
    La prossima settimana sentirò un avvocato per capire il da farsi. I tempi sono ristretti però....

    Mi piacerebbe sentire cosa hanno fatto o intendono fare i vari azionisti che scrivevano qui sul forum.
    Nessuno dice più nulla. Tutti pompatori o tutti rassegnati?

  2. #972
    L'avatar di Dott. Jones
    Data Registrazione
    Jul 2019
    Messaggi
    57
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    34 Post(s)
    Potenza rep
    2914619
    Citazione Originariamente Scritto da SixSigma Visualizza Messaggio

    Questo qui che lavorava in Bio-on non si è ma accorto di nulla,
    del fatto che l'azienda non produceva nulla?
    E che anche i vari nuovi brevetti risultato della ricerca erano fuffa?

    Come questa gente qui:
    BIO ON OHANA 2019 - YouTube
    che si fa intervistare dichiarando il falso per fregare il prossimo?

    Non mi si venga a raccontare che chi lavora in un'azienda con ruoli di responsabilità non si rende conto di come va l'azienda?
    Questa gente sapeva benissimo che non si stava producendo nulla e che non c'erano clienti.
    Eppure non hanno esitato a mentire spudoratamente per salvare se stessi.
    Come se raccontare balle per guadagnare tempo avesse potuto cambiare le cose...
    Sarebbe bello che anche un po' di questi signori fossero chiamati al processo a testimoniare sul perchè hanno fatto le dichiarazioni del video.

  3. #973
    L'avatar di pink_panther
    Data Registrazione
    Jan 2015
    Messaggi
    426
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    248 Post(s)
    Potenza rep
    16445295
    Citazione Originariamente Scritto da Dott. Jones Visualizza Messaggio
    Questo qui che lavorava in Bio-on non si è ma accorto di nulla,
    del fatto che l'azienda non produceva nulla?
    E che anche i vari nuovi brevetti risultato della ricerca erano fuffa?

    Come questa gente qui:
    BIO ON OHANA 2019 - YouTube
    che si fa intervistare dichiarando il falso per fregare il prossimo?

    Non mi si venga a raccontare che chi lavora in un'azienda con ruoli di responsabilità non si rende conto di come va l'azienda?
    Questa gente sapeva benissimo che non si stava producendo nulla e che non c'erano clienti.
    Eppure non hanno esitato a mentire spudoratamente per salvare se stessi.
    Come se raccontare balle per guadagnare tempo avesse potuto cambiare le cose...
    Sarebbe bello che anche un po' di questi signori fossero chiamati al processo a testimoniare sul perchè hanno fatto le dichiarazioni del video.
    Ma no dai, capisco l'amarezza ma non esageriamo.

    Questi sono tutti ragazzi giovani, quasi tutti in ruoli tecnici, cosa vuoi che ne sapessero di clienti, fatturati e joint-venture ?

    Io in bio-on non ci ho mai creduto ma nemmeno mai pensato che fosse solo un fondale di cartone con delle comparse che fingevano di lavorare.

    L'impianto era vero, della ricerca l'hanno sicuramente fatta, qualcosa hanno prodotto, come ambiente lavorativo era probabilmente
    davvero stimolante, io a lavorare in bio-on ci sarei andato di corsa e avrei molto probabilmente detto le stesse cose.

  4. #974
    L'avatar di Dott. Jones
    Data Registrazione
    Jul 2019
    Messaggi
    57
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    34 Post(s)
    Potenza rep
    2914619

    Costituzione a parte civile

    La mia intenzione è costituirmi come parte civile al processo insieme ad altre persone.
    Di solito questo è tempo perso, perché se un'azienda è fallita, ci sono pochi soldi da recuperare....
    Ma stavolta è diverso: la speranza è rivalersi sulle società di certificazione.
    Bio-on aveva mi sembra 46 milioni di euro di debiti (vado a memoria rifacendomi all'intervista a MF di Astorri per la semestrale 2019), quindi questi saranno i primi ad essere rimborsati (nei rimborsi vengono prima i creditori degli azionisti).
    La quotazione in borsa era di 1 miliardo. Lo ha anche superato, ma per semplificare diciamo 1 miliardo.
    Il 70% delle azioni era in mano ad Astorri&C, solo il 30% era sul mercato, diciamo quindi 300 milioni, e pare che questi 300 milioni fossero tutto o quasi retail.
    Se i dati che ho descritto sono giusti, e si costituisce parte civile il 10% del retail ci sono da rimborsare 30 milioni. D'accordo che ci sono prima da rimborsare 46 milioni ai
    creditori, ma qui si tratta di tirare fuori circa 75 milioni.
    Se il retail da rimborsare è il 20%, allora il totale diventa di circa 120 milioni.


    I nostri amici di E&Y e PWC hanno questi fatturati:
    EY: 37,2 miliardi di dollari (2020)
    PWC: 41,3 miliardi di dollari (2018)
    Credo non sia difficile tirare fuori 50 milioni a testa da parte di queste due società di certificazione per rimborsare gli azionisti....
    Tutto dipenderà da cosa deciderà il tribunale. E' la prima volta in Italia che le società di revisione vengono rinviate a giudizio.
    Se fossero condannate ci sarebbe tutto lo spazio per risarcire almeno in parte gli azionisti truffati.
    Questa è la mia opinione. Cosa ne pensate?


    PS: non è che nessuno più scrive, perché molti si sono costituiti parte civile e sanno che meno gente lo fa, maggiori sono i rimborsi?

  5. #975
    L'avatar di Dott. Jones
    Data Registrazione
    Jul 2019
    Messaggi
    57
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    34 Post(s)
    Potenza rep
    2914619
    Citazione Originariamente Scritto da pink_panther Visualizza Messaggio
    Ma no dai, capisco l'amarezza ma non esageriamo.

    Questi sono tutti ragazzi giovani, quasi tutti in ruoli tecnici, cosa vuoi che ne sapessero di clienti, fatturati e joint-venture ?

    Io in bio-on non ci ho mai creduto ma nemmeno mai pensato che fosse solo un fondale di cartone con delle comparse che fingevano di lavorare.

    L'impianto era vero, della ricerca l'hanno sicuramente fatta, qualcosa hanno prodotto, come ambiente lavorativo era probabilmente
    davvero stimolante, io a lavorare in bio-on ci sarei andato di corsa e avrei molto probabilmente detto le stesse cose.
    Mi rendo conto di avere espresso un'opinione controversa, che mi aspettavo che fosse scarsamente condivisa.

    Certo che molti giovani sono stati attirati dalla possibilità di lavorare in un'azienda che doveva cambiare il mondo, tuttavia chi lavora in un'azienda si rende conto benissimo di come stanno andando le cose.
    La produzione che si diceva di fare, per che clienti era? Nessuno dentro la fabbrica lo sapeva?
    Io che lavoro in azienda, anche se non in produzione, lo so anch'io per chi sono le commesse...lo sanno tutti, perché anche chi non è coinvolto direttamente nella produzione lo viene a sapere dai colleghi.
    E poi gestire le consegne: servono persone che contattino il cliente che deve venire a prendersi la produzione.
    Ci vuole poco ad accorgersi se la produzione viene consegnata. Uno in azienda si rende conto o meno se arrivano i camion. Poi nessun cliente che chiama? Nessuno che viene a visitare l'azienda?
    Quando Astorri portava i possibili clienti, o chi aveva ordinato, a fare il giro dell'azienda, non li presentava ai dipendenti? Non scambiavano due parole? O forse Astorri assoldava degli attori da portare in azienda, fingendo fossero clienti e li presentava dicendo che erano di un'azienda (l'ennesima) che non voleva fare il suo nome?
    La verità è che se si chiede a questi dipendenti per chi si produceva, nessuno sa fare un nome. Perché?
    Perché tutti lì dentro sapevano di non produrre nulla.
    Poi in azienda ci si parla, tanto più in uno stabilimento con meno di 100 persone (mi pare ci fossero 40 persone).
    In questi ambienti tutti sanno tutto.

  6. #976
    L'avatar di pink_panther
    Data Registrazione
    Jan 2015
    Messaggi
    426
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    248 Post(s)
    Potenza rep
    16445295
    Citazione Originariamente Scritto da Dott. Jones Visualizza Messaggio
    Mi rendo conto di avere espresso un'opinione controversa, che mi aspettavo che fosse scarsamente condivisa.

    Certo che molti giovani sono stati attirati dalla possibilità di lavorare in un'azienda che doveva cambiare il mondo, tuttavia chi lavora in un'azienda si rende conto benissimo di come stanno andando le cose.
    La produzione che si diceva di fare, per che clienti era? Nessuno dentro la fabbrica lo sapeva?
    Io che lavoro in azienda, anche se non in produzione, lo so anch'io per chi sono le commesse...lo sanno tutti, perché anche chi non è coinvolto direttamente nella produzione lo viene a sapere dai colleghi.
    E poi gestire le consegne: servono persone che contattino il cliente che deve venire a prendersi la produzione.
    Ci vuole poco ad accorgersi se la produzione viene consegnata. Uno in azienda si rende conto o meno se arrivano i camion. Poi nessun cliente che chiama? Nessuno che viene a visitare l'azienda?
    Quando Astorri portava i possibili clienti, o chi aveva ordinato, a fare il giro dell'azienda, non li presentava ai dipendenti? Non scambiavano due parole? O forse Astorri assoldava degli attori da portare in azienda, fingendo fossero clienti e li presentava dicendo che erano di un'azienda (l'ennesima) che non voleva fare il suo nome?
    La verità è che se si chiede a questi dipendenti per chi si produceva, nessuno sa fare un nome. Perché?
    Perché tutti lì dentro sapevano di non produrre nulla.
    Poi in azienda ci si parla, tanto più in uno stabilimento con meno di 100 persone (mi pare ci fossero 40 persone).
    In questi ambienti tutti sanno tutto.
    Ognuno giudica in base alla propria esperienza. Io in azienda ho ricoperto sempre un ruolo prettamente tecnico e ho sempre avuto un'idea estremamente vaga di cosa succedesse al di fuori dell'orticello dove concentravo la mia attenzione e i miei sforzi quotidiani.

    Per il resto io e colleghi ascoltavamo educatamente le solite balle propinate dal management alla convention di fine anno attendendo con malcelata impazienza l'apertura del buffet.

  7. #977
    L'avatar di linus.cast
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    5,341
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    346 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Io sono in silente rassegnazione,nella mia ignoranza in merito non so neanche cosa fare,quindi mi rivolgerò alla mia banca per un consiglio sul da farsi

  8. #978
    L'avatar di linus.cast
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    5,341
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    346 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Continuo a seguire ,nella speranza di una comune iniziativa ove non ci sia grossi esborsi di denaro,per non aggiungere oltre al danno la beffa,speriamo

  9. #979
    L'avatar di Dott. Jones
    Data Registrazione
    Jul 2019
    Messaggi
    57
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    34 Post(s)
    Potenza rep
    2914619

    Documentazione ufficiale processo

    C'è qualcuno che può aiutarmi con dei link alla documentazione ufficiale della procura circa il processo?

    Questo è l'unico documento ufficiale che ho, postato molto tempo fa da qualcuno sul forum:
    https://static.classeditori.it/conte...ipersonali.pdf

    Solo che fa riferimento al sito di MF.
    Non riesco a trovare documentazione ufficiale della procura.
    Grazie a chi mi darà una mano.

  10. #980
    L'avatar di magatony
    Data Registrazione
    Jul 2019
    Messaggi
    2,573
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    1547 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da Dott. Jones Visualizza Messaggio
    La mia intenzione è costituirmi come parte civile al processo insieme ad altre persone.
    Di solito questo è tempo perso, perché se un'azienda è fallita, ci sono pochi soldi da recuperare....
    Ma stavolta è diverso: la speranza è rivalersi sulle società di certificazione.
    Bio-on aveva mi sembra 46 milioni di euro di debiti (vado a memoria rifacendomi all'intervista a MF di Astorri per la semestrale 2019), quindi questi saranno i primi ad essere rimborsati (nei rimborsi vengono prima i creditori degli azionisti).
    La quotazione in borsa era di 1 miliardo. Lo ha anche superato, ma per semplificare diciamo 1 miliardo.
    Il 70% delle azioni era in mano ad Astorri&C, solo il 30% era sul mercato, diciamo quindi 300 milioni, e pare che questi 300 milioni fossero tutto o quasi retail.
    Se i dati che ho descritto sono giusti, e si costituisce parte civile il 10% del retail ci sono da rimborsare 30 milioni. D'accordo che ci sono prima da rimborsare 46 milioni ai
    creditori, ma qui si tratta di tirare fuori circa 75 milioni.
    Se il retail da rimborsare è il 20%, allora il totale diventa di circa 120 milioni.


    I nostri amici di E&Y e PWC hanno questi fatturati:
    EY: 37,2 miliardi di dollari (2020)
    PWC: 41,3 miliardi di dollari (2018)
    Credo non sia difficile tirare fuori 50 milioni a testa da parte di queste due società di certificazione per rimborsare gli azionisti....
    Tutto dipenderà da cosa deciderà il tribunale. E' la prima volta in Italia che le società di revisione vengono rinviate a giudizio.
    Se fossero condannate ci sarebbe tutto lo spazio per risarcire almeno in parte gli azionisti truffati.
    Questa è la mia opinione. Cosa ne pensate?


    PS: non è che nessuno più scrive, perché molti si sono costituiti parte civile e sanno che meno gente lo fa, maggiori sono i rimborsi?
    Cosa ne penso ?? Che con quei fatturati si possono permettere i migliori studi legali italiani e stranieri...

Accedi