1. Home ›› 
  2. Video ›› 
  3. Trading Floor ›› 

FTSE Mib: possibile ritorno verso i 21.000 punti. Mediaset: violato supporto in area 4,02 euro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Prima parte della giornata nuovamente negativa per l’indice italiano FTSE Mib che, dopo un avvio in positivo, si muove in perdita di oltre mezzo punto percentuale. Analizzando il grafico daily notiamo che ieri i corsi hanno chiuso definitivamente il gap rialzista presente fra le sedute del 2 e 5 ottobre, già parzialmente chiuso il 16 novembre, scendendo sotto quota 21.500 punti con il minimo intraday. Le quotazioni hanno poi trovato sostegno nel supporto dinamico espresso dalla trendline ascendente che unisce i low del 24 agosto e del 24 settembre, transitante a quota 21.470 punti. Quest’oggi l’indice sta cercando di violare tale supporto, evento che proietterebbe il FTSE Mib verso quota 21.000 punti. In questo contesto un ingresso a 21.322 punti, con stop loss a 21.472 punti, avrebbe target 21.183 punti e 21.000 punti.

La seduta si è aperta in negativo per il titolo Mediaset che perde oltre 2,5 punti percentuali. Dal punto di vista tecnico, il titolo si segnala per un andamento ribassista di medio periodo che potrebbe subire un’accelerazione considerando che sono stati violati alcuni supporti tecnici. Infatti, l’11 novembre i corsi hanno rotto al ribasso il supporto dinamico espresso dalla trendline ascendente che unisce i low del 24 agosto e del 30 settembre. Tale linea di tendenza è stata poi oggetto di pull-back il 12 novembre. Ieri inoltre, le quotazioni hanno rotto al ribasso il supporto statico a quota 4,02 euro, chiudendo al di sotto dello stesso. Le nuove vendite che stanno caratterizzando il titolo questa mattina spingono i prezzi verso il minimo di periodo registrato il 24 agosto a 3,74 euro. Un ingresso short su pull-back dell’ex supporto statico a 4,02 euro, con stop loss a 4,06 euro, avrebbe target price sul minimo citato a 3,74 euro. In seconda battuta, i corsi potrebbero spingersi verso il supporto statico in area 3,50 euro.

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Commenti dei Lettori