1. Home ›› 
  2. Video ›› 
  3. Trading Floor ›› 

Il FTSE Mib inizia l’ottava con quadro grafico debole, Finmeccanica in area di prese di beneficio

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Inizio dell’ottava di Borsa caratterizzato da un debole quadro grafico per il FTSE Mib, con il paniere italiano che proprio nel corso della seduta di venerdì ha completato un pattern di prezzo ribassista. A questo elemento si somma la constatazione che i top intraday dello scorso 3 e 4 luglio hanno visto le quotazioni del basket tricolore completare il pull back della trendline rialzista tracciata con i minimi crescenti del 27 maggio e del 4 giugno, linea di tendenza violata al ribasso in occasione della flessione patita il 24 giugno. A questo punto dunque il FTSE Mib potrebbe essere caratterizzato da una nuova gamba ribassista verso i determinanti supporti dinamici di area 21.110 punti, supporti espressi dalla trendline rialzista di lungo periodo ottenuta con i minimi crescenti del giugno e dicembre 2013. Proprio in occasione dei low del maggio scorso detta linea di tendenza aveva contribuito in modo significativo ad arginare la pressione ribassista dei venditori. A livello di singole storie societarie, la vicinanza con le resistenze statiche di area 7,30/7,39 euro, unitamente alle vicende legate agli F35, potrebbero spingere gli investitori a prendere beneficio su Finmeccanica. In questa direzione andrebbe la violazione dei minimi intraday dello scorso 4 luglio a 7,20 euro. In area 18,95 euro è invece possibile valutare l’implementazione di una strategia rialzista di matrice speculativa su Azimut. A tale prezzo il titolo della società di gestione del risparmio completerebbe sul daily chart il test del cambio di tasto delle vecchie resistenze dinamiche di breve fornite dalla linea di tendenza ottenuta con i top decrescenti del 24 e 27 giugno, linea di tendenza violata al rialzo in occasione della progressione dello scorso 2 luglio. Flessioni sotto i 18,60 euro, ossia i minimi del mese di giugno porterebbero allo stop la strategia rialzista in questione.

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Commenti dei Lettori