1. Home ›› 
  2. Video ›› 
  3. Trading Floor ›› 

Ftse Mib, battaglia per quota 16.000 punti. Tenaris si allontana dai supporti a 8,50 euro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’indice Ftse Mib sta combattendo

una dura battaglia di resistenza in area 16.000 punti. Dopo la prima ora di
contrattazioni mostra un rialzo di quasi tre punti percentuali e si riporta
sopra l’area psicologica dopo aver nuovamente testato i supporti a 15.850/845
punti. Lo scenario rimane ancora negativo e molto rischioso. Una caduta di
15.773 punti, dove sono posizionati i minimi della seduta di ieri, darebbe un nuovo
segnale di vendita e potrebbe condurre l’indice verso area 15.100/075 punti con
stazione intermedia a 15.495/490 punti. La possibilità di riequilibrare lo
scenario di breve termine è legata al superamento di 16.816 punti, massimi di
mercoledì. Al di sopra di questo livello l’indice potrebbe trovare estensioni
in direzione di 17.000 in prima battuta e poi verso la media mobile a 14 giorni
attualmente discendente a 17.450 punti. Prima, tuttavia, il Ftse Mib dovrebbe
superare l’area di resistenza intermedia a 16.400 punti.

Si muove in forte rialzo il
titolo Tenaris oggi a Piazza Affari. L’azione del comparto oil service recupera
quota 9 euro e cerca di allontanarsi dall’area di supporto degli 8,65/50 euro,
testata tre volte nell’ultimo mese. La caduta di questa zona darebbe un nuovo
impulso ribassista alle quotazioni di Tenaris che potrebbe scendere verso 8,20
euro in prima battuta e 7,50 successivamente. Al rialzo, Tenaris sta tentando
di superare la parte alta del canale ribassista discendente dai  massimi
dell’1 e 29 dicembre, attualmente a 9,12 euro circa. Un successo su questo
fronte, dove si trova anche la media mobile a 14 giorni, riporterebbe lo
scenario di breve termine in posizione di neutralità e potrebbe favorire rialzi
in direzione di 9,44 e 9,50 euro in prima battuta e successivamente portare al
test delle resistenze a 9,84 euro. Solo la rottura decisa di queste ultime
segnerebbe un’inversione di tendenza per il titolo.  

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Commenti dei Lettori