Poker di ribassi per Piazza Affari, in corsa Tenaris e Fiat

Inviato da Redazione il Gio, 11/09/2014 - 17:54
Ancora una seduta con segno meno per Piazza Affari. L'indice Ftse Mib, dopo un avvio promettente, è andato a chiudere in ribasso dello 0,23% a quota 21.092 punti. la giornata, scarna di appuntamenti macro, ha visto in Italia l'allocazione di Btp a 3, 7 e 15 anni per quasi 7 miliardi di euro con rendimenti ai minimi storici su tutte le scadenze. Il rendimento medio di assegnazione del Btp a 3 anni è sceso allo 0,52% dallo 0,84% della precedente asta. Il Bollettino mensile della Bce si è soffermato sull'Italia rimarcando che risulta a rischio il target deficit/Pil per il 2014 (2,6 per cento del Pil) complice la debole congiuntura economica. Sul parterre di Piazza Affari si è distinta Tenaris con un balzo di quasi il 3% a 17,63 euro. A spingere il titolo è stato sin dall'avvio di giornata l'upgrade a overweight deciso da Morgan Stanley con prezzo obiettivo passato da 47 a 60 dollari. Promozione anche per Moncler (+0,92%) su cui Ubs ha alzato il rating a buy dal precedente neutral. prosegue il momento positivo di Fiat salita dell'1,53% a 7,82 euro. L'amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne, ha ribadito che non c'è nessun motivo per rivedere le previsioni sui risultati finanziari 2014 sottolineando come sia abitudine del Lingotto non rivedere le stime fino alla fine del terzo trimestre dell'anno. Per il trimestre in corso Marchionne si è detto fiducioso: "il terzo trimestre dovrebbe andare bene, stiamo aspettando i riscontri di settembre che è un mese estremamente importante".
COMMENTA LA NOTIZIA