Piazza Affari inizia il 2014 con segno meno nonostante exploit Fiat

Inviato da Redazione il Gio, 02/01/2014 - 17:40
Incipit di 2014 cauto per Piazza Affari che è riuscita comunque a limitare i danni rispetto alle altre principali Borse europee. L'indice Ftse Mib ha segnato nella prima giornata di contrattazioni del nuovo anno un calo dello 0,20% a quota 18.926 punti rispetto al 1,6% di Parigi Francoforte. L'indice guida milanese è reduce da un 2013 decisamente positivo (+16% circa per il Ftse Mib). Buone indicazioni sono arrivate dal fronte economico con l´indice Pmi manifatturiero che a dicembre si è portato sui massimi a 32 mesi a quota 53,3 punti. Sull´obbligazionario da segnalare la discesa ai nuovi minimi da luglio 2011 dello spread con differenziale di rendimento tra Btp decennale e Bund sceso sotto la soglia dei 210 punti base. Il rendimento del decennale italiano in giornata è sceso sotto la soglia del 4% per la prima volta dal maggio scorso. A fare la voce grossa nella prima seduta dell'anno è Fiat con un balzo a doppia cifra (+16,4% a 6,92 euro) dopo un'iniziale sospensione per eccesso di rialzo. Nella serata di ieri il gruppo torinese ha reso noto che è stato raggiunto l'accordo per salire al 100% di Chrysler. Al fondo Veba andranno 3,65 mld di dollari per la propria quota del 41,65% (1,75 mld cash e 1,9 mld tramite il dividendo straordinario che verrà distribuito da Chrysler). Esborso per Fiat inferiore alle attese e che in buona parte sarà pagato attraverso Chrysler senza la necessità di ricorrere a un aumento di capitale. Tra gli altri testimonial del listino milanese si mette in luce ancora una volta Yoox. Il titolo entrato nel Ftse Mib lo scorso 23 dicembre segna oggi un +3,31% dopo aver archiviato il 2013 segnando la miglior performance assoluta a Milano con un +175%. Inizio 2014 brillante anche per Fondiaria-Sai (+3,58%) in scia alla stipula dell´atto di fusione per incorporazione di Unipol Assicurazioni, Milano Assicurazioni e Premafin in Fondiaria-SAI che a far data dal 6 gennaio assumerà la denominazione sociale di UnipolSai Assicurazioni. Rimarranno quotati in Borsa due titoli della galassia Unipol: la capogruppo Unipol Gruppo Finanziario e la nuova compagnia UnipolSai. In corsa anche Atlantia (+1,29%) sostenuta dallo scatto a inizio 2014 delle nuove tariffe autostradali. In particolare l´adeguamento tariffario di competenza di Autostrade per l'Italia risulta pari a +4,43%. Tra le big di Piazza Affari da segnalare invece il debole avvio d´anno per Enel (-1,26%) condizionata dal cattivo umore dell´intero settore utilities europeo. Secondo il quotidiano Handelsblatt l'utility tedesca Rwe potrebbe chiedere agli azionisti il vaglio di un aumento di capitale.
COMMENTA LA NOTIZIA