Piazza Affari chiude in ribasso, vendite sulle banche. Vola Telecom Italia

Inviato da Redazione il Ven, 30/08/2013 - 17:40
La Borsa di Milano ha chiuso in ribasso tirando il freno dopo i guadagni delle ultime due sedute. Numerosi gli spunti macro della giornata a iniziare dal tasso di disoccupazione in Italia, che a luglio è rimasto stabile al 12%. Negli Stati Uniti la spesa e il reddito personale di luglio hanno mostrato un timido +0,1%, deludendo le attese degli analisti. La fiducia dei consumatori Usa, calcolata dall´Università del Michigan, è invece salita a 82,1 punti nella lettura finale relativa ad agosto. Le vendite hanno interessato anche Tokyo, dove il Nikkei ha perso lo 0,5% nonostante il calo della disoccupazione al 3,8% e la risalita dell´inflazione (+0,7%). Quest´ultimo dato è però una conferma di come l´Abenomics stia producendo sul mercato interno gli effetti sperati. E´ proseguito il ritracciamento del petrolio dai massimi degli ultimi due anni in scia alla bocciatura del Parlamento britannico alla mozione presentata dal governo Cameron sull´intervento militare in Siria. In questo quadro a Piazza Affari l´indice Ftse Mib ha ceduto l´1,32% a 16.682 punti. Le vendite hanno colpito i titoli del comparto bancario: Banco Popolare ha ceduto il 3,32% a 1,076 euro, Monte dei Paschi il 2,10% a 0,218 euro, Unicredit l´1,88% a 4,278 euro, Intesa SanPaolo lo 0,87% a 1,485 euro, Mediobanca l´1,38% a 4,706 euro. Mediaset ha tirato il freno dopo la brillante performance di ieri lasciando sul parterre il 2,57% a 3,104 euro. Tra i peggiori di seduta Fiat che è arretrata del 2,64% a 5,71 euro, mentre le vendite hanno colpito anche i colossi pubblici dell´energia: Eni ha perso il 2,04% a 17,28 euro, Enel ha lasciato sul parterre l´1,81% a 2,502 euro. Telecom Italia è stata la protagonista indiscussa della seduta odierna mettendo a segno un progresso del 9,36% a 0,529 euro. Il titolo ha sfruttato il fermento che si registra nel settore europeo delle tlc in merito all´attività di M&A. Ieri Verizon ha confermato le indiscrezioni dei giorni scorsi in merito alla ripresa dei contatti con Vodafone per l'acquisizione della quota in Verizon Wireless detenuta dal gruppo inglese. L´operazione avrebbe un valore superiore ai 100 miliardi di dollari. Telecom Italia ha inoltre beneficiato della promozione giunta da Bernstein che ha alzato il giudizio sul gruppo tlc a outperform dal precedente market perform. In controtendenza anche Saipem che ha guadagnato l´1,88% a 16,84 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA