Piazza Affari chiude in rialzo, brillante Mediolanum. Debole Luxottica

Inviato da Redazione il Mar, 02/09/2014 - 17:37
Piazza Affari ha chiuso in rialzo con l´economia statunitense che ha fornito un´ulteriore prova di forza: l´indice Ism manifatturiero di agosto è salito a 59 punti superando le attese che erano ferme a 57 punti. Nell´Eurozona l´attesa è tutta per la riunione di giovedì della Bce, che potrebbe implementare alcune misure non convenzionali per contrastare il rischio deflazione. Secondo Exane, la Bce potrebbe rendere il programma di TLtros più interessante, modificando i requisiti delle garanzie richieste per i prestiti alle Pmi, oltre che svelare nei prossimi mesi i dettagli del programma di acquisto di titoli Abs. Improbabile invece l´annuncio di un quantitative easing in salsa europea. Da segnalare l´indebolimento dello yen, ai minimi da sette mesi contro il dollaro, che ha favorito il rialzo della Borsa di Tokyo. In questo quadro a Piazza Affari l´indice Ftse Mib ha chiuso con un progresso dello 0,49% a 20.446 punti. Gli acquisti sono tornati sui titoli del comparto bancario: Banco Popolare ha guadagnato l´1,37% a 11,76 euro, Montepaschi l´1,44% a 1,125 euro, Popolare dell´Emilia Romagna lo 0,39% a 6,305 euro, Intesa SanPaolo lo 0,80% a 2,264 euro, Unicredit l´1,19% a 5,915 euro. Balzo di Mediolanum (+2,94% a 5,76 euro) in scia alla pubblicazione dei dati sul risparmio gestito da parte di Assogestioni. Il settore ha chiuso il secondo trimestre con una raccolta positiva di 30,9 miliardi di euro, un risultato che ha portato a oltre 60 miliardi i flussi di risparmio confluiti nel sistema durante il primo semestre dell´anno e che ha permesso al patrimonio di sfiorare la nuova quota record di 1.460 miliardi di euro (1.459,97 miliardi). Sempre nel comparto finanziario buona performance anche di Generali che ha mostrato un progresso dell´1,55% a 15,71 euro. Positiva Fiat (+0,33% a 7,38 euro) nonostante il calo delle immatricolazioni in Italia. Il Lingotto ha immatricolato in agosto quasi 15 mila vetture, vale a dire il 6,9% in meno rispetto all´anno scorso, per una quota del 27,6% (-2% in confronto allo stesso mese del 2013, ma in crescita di 0,3 punti percentuali rispetto a luglio 2014). Decisamente peggio del mercato: secondo i dati pubblicati dal ministero dei Trasporti, ad agosto sono state immatricolate oltre 53 mila auto, lo 0,2% in meno rispetto all´anno scorso. Tenaris ha guadagnato l´1,36% a 17,08 euro grazie alla promozione giunta questa mattina da Ubs. Gli analisti elvetici hanno portato il giudizio a neutral dal precedente sell, aumentando il target price a 45 dollari da 41 dollari. Gli esperti prevedono un tasso di crescita annuale della domanda globale di tubi Octg del 5% tra il 2012-2020 dal precedente 4%. Debole Luxottica (-0,80% a 40,51 euro) all´indomani delle decisioni sul riassetto al vertice del gruppo. L´azienda di occhialeria ha annunciato un modello organizzativo basato sul triumvirato. Enrico Cavatorta, attuale direttore generale del gruppo, è stato nominato Ad delle funzioni corporate e, pro tempore, dei mercati, in attesa della nomina del secondo Ad, che è in via di definizione. Le Operations, guidate da Massimo Vian, riporteranno temporaneamente al presidente Leonardo Del Vecchio. A pesare sul titolo la bocciatura arrivata questa mattina da BofA Merrill Lynch che ha abbassato il giudizio su Luxottica a neutral dal precedente buy.
COMMENTA LA NOTIZIA