Piazza Affari chiude in rialzo, brillano Mediaset, Fiat e Finmeccanica

Inviato da Redazione il Gio, 03/07/2014 - 17:37
Piazza Affari ha chiuso in rialzo dopo le parole di Mario Draghi e i dati sul mercato del lavoro statunitense, che hanno spinto il Dow Jones per la prima volta sopra quota 17.000 punti. A giugno negli Stati Uniti sono stati creati 288 mila nuovi posti di lavoro nel settore non agricolo, oltre le attese degli analisti, e la disoccupazione è scesa inaspettatamente al 6,1% dal precedente 6,3%. Come da attese la Bce ha lasciato i tassi allo 0,15% e Mario Draghi ha tenuto ancora nel cassetto il quantitative easing in salsa europea, assicurando però che "il nostro lavoro non è affatto finito qui". Secondo Draghi l´inflazione rimarrà ancora bassa ma è destinata a crescere nel 2015 e nel 2016. A partire dal prossimo anno, inoltre, le riunioni di politica monetaria della Bce avverranno con una cadenza di sei settimane e non più di quattro, come adesso. In questo quadro a Piazza Affari l´indice Ftse Mib ha chiuso con un rialzo dello 0,95% a 21.884 punti. Seduta brillante per Mediaset che secondo la stampa spagnola avrebbe deciso di cedere il 22% di Digital Plus a Telefonica. Mediaset Espana, la controllata iberica del Biscione, ha per il momento smentito di aver trovato un accordo definitivo. Il titolo del gruppo di Cologno Monzese, che ha chiuso con un rialzo del 3,87% a 3,754 euro, ha inoltre sfruttato l´upgrade di Mediobanca che ha alzato il giudizio sull´azione a neutral dal precedente underperform. Ancora tonica Fiat (+3% a 7,71 euro) con il Financial Times che ieri ha scommesso su un futuro shopping del Lingotto in Giappone, necessario per supportare la crescita di Fiat-Chrysler. I nomi che sono comparsi sul quotidiano britannico sono Mitsubishi, Mazda e Suzuki. Finmeccanica ha mostrato un balzo del 3,19% a 7,27 euro dopo che l´Ad Mauro Moretti ha fatto sapere che il colosso pubblico presenterà il nuovo piano industriale entro la fine dell´anno. Il top manager non si è invece sbilanciato più di tanto sull´eventuale cessione di AnsaldoBreda, sottolineando che Finmeccanica chiederà offerte concrete entro fine mese. Questa mattina, inoltre, Fitch ha confermato il rating BB+ sul gruppo dell´aerospazio. Debole invece Snam che ha lasciato sul parterre lo 0,22% a 4,48 euro in scia al downgrade di Mediobanca che ha tagliato il giudizio sul titolo a neutral dal precedente outperform. Nel comparto bancario hanno tirato il freno Banco Popolare e Popolare dell´Emilia Romagna, che hanno perso rispettivamente il 2,78% a 12,21 euro e lo 0,35% a 6,925 euro. Acquisti sugli altri titoli del settore: Montepaschi ha guadagnato l´1,31% a 1,539 euro, Intesa SanPaolo lo 0,60% a 2,346 euro, Mediobanca lo 0,87% a 7,49 euro, Ubi Banca l´1,79% a 6,81 euro, Unicredit l´1,67% a 6,39 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA