Piazza Affari chiude in deciso rialzo, tornano gli acquisti sulle banche

Inviato da Redazione il Ven, 26/09/2014 - 17:38
Piazza Affari ha chiuso in deciso rialzo accelerando sul finale di seduta con l´indice Ftse Mib che ha chiuso con un progresso dell´1,88% a 20.795 punti. Buoni riscontri sono arrivati ancora una volta dagli Stati Uniti: il Pil del secondo trimestre è cresciuto del 4,6%, meglio del +4,2% della rilevazione precedente, mentre la fiducia dei consumatori calcolata dall´Università del Michigan si è confermata a 84,6 punti, ai massimi dal luglio 2013. Questa mattina il Tesoro italiano ha collocato tutti i 7 miliardi di euro di Bot a 6 mesi ad un rendimento dello 0,232%, in salita dallo 0,136% dell´asta di fine agosto. La domanda ha sfiorato i 13 miliardi di euro con un rapporto bid-to-cover in crescita a 1,85 dal precedente 1,63. La prossima settimana l´attenzione sarà rivolta soprattutto al board della Bce che si riunirà giovedì 2 ottobre. Sono tornati gli acquisti sul comparto bancario: Banco Popolare ha guadagnato il 4,17% a 11,47 euro, Montepaschi il 2,68% a 1,032 euro, Popolare dell´Emilia Romagna il 3,17% a 6,17 euro, Intesa SanPaolo il 2,70% a 2,428 euro, Ubi Banca il 4,85% a 6,48 euro, Unicredit il 2,22% a 6,21 euro. Nella galassia del Lingotto spunto di CNH Industrial che ha mostrato un balzo del 5,02% a 6,27 euro. Giornata volatile invece per Fiat (+0,43% a 8,045 euro) che stamattina si era spinta fino a quota 8,20 euro. L´attesa degli investitori è tutta per lo sbarco a Wall Street di Fiat Chrysler Automobiles (Fca), in programma il prossimo 13 ottobre. Nei giorni scorsi alcuni analisti avevano inoltre evidenziato come le vendite globali di auto in luglio e agosto siano state lievemente superiori alla guidance per l´intero esercizio. Ieri il titolo Fiat era arrivato a toccare un massimo intraday di 8,26 euro, ripiegando come oggi durante il pomeriggio. Tonica Mediaset (+1,33% a 3,032 euro) in scia alle parole del presidente Fedele Confalonieri riprese ieri dalle principali agenzie di stampa a margine di un convegno. Su un´eventuale alleanza tra Mediaset e Telecom Italia, Confalonieri ha dichiarato che tutto può essere aperto, se ne parla da decenni anche se è più facile a dirlo che farlo. Il presidente del gruppo di Cologno Monzese ha inoltre confermato che ci sono interessi da parte di colossi stranieri per Mediaset Premium, la pay-tv del Biscione. Bene Generali (+1,40% a 16,56 euro) ha preso il posto di Axa nella lista dei titoli preferiti di BofA Merrill Lynch tra le assicurazioni europee. I motivi, a detta del broker statunitense, risiedono nella crescita del RoE e degli utili che mostrerà un grande balzo rispetto ai competitor. Scatto di Telecom Italia (+1,86% a 0,93 euro) nel finale dopo che Ben Ammar, al temine del Cda, ha dichiarato che Telecom non sta cercando un compratore e l´ipotesi avanzata ieri dai media sul possibile interesse da parte di Trujillo non è reale. Finmeccanica (+1,06% a 7,585 euro) positiva all´indomani del via libera del Cda alle offerte vincolanti per il suo polo trasporti. Quattro i pretendenti che hanno presentato un´offerta formale: la giapponese Hitachi, la cinese Cnr-Insigma, la francese Thales e la spagnola Caf. Negli ultimi giorni si è inoltre fatta avanti la possibilità di un inserimento nel dossier anche di Bombardier.
COMMENTA LA NOTIZIA