Piazza Affari chiude in deciso rialzo, acquisti sulle banche. Bene Eni e Fiat

Inviato da Redazione il Mar, 29/04/2014 - 17:39
Piazza Affari ha chiuso in deciso rialzo con l´indice Ftse Mib che si è portato ad un passo dalla soglia dei 22.000 punti. I listini azionari hanno sfruttato la sponda offerta dalle buone trimestrali societarie. Questa mattina il Tesoro ha collocato tutti i 6,5 miliardi complessivi di Btp a cinque e dieci anni offerti in asta con tassi sui nuovi minimi storici. In particolare sono stati assegnati 3,5 miliardi di euro di titoli quinquennali con un rendimento sceso all´1,84% dall´1,88% di marzo, con un rapporto di copertura di 1,3 e con richieste per 4,5 miliardi. Venduti anche tutti i 3 miliardi di Btp a dieci anni, le cui richieste sono state pari a 3,9 miliardi, ad un tasso sceso al 3,22%. Sempre oggi l´Eba ha annunciato le metodologie, i criteri e gli scenari macroeconomici di riferimento per gli stress test europei 2014, che coinvolgeranno le 124 principali banche del Vecchio Continente. In questo quadro a Piazza Affari l´indice Ftse Mib ha guadagnato il 2,15% a 21.976 punti. Acquisti sostenuti sulle banche: Banco Popolare ha guadagnato il 2,73% a 15,01 euro, Popolare dell´Emilia Romagna il 3,14% a 8,53 euro, Popolare di Milano il 5,39% a 0,722 euro, Intesa SanPaolo il 2,64% a 2,48 euro, Mediobanca l´1,32% a 8 euro, Ubi Banca il 2,96% a 6,94 euro, Unicredit l´1,86% a 6,565 euro. Ancora su di giri Mediaset (+3,18% a 3,956 euro) con il presidente Confalonieri che ha fatto sapere che il gruppo è "attrezzato per cogliere ogni opportunità industriale nel mondo della distribuzione di contenuti digitali a pagamento". "Dopo un periodo di necessari risparmi - ha proseguito Confalonieri - abbiamo voglia di tornare a investire innanzitutto nel core business, perchè siamo consapevoli che tutto parte dai contenuti". Brillante Eni (+2,94% a 18,86 euro) dopo la pubblicazione dei conti trimestrali. Il colosso petrolifero italiano ha riportato nei primi tre mesi del 2014 un utile netto adjusted in calo del 14,3% a 1,19 miliardi di euro. Il risultato è però superiore agli 1,16 miliardi stimati in media dagli analisti interpellati da Bloomberg. L´utile netto è ammontato a 1,3 miliardi, in contrazione del 15,6% rispetto a dodici mesi fa mentre l´utile operativo adjusted del primo trimestre si è attestato a quota 3,49 miliardi, in flessione del 6,8% su base annua. Fiat (+3,69% a 8,83 euro) ha beneficiato ancora delle indiscrezioni apparse ieri su Automotive News Europe su Alfa Romeo. Secondo il periodico specializzato è nelle intenzioni dell´Ad Sergio Marchionne scorporare l´azienda del Biscione facendone una società indipendente con un proprio conto economico. La decisone dell´Ad, a detta delle voci, dovrebbe essere comunicata in occasione della presentazione del piano industriale del gruppo il prossimo 6 maggio a Detroit. In questo modo Alfa Romeo diventerebbe il terzo marchio del lusso dopo Ferrari e Maserati.
COMMENTA LA NOTIZIA