Piazza Affari chiude ancora in calo, sprint di WDF e Mps

Inviato da Redazione il Ven, 12/09/2014 - 17:42
Nuova seduta in calo per Piazza Affari che ha completato un´ottava contraddistinta esclusivamente da segni meno. In chiusura l´indice Ftse Mib ha fatto segnare un calo dello 0,10% a quota 21.071 punti. La giornata ha visto in primo piano la riunione dell´Eurogruppo a Milano dalla quale è emersa una comunione d´intenti per ridurre in maniera effettiva il carico fiscale sul lavoro. Il governatore della Bce, Mario Draghi, ha ribadito che i governi per rilanciare gli investimenti servono fare riforme strutturali "più ambiziose" e portate avanti "con urgenza". Sul fronte macro oggi sono arrivati deboli riscontri dalla congiuntura italiana con la produzione industriale scesa dell´1% rispetto al mese precedente vanificando il rimbalzo dello 0,9% segnato a giugno. Il consensus Bloomberg stimava una contrazione mensile meno marcata (-0,2%). Un debole avvio del terzo trimestre che acuisce le preoccupazioni circa le prospettive per la seconda metà dell´anno. Gli analisti sono concordi nel ritenere che nel 2014 difficilmente l´Italia andrà oltre un andamento piatto dell´economia. "I riscontri negativi dalla produzione industriale sono coerenti con una crescita negativa nel terzo trimestre e nell'intero 2014 ", ha commentato Fabio Fois, economista di Barclays che stima solo una modesta espansione negli ultimi tre mesi dell´anno. Sul parterre di Piazza Affari spicca il rally di Wolrd Duty Free salita di oltre il 3% a 8,485 euro. In prima fila anche Banca Mps (+2,87% a 1,144 euro ) che ha festeggiato la notizia giunta ieri in serata dal cda. Il vicepresidente, Marco Turchi, e la consigliera, Paola Demartini, nel corso del consiglio di amministrazione svoltosi ieri, hanno offerto la loro disponibilità a rassegnare le dimissioni per consentire il rispetto del patto sottoscritto dalla Fondazione Mps e quindi favorire l´ingresso dei rappresentati dei nuovi soci esponenti del patto di sindacato, Btg Pactual Europe e Fintech Advisory. Intanto oggi dalla Consob si è appreso che Ubs ha aumentato la partecipazione detenuta in Banca Mps al 2,868% rispetto al 2,697% precedente. Tra le banche buona performance giornaliera anche per Mediobanca (+0,64%). In vista del rinnovo del cda dell´istituto di piazzetta Cuccia, l'amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, ha detto che la riconferma di Alberto Nagel quale amministratore delegato di Mediobanca non è in discussione. Recenti indiscrezioni di stampa avevano riportato l'esistenza di alcuni malumori dell'azionista Unicredit (con circa l'8,5%) nei confronti dell'Ad di Piazzetta Cuccia. Acquisti anche su Enel (+0,38%). Ieri sera il Cda della maggiore utilities italiana ha condiviso la presentazione a Endesa da parte di Enel Energy Europe (EEE) di una proposta vincolante per l´acquisto della partecipazione del 60,62% posseduta direttamente e indirettamente da parte della stessa Endesa nel capitale della cilena Enersis, capofila delle attività in America Latina. Le partecipazioni oggetto di compravendita sono rappresentate da un 20,30% del capitale di Enersis posseduto direttamente da Endesa e dal 100% del capitale di Endesa Latinoamèrica, società che a sua volta possiede il 40,32% del capitale di Enersis. La proposta prevede un corrispettivo complessivo per le partecipazioni sopra indicate pari a 8,25 mld di euro.
COMMENTA LA NOTIZIA