Piazza Affari: avvio d'ottava poco mosso, Goldman Sachs pesa sui titoli del lusso del FTSE Mib

Inviato da Redazione il Lun, 21/10/2013 - 17:46
Piazza Affari: avvio d'ottava poco mosso, Goldman Sachs pesa sui titoli del lusso del FTSE Mib Piazza Affari ha chiuso poco mossa con gli investitori cauti in attesa dei dati sul mercato del lavoro statunitense, che verranno pubblicati domani dopo che il Congresso riuscito a superare limpasse dello shutdown. Lattesa anche per la riunione della Federal Reserve con il mercato che prevede un nuovo rinvio per il tapering, la riduzione del piano di acquisto titoli da 85 miliardi di dollari al mese. A Piazza Affari, dove lindice Ftse Mib ha perso lo 0,04% a 19.262,69 punti, stata una giornata movimentata per il lusso in scia ad un report di Goldman Sachs. Domani inizia lesame del Senato alla legge di Stabilit e non sono da escludere nuove fibrillazioni per il governo Letta. Tra le materie prime da segnalare il petrolio che sceso sotto quota 100 dollari al barile per la prima volta dallo scorso 3 luglio. Autogrill ha svettato sul Ftse Mib con un rialzo del 4,05% a 7,195 euro in scia alla promozione arrivata questa mattina da JP Morgan. Gli analisti della banca americana hanno alzato il giudizio sul titolo del gruppo della famiglia Benetton a overweight dal precedente neutral, portando il target price a 8,50 euro da 6 euro. Il network sovraffollato nelle autostrade in Italia offre una significativa inversione di tendenza e noi crediamo che la presenza potrebbe essere ridotta del 9% senza portare ad una contrazione dei ricavi, hanno spiegato gli esperti di JP Morgan. Secondo il broker quello che rimane poco apprezzato sono i nuovi formati degli store che guideranno il recupero dei margini, ha scritto il broker Usa. Non sembra avere fine la corsa di Mediaset che oggi ha mostrato un progresso dell1,06% a 3,812 euro. Positivi i titoli del comparto bancario: Popolare dellEmilia Romagna ha guadagnato l1,92% a 7,17 euro, Mediobanca lo 0,94% a 6,415 euro, Banco Popolare l1,97% a 1,504 euro, Intesa SanPaolo lo 0,44% a 1,823 euro, Ubi Banca lo 0,30% a 5,05 euro, Unicredit lo 0,18% a 5,63 euro. Debole invece il Montepaschi che ha perso l1,20% a 0,2297 euro. La Fondazione Mps, come dichiarato dal presidente Antonella Mansi in unintervista rilasciata nel fine settimana a Il Sole 24 Ore, sta valutando tutte le opzioni a disposizione per ridurre il debito, 350 milioni di euro da rimborsare entro il 2017. La soluzione pi probabile e razionale, in assenza di uno o pi compratori, sarebbe la cessione di una quota del 10-15% sul mercato per azzerare lindebitamento netto, hanno spiegato gli analisti di Equita. Le vendite hanno colpito Tods (-2,65% a 124,90 euro) e Luxottica (-2,56% a 37,68 euro), entrambe bocciate a sell dagli analisti di Goldman Sachs. Nonostante il marchio Tods sia ben posizionato, hanno spiegato gli esperti, noi crediamo che gli altri brand del gruppo (Hogan, Fay e Roger Vivier) lo siano di meno riducendo cos il profilo di crescita e profittabilit dellintero gruppo. Per quanto riguarda Luxottica, nonostante i numerosi punti di forza, gli analisti della banca americana non credono che lazienda sia ben posizionata per generare grandi ritorni sul capitale. Giornata storta anche per Fiat che ha lasciato sul parterre il 2,38% a 5,935 euro con gli analisti di Fidentiis che hanno tagliato il rating sul Lingotto a sell da hold.
COMMENTA LA NOTIZIA