Wall Street: tecnologici in panne, pesa deludente outlook di Apple. Oggi parte due giorni Fomc

Inviato da Redazione il Mar, 28/01/2014 - 14:13
Tecnologici sorvegliati speciali oggi a Wall Street dopo il deludente outlook annunciato ieri da Apple. Nel pre-mercato il titolo del colosso di Cupertino cede circa il 7% a 511,57 dollari ad azione. Nonostante le vendite trimestrali record di iPhone e iPad il mercato non ha digerito le previsioni per il trimestre snocciolate dall'azienda californiana: i vertici di Apple si attendono ricavi compresi tra 42-44 miliardi di dollari contro i 46,1 miliardi del consenso Bloomberg. Intanto oggi prende il via uno degli appuntamenti più attesi della settimana: la due giorni del Fomc, il braccio operativo della Federal Reserve, che domani potrebbe annunciare il proseguimento del tapering, ovvero la riduzione graduale del QE. "La Fed potrebbe proseguire il tapering annunciando acquisti mensili per 60 miliardi di dollari, in calo quindi di 15 miliardi di dollari" affermano gli esperti dell'ufficio studi di Intesa Sanpaolo. A livello macroeconomico in agenda gli ordini di beni durevoli a dicembre, la fiducia consumatori di gennaio oltre all'indice dei prezzi sulle case (S&P/Case-Shiller), che mostra la variazione annua dei prezzi immobiliari nelle principali 20 città degli Stati Uniti, per il mese di novembre. Prima dell´avvio sono giunte indicazioni positive dalla stagione degli utili con Ford, DuPont e Pfizer che hanno registrato profitti trimestrali in salita. Nel quarto trimestre 2013 Pfizer ha registrato utili rettificati in crescita del 22% a 56 centesimi di dollaro per azione dai 46 centesimi per azione di dodici mesi fa, mentre i ricavi sono scesi a 13,56 miliardi. Gli analisti stimavano un Eps a 52 centesimi su un fatturato di 13,36 miliardi di dollari. Utile netto trimestrale raddoppiato a 185 milioni di dollari per DuPont. In aumento anche i ricavi a 7,84 miliardi di dollari dai 7,57 miliardi di dodici mesi fa. Il colosso dell'auto di Detroit ha registrato utili migliori delle attese e ha confermato la guidance per il 2014. In questo scenario il future sul Dow Jones e quello sull'indice S&P500 avanzano rispettivamente dello 0,34% e dello 0,29%, mentre il contratto sul Nasdaq 100 perde lo 0,36%.
COMMENTA LA NOTIZIA