Wall Street: previsto avvio in rialzo in attesa dei dati, attenzione su Apple

Inviato da Redazione il Lun, 23/12/2013 - 13:22
I future sugli indici statunitensi viaggiano in rialzo, facendo prevedere una partenza in rialzo per Wall Street, dopo la chiusura record di venerdì scorso. La giornata di venerdì è stata caratterizzata dalla revisione al rialzo del dato finale del Pil del terzo trimestre che si è attestato al 4,1% t/t annualizzato grazie all'aumento dei consumi. Si tratta della variazione maggiore da fine 2011. A circa due ore dall'avvio il future sul Dow Jones segna un progresso dello 0,27%, mentre quello sull'S&P500 guadagna lo 0,36% e il future sul Nasdaq sale dello 0,59%. Dal fronte macro oggi sono attesi alle 14.30 ore italiane i dati sul reddito e la spesa personali di novembre, importanti per capire l´andamento dei consumi nel quarto trimestre dopo la buona performance nel terzo. In uscita alle 15.55 la lettura finale della fiducia elaborata dall'Università del Michigan di dicembre. Il direttore del Fondo monetario internazionale, Christine Lagarde, ha dichiarato che l´istituto aumenterà l´outlook sull´economia Usa poichè l´accordo sul bilancio e il recente annuncio della Fed sul tapering contribuiscono a ridurre l´incertezza sul futuro. Ad ottobre il FMI ha annunciato che il Pil Usa nel 2014 è atteso crescere al 2,6% dall´1,6% del 2013. Tra i titoli, da monitorare Apple che nel pre-market sale di quasi 4 punti percentuali dopo aver annunciato di aver raggiunto, dopo anni di negoziazione, un accordo per la distribuzione e commercializzazione degli iPhone con China Mobile, il maggior operatore mobile del mondo. Secondo i termini del contratto, gli ultimi due modelli di Apple, l'iPhone 5s e il 5c, saranno finalmente disponibili da China Mobile a partire dal prossimo 17 gennaio. I dettagli finanziari dell'accordo non sono stati resi pubblici. In luce anche Tiffany. Con una sentenza di un tribunale olandese l'americana Tiffany è stata condannata a pagare all'elvetica Swatch una multa da circa 449 milioni di dollari. L'ammenda è relativa al risarcimento dei danni subiti negli ultimi tre anni e relativa a un accordo che le due aziende avevano sottoscritto per produrre orologi con il marchio Tiffany. Il gruppo statunitense ha reso noto che la penale che dovrà versare avrà un impatto sensibile sui conti dell´ultimo trimestre, stimato tra i 295 e i 305 milioni di dollari.
COMMENTA LA NOTIZIA