Wall Street: prevista partenza positiva dopo la Fed

Inviato da Redazione il Gio, 19/09/2013 - 12:52
I future sugli indici statunitensi si muovono in rialzo, facendo presagire una partenza positiva per Wall Street dopo la chiusura record di ieri in scia alla Federal Reserve. La banca centrale americana ha deciso di non avviare il tapering, ossia la riduzione del piano di stimolo all'economia, sorprendendo gli operatori. Ieri Wall Street ha chiuso con nuovi massimi per il Dow Jones e l'S&P500 (rispettivamente a 15.676,94 punti e a 1.725,52 punti). A più di due ore dall'avvio delle contrattazioni, il future sul Dow Jones segna un +0,37%, mentre quello sull'S&P500 guadagna lo 0,46% e quello sul Nasdaq sale dello 0,40%. Ieri sera la Fed ha deciso di proseguire il piano di acquisti titoli da 85 miliardi di dollari al mese, in netto contrasto con il consenso di una riduzione intorno ai 10 miliardi. La ragione principale è rappresentata dalle condizioni dei mercati finanziari degli ultimi mesi che se prolungate, potrebbero rallentare il ritmo di recupero dell´economia e del mercato del lavoro. La Fed ha tenuto a sottolineare che la prosecuzione del piano di acquisti dipenderà comunque in futuro dall´evoluzione del quadro macro. Diversi operatori hanno ora spostato l´attesa del cosiddetto tapering alla riunione del 18 dicembre. La banca centrale Usa ha anche aggiornato le stime con un ridimensionamento di quelle inerenti al Pil 2013 e 2014. La maggioranza del Focm, il braccio operativo della Fed, ha mantenuto invece inalterata la view di un primo rialzo dei tassi nel corso del 2015. Dal fronte macro sono attesi oggi le nuove richieste settimanali ai sussidi di disoccupazione, le vendite di case e gli indici anticipatori di agosto. Diversi spunti anche tra i titoli, con Oracle che ha diffuso ieri a mercato chiuso la trimestrale. Nel primo trimestre dell'esercizio fiscale 2014, il gruppo californiano ha riportato utili in crescita e sopra le attese, mentre hanno deluso i ricavi e l'outlook. Prima del suono della campanella diffonderanno i conti ConAgra Foods e Rite Aid. Attenzione anche su JP Morgan che aspetta la decisione delle autorità per chiudere il caso "balena di Londra". Secondo le ultime indiscrezioni la banca potrebbe essere costretta a pagare una multa da oltre 900 milioni di dollari.
COMMENTA LA NOTIZIA