Wall Street: futures usa incerti, focus su ordini fabbrica

Inviato da Redazione il Mar, 03/06/2014 - 14:47
Prevale la prudenza in attesa dell'apertura di Wall Street, con i futures statunitensi che sono in cerca di una direzione. Pochi i segnali che arriveranno dal fronte macroeconomico: l'unico dato in agenda oggi sono gli ordini di fabbrica di aprile. L'appuntamento principale della settimana sarà venerdì con la diffusione dei dati sul mercato del lavoro di maggio. Un "employment report, atteso positivo, ma non in miglioramento rispetto al mese scorso", ricordano gli esperti di Intesa Sanpaolo nella nota odierna. A livello societario tra i possibili market mover di giornata c'è Apple all'indomani dell'apertura della Worldwide Developers Conference (WWDC) 2014. All'evento, che chiama a raccolta ogni anno il mondo degli sviluppatori Apple, il big di Cupertino ha presentato iOS 8. Si tratta della release più importante dal lancio dell´App Store, afferma la società californiana. Focus anche su AT&T che ha rivisto al rialzo l'outlook 2014 sui ricavi, grazie al rafforzamento mostrato nel secondo trimestre dal settore wireless. Il colosso Usa tlc stima ora una crescita del fatturato del 5% per l'anno in corso rispetto all'aumento del 4% precedentemente atteso. AT&T si attende inoltre un incremento di 800mila clienti nei contratti di lungo termine nel periodo in esame rispetto ai 551 mila di un anno fa. La società a stelle e strisce comunicherà i risultati del secondo trimestre il prossimo 23 luglio. Giornata di conti per Dollar General che ha riportato nel primo trimestre utili in crescita a 222,4 milioni di dollari (pari a 72 centesimi per azione). Le vendite nette sono salite a 4,52 miliardi di dollari contro i 4,23 miliardi di dodici mesi fa. Gli analisti si attendevano un utile per azione pari a 73 centesimi su un fatturato di 4,56 miliardi di dollari. In primo piano oggi le indicazioni che arriveranno dal mondo automobilistico: in giornata sono attesi i dati sulle immatricolazioni di maggio e le comunicazioni sulle vendite da parte delle maggiori case automobilistiche americane. Prima dell'opening bell Chrysler ha comunicato di avere venduto negli Stati Uniti 194.421 vetture a maggio, il 17% in più rispetto alle 166.596 unità dello stesso periodo dell'anno scorso, battendo le attese che davano un incremento del 14%. I marchi Jeep, Dodge, Ram Truck e Fiat hanno tutti incrementato le vendite rispetto allo stesso mese del 2013, con il gruppo che segna il miglior maggio dal 2007 e il cinquantesimo mese consecutivo di crescita. In attesa dell'avvio delle contrattazioni Oltreoceano il future sul Dow Jones e quello sull'indice S&P 500 cedono rispettivamente lo 0,16% e lo 0,20%, mentre il contratto sul Nasdaq perde lo 0,28%.
COMMENTA LA NOTIZIA