Wall Street: future piatti in attesa dei dati sul lavoro

Inviato da Redazione il Ven, 02/05/2014 - 12:42
L'avvio di Wall Street sarà condizionato oggi dai dati sul mercato del lavoro di aprile, che verranno pubblicati alle 14.30 ore italiane. Nell'attesa i future sugli indici statunitensi si muovono intorno alla parità. Alle 12.40 il future sul Dow Jones segna un +0,09%, mentre quello sull'S&P500 sale dello 0,13% e il contratto sul Nasdaq guadagna lo 0,11%. Ieri la Borsa di New York ha chiuso mista con l´indice tecnologico Nasdaq che è salito dello 0,3%, mentre il Dow Jones ha perso lo 0,1% e l´indice S&P500 ha chiuso invariato. "Gli operatori - commentano gli analisti di Mps Capital Services - stanno probabilmente ancora metabolizzando il sorprendente dato sul Pil del primo trimestre, pubblicato nella giornata di mercoledì, che ha visto l´economia Usa crescere dello 0,1% t/t annualizzato, il ritmo più basso dall´ultimo trimestre del 2012". Secondo gli esperti, il dato, essendo la lettura preliminare, potrebbe essere soggetto ad importanti revisioni ma, qualora venisse confermato, metterebbe a rischio il raggiungimento di un ritmo di crescita per il 2014 prossimo al 3% atteso dalla stessa Federal Reserve. E proprio la Fed, nella riunione di mercoledì, ha deciso di proseguire nel tapering (ridimensionamento del qauntitative easing), riducendo l´ammontare degli acquisti di asset di ulteriori 10 miliardi di dollari a 45 miliardi di dollari. "Il tono utilizzato dalla Fed nel comunicato sembrerebbe prospettare un proseguimento del tapering a meno di un inatteso passo indietro della ripresa economica", concludono a Mps Capital Services. L'agenda macro di oggi prevede gli importanti sul mercato del lavoro di aprile. In particolare, il tasso di disoccupazione, che dovrebbe scendere al 6,60% dal precedente 6,70%, e le non farm payrolls, ossia i posti di lavoro nei settori non agricoli. Anche in questo caso, si attende un miglioramento con 204mila nuove buste paga stimate dagli analisti. Movimentato anche il fronte societario con i conti di Chevron e di Estèe Lauder, in uscita prima dell'avvio di Wall Street. Ieri sera a mercato chiuso è stata invece la volta di LinkedIn. Il social network per i professionisti ha chiuso il primo trimestre con un rosso di 13,32 milioni di dollari, contro l'utile da 22,6 milioni dell'anno prima. Nella sessione pre-market il titolo cede quasi 2 punti percentuali. Finora le trimestrali Usa stanno andando piuttosto bene sul fronte utili: in base ai dati di Bloomberg, su 366 società delle 500 che compongono l´indice S&P500, circa il 75% hanno battuto le stime degli analisti. Sul fronte fatturato le stime sono invece state battute solamente nel 53% dei casi.
COMMENTA LA NOTIZIA