Wall Street: avvio previsto in lieve calo all'indomani della Fed

Inviato da Redazione il Gio, 20/03/2014 - 13:21
Permane la pressione sui mercati in scia alla Fed. Dopo la chiusura negativa di ieri, Wall Street dovrebbe aprire in lieve calo all'indomani delle parole del neo presidente della banca centrale americana, Janet Yellen, che ha aperto alla possibilità di un rialzo dei tassi prima del previsto. Sui mercati pesano anche i nuovi timori di un rallentamento della crescita in Cina, dopo che Goldman Sachs ha rivisto nuovamente al ribasso le stime sulla seconda economia mondiale. In questo scenario, a poco più di un'ora dal suono della campanella a New York il future sul Dow Jones scivola dello 0,19%, mentre quello sull'S&P500 cede lo 0,20% e il contratto sul Nasdaq mostra un -0,22%. Ieri la Fed ha confermato la terza riduzione del piano di acquisti pari a 10 miliardi di dollari, oltre alla rimozione del riferimento quantitativo al tasso di disoccupazione al 6,5% sostituito da un più ampio range di indicatori, come target da raggiungere per una modifica alla politica monetaria ultra-espansiva. Ma il punto che ha maggiormente impattato sui mercato è stato il riferimento al lasso temporale tra la fine del tapering ed il primo rialzo dei tassi. Nel corso ella conferenza stampa, la Yellen ha dichiarato che il tapering è atteso terminare il prossimo autunno. Da quel momento potrebbero occorrere circa sei mesi prima del successivo inizio del rialzo tassi. Gli operatori hanno così proceduto a rivedere le aspettative sul primo rialzo tassi, collocato ora tra il primo ed il secondo trimestre 2015. "Se si sia trattato o meno di un errore di comunicazione - hanno commentato oggi gli analisti di Mps Capital services - sarà meglio comprensibile nelle prossime settimane, ma certamente il primo incontro della Fed sotto la presidenza Yellen ha ieri lasciato una traccia significativa sui mercato obbligazionario, con un rialzo di circa 8 punti base del tasso decennale e biennale". Guardando all'agenda macro di oggi, sono numerosi gli spunti. Alle 13.30 ore italiane verranno diffuse le richieste settimanali ai sussidi di disoccupazione, una indicazione importante su come sta procedendo il mercato del lavoro. Alle 15.00 sarà la volta dell'indice manifatturiero nel distretto della Federal Reserve di Philadelphia relativo al mese di marzo, oltre che le vendite di case esistenti a febbraio e il leading indicator di febbraio. Tra i titoli, da monitorare Guess dopo i conti trimestrali che hanno visto un calo degli utili. L'azione del gruppo della moda cede quasi 6 punti percentuali nella sessione pre-market. Si mette in evidenza nel pre-market a Wall Street, anche il titolo Lennar con un rialzo di oltre 2% dopo la trimestrale. La società statunitense delle costruzioni ha riportato nel trimestre archiviato a fine febbraio profitti e ricavi in crescita. Attenzione anche su Nike, che si prepara a pubblicare la trimestrale questa sera a mercato chiuso.
COMMENTA LA NOTIZIA