Wall Street: atteso avvio piatto all'indomani della Fed

Inviato da Redazione il Gio, 19/06/2014 - 13:59
I future sugli indici statunitensi si muovono intorno alla parità, suggerendo una partenza poco mossa per Wall Street dopo i rialzi di ieri innescati dalla Federal Reserve. Ieri sulla Borsa di New York l'indice S&P500 ha terminato su un nuovo record dopo che la banca centrale americana ha rassicurato i mercati proseguendo, come da attese, la riduzione del suo piano di stimolo per ulteriori 10 miliardi di dollari, nonostante previsioni economiche più deboli. Anche il presidente dell'istituto, Janet Yellen, ha pronunciato parole accomodanti ribadendo che i tassi di interesse rimarranno su livelli bassi per un periodo "considerevolmente lungo" dopo la fine del piano di acquisto di bond. In questo scenario a circa un'ora e mezza dall'avvio delle contrattazioni a Wall Street il future sul Dow Jones e quello sull'S&P500 sono invariati, mentre il future sul Nasdaq mostra un +0,06%. Oltre alla politica monetaria, la Fed ha snocciolato le nuove previsioni economiche. Se le stime di crescita per l´anno corrente sono state ridotte dal 2,8-3% al 2,1-2,3%, l´istituto ha confermato quelle per il 2015 e il 2016 rispettivamente al 3-3,2% e al 2,5-3%. Il rafforzamento della crescita spingerà al ribasso il tasso di disoccupazione che dal 6% di fine anno è visto al 5,4% l´anno prossimo e al 5,1 per cento nel 2016. Sul fronte inflazione le stime sono state lasciate pressochè invariate ed il governatore ha dichiarato che il recente aumento dell´inflazione potrebbe essere dovuto solamente a distorsioni temporanee ("noisy") poichè il trend di recupero dei prezzi sta proseguendo in linea con la view del comitato. Oggi l'agenda macro prevede alle 14.30 le nuove richieste settimanali ai sussidi di disoccupazione. Gli analisti si aspettano 315 mila nuove richieste contro le 317 mila della settimana precedente. In uscita, alle 16.00 ore italiane l'indice manifatturiero di giugno elaborato dalla Fed di Philadelphia e l'indice anticipatore di maggio. Il leading indicator è un indicatore utile per comprendere lo scenario economico futuro ed in grado di anticipare le svolte del ciclo. Quando l'indice si sposta verso il basso ci si attende un deterioramento della congiuntura mentre se si sposta verso l´alto potrebbe verificarsi un recupero per il sistema economico.
COMMENTA LA NOTIZIA