Wall Street: apertura prevista in calo in scia a minute Fed

Inviato da Redazione il Gio, 21/02/2013 - 14:16
Ci si aspetta un´apertura in negativo per la Borsa di Wall Street, con il contratto sull´indice Dow Jones che segna un calo dello 0,25%, quello sul Nasdaq che cede lo 0,46% e quello sullo S&P500 che arretra dello 0,29%. A deprimere le aspettative sulla piazza americana, a un´ora e mezza circa dall´apertura, è la possibilità, annunciata con la diffusione delle minute relative ai verbali dello scorso 29-30 gennaio, che la Federal Reserve possa arrestare prima del previsto il QE3. "Un certo numero di partecipanti -si legge nei verbali- ha dichiarato che una valutazione continua dell´efficacia, dei costi e dei rischi del piano di acquisto asset potrebbe portare a una fine del programma prima del raggiungimento di un miglioramento sostanziale del mercato del lavoro". L´annuncio ha portato Wall Street a chiudere ai minimi di seduta ieri, con la peggior sessione dallo scorso novembre per lo S&P500. L´attesa apertura negativa di Wall Street seguirà la giornata in rosso dei mercati europei. Lo spread odierno tra Btp e Bund tedeschi di durata decennale si attesta oggi intorno ai 286 punti base. Sul fronte macroeconomico, l´agenda oggi prevede i dati sull´inflazione e sulla disoccupazione, che saranno pubblicati alle 14.30 italiane. Alle 16 si conoscerà l´indice Philadelphia Fed a febbraio, atteso positio di un punto contro il calo di 5,8 punti dello scorso mese. Sempre alle 16 arriverà il Leading Index mensile a gennaio, mentre alle 17 saranno diffusi i dati sulle scorte di carburante. Sul fronte delle trimestrali Usa, Wal-Mart ha sorpreso il mercato snocciolando conti migliori delle attese e aumentando il dividendo. Nel quarto trimestre dell'esercizio fiscale 2012/2013 i ricavi sono saliti del 4% a 127,1 miliardi di dollari, mentre l'utile netto si è attestato a 5,61 miliardi contro i 5,16 miliardi dello stesso periodo del 2011. L'utile netto per azione (Eps) è cresciuto a 1,67 dollari contro i 1,57 dollari stimati dal mercato. Alla luce di questa performance il colosso americano del retail ha proposto un dividendo annuale in aumento del 18% a 1,88 dollari. Per quanto riguarda il futuro, Wal-Mart prevede un Eps di 1,11-1,16 dollari nel primo trimestre dell'esercizio in corso (consensus 1,19 dollari). Trimestrale sotto le attese invece per Bombardier. Il colosso aerospaziale del Canada ha chiuso il quarto trimestre del 2012 con ricavi pari a 4,8 miliardi di dollari, in rialzo rispetto ai 4,3 miliardi del corrispondente periodo del 2011. L'utile netto rettificato è sceso a 188 milioni di dollari, ossia 0,10 dollari per azione. Gli analisti si aspettavano ricavi pari a 4,99 miliardi e un Eps rettificato di 0,12 dollari. Il gruppo ha fatto sapere che il programma per lo sviluppo del modello Learjet 85 evidenzia dei ritardi e che la sua entrata in servizio è ora prevista per l'estate del 2014. Attenzione infine ad Apple, il cui titolo cede lo 0,6% nel pre-market dopo la notizia del rallentamento delle assunzioni in Foxconn, la ditta asiatica che assembla l´iPhone, a causa del calo negli ordini degli smartphone della Mela morsicata.
COMMENTA LA NOTIZIA