Usa: future volatili, focus su inflazione e fiducia consumatori. Attesa reazione Apple dopo Galaxy S4

Inviato da Redazione il Ven, 15/03/2013 - 12:13
Atteggiamento prudente, quello dei future sulla Borsa di New York in attesa dell´opening bell. A dettare il ritmo odierno le indicazioni che arriveranno dal fronte macroeconomico. La settimana si chiude infatti con una raffica di dati economici che verranno diffusi nel pomeriggio a partire dalle 13.30, tra questi l'inflazione di febbraio. Secondo le stime elaborate dagli analisti di Bloomberg potrebbe attestarsi all'1,8% dall'1,6% della precedente rilevazione. "Il focus sarà sui dati sull´inflazione di febbraio - sottolineano gli esperti di Mps Capital Services - in un contesto in cui le aspettative di inflazione a lungo termine sono in continuo rialzo, come indicato dalle quotazioni dei relativi Treasury indicizzati". Il calendario odierno prevede l´indice Empire Manufacturing a marzo, la produzione industriale a febbraio e infine la lettura preliminare della fiducia dei consumatori statunitensi elaborata dall'Università del Michigan per il mese di marzo (consensus a 78 punti). Grande attenzione verrà oggi rivolta anche alle storie societarie di Wall Street. Cresce l'attesa per la reazione in Borsa di Apple all'indomani della presentazione del nuovo smartphone di Samsung. Si tratta del Galaxy S4, un modello top di gamma che vanta caratteristiche uniche, come il riconoscimento dei gesti e del movimento oculare. La scelta di Samsung di presentare il nuovo nato proprio a New York, al Radio City Music Hall, esprime chiaramente la volontà del produttore sudcoreano di voler conquistare il primato anche negli Stati Uniti, direttamente a casa di Apple. Da monitorare anche il comparto bancario americano all'indomani dell´esito della seconda parte degli stress test condotti dalla Federal Reserve (Fed) su 18 istituti di credito americani per valutare se la distribuzione di dividendi e i programmi di buyback potrebbero portare una banca a livelli di capitale inaccettabili in uno scenario economico avverso. A sorpresa promozione con riserva per JP Morgan e Goldman Sachs. Ai due big statunitensi la Fed ha richiesto la presentazione di nuovi piani di capitale entro la fine terzo trimestre per "porre rimedio alle debolezze nei processi di pianificazione". Tra le bocciate Ally Financial e BB&T Corporation. In questo scenario è la volatilità a farla da padrona: il future sul Nasdaq e quello sul Dow Jones sono invariati, mentre quello sull'S&P500 segna un -0,08%.
COMMENTA LA NOTIZIA