Usa: future positivi nell´ultima seduta settimanale. Focus sulle trimestrali

Inviato da Redazione il Ven, 19/04/2013 - 13:52
Si preannuncia un'apertura in rialzo per Wall Street. Quando mancano meno di due ore all'avvio degli scambi Oltreoceano i future sulla Borsa di New York hanno orientato il senso di marcia verso gli acquisti: il contratto sul Dow Jones sale dello 0,53%, mentre quello dell'S&P 500 segna un +0,60%. In una giornata priva di spunti macroeconomici è la stagione delle trimestrali a catalizzare l'attenzione degli investitori. Prima dell'opening bell sono arrivati i risultati trimestrali di General Electric che ha archiviato il primo trimestre del 2013 con utili in crescita del 16% a 3,53 miliardi di dollari, sostanzialmente invariati i ricavi che si sono attestati a 35 miliardi di dollari. Trimestrale in crescita per Honeywell. Nei primi tre mesi del 2013 gli utili sono saliti a quota 966 milioni di dollari (1,23 dollari per azione). In rialzo anche i ricavi che sono cresciuti a 9,33 miliardi. Gli analisti avevano pronosticato un utile per azione di 1,14 dollari e ricavi per 9,45 miliardi di dollari. In giornata verranno diffusi anche i numeri trimestrali di McDonald's. Ieri sera è stata la tecnologia la protagonista indiscussa dell´earning season con i conti di Microsoft, Ibm e Google. In particolare il colosso di Mountain View ha visto l'utile netto aumentare del 16% a 3,35 miliardi di dollari. Netta crescita anche dei ricavi saliti del 31% a 13,97 miliardi, mentre le entrate da pubblicità sono aumentate del 16%. Ibm ha invece deluso le attese degli analisti con una trimestrale in ribasso sia in termini di utili e ricavi. Rimanendo sempre nel settore high tech Dell non ingolosisce più Blackstone. Secondo indiscrezioni di stampa, il fondo di private equity si sarebbe tirato fuori dalla gara per conquistare Dell, dopo che solo un mese fa aveva avanzato un'offerta alternativa a quella del fondatore Michael Dell e del fondo Silver Lake. Blackstone, in una lettera spedita al comitato speciale che segue il dossier, avrebbe spiegato che la decisione è stata presa guardando le finanze di Dell e il peggioramento delle prospettive per le vendite di pc a livello mondiale.
COMMENTA LA NOTIZIA