Usa: future positivi in attesa dei sussidi. Focus sulle trimestrali

Inviato da Redazione il Gio, 18/04/2013 - 14:17
Prima della diffusione del dato sul mercato del lavoro i future sulla Borsa di New York si muovono in territorio positivo. Quando mancano meno di due ore all'avvio delle contrattazioni Oltreoceano il contratto sul Dow Jones sale dello 0,33%, mentre quello dell'indice S&P 500 che avanza dello 0,34%. +0,38% per il future sul Nasdaq100. Il tema caldo della giornata, e dell'intera settimana, rimane la stagione delle trimestrali. Prima dell'apertura sono stati comunicati i conti dei primi tre mesi del 2013 di alcuni big di Wall Street. In primo piano la trimestrale di Morgan Stanley che ha registrato utili pari a 984 milioni di dollari, 49 centesimi per azione, dato che si raffronta alla perdita di 94 milioni, 6 centesimi ad azione dell'anno passato. Escludendo le voci straordinarie l'utile per azione si attesta a 61 centesimi. Giornata di conti anche per Pepsi con profitti in flessione del 4,6% a 1,08 miliardi di dollari. Escludendo le poste straordinarie i profitti si sono attestati a 77 centesimi per azione dai precedenti 69 centesimi. In crescita dell'1,2% i ricavi che sono ammontati a 12,58 miliardi di dollari. Raffica di dati societari previsti anche dopo la chiusura, con le trimestrali di tre giganti del comparto tecnologico: Ibm, Microsoft e Google. Rimanendo sempre in tema high tech, da monitorare anche il titolo Apple. Ieri Exxon ha scalzato nuovamente il colosso di Cupertino, tornando a conquistare la prima posizione della classifica delle maggiori società al mondo per capitalizzazione di mercato. Trimestrali a parte, gli investitori guarderanno oggi con attenzione anche alle indicazioni in arrivo dal fronte economico. Intorno alle 14.30 il dipartimento del lavoro Usa comunicherà le nuove richieste settimanali di sussidi alla disoccupazione. Alle 16 in agenda il leading indicator di marzo e l'indice Philly Fed di aprile. Intanto ieri il Beige Book, il rapporto sullo stato di salute della prima economia mondiale preparato dalla Federal Reserve, ha confermato che l´economia statunitense sta crescendo a un ritmo "moderato", sostenuta soprattutto dal miglioramento del comparto immobiliare e dal buon andamento del mercato automobilistico. "Le condizioni del mercato del lavoro sono rimaste invariate o leggermente migliorate - sottolinea la Fed - e le relazioni di assunzione sono state più diffuse nel settore manifatturiero, edilizia residenziale, la tecnologia dell'informazione, e dei servizi professionali". Le pressioni sui salari sono contenute.
COMMENTA LA NOTIZIA