Usa: attesa apertura incerta a Wall Street. Fari su Apple

Inviato da Redazione il Mer, 11/09/2013 - 12:31
Dopo i recenti guadagni Wall Street potrebbe oggi prendersi una pausa di riflessione e iniziare la seduta all'insegna della debolezza. Un possibile avvio in rosso è confermato dall'andamento dei future sugli indici a stelle e strisce che si muovono in ordine sparso: il contratto sull'S&P 500 cede lo 0,04%, mentre quello sul Nasdaq cede lo 0,17%. Segno più per il future sul Dow Jones che avanza dello 0,10%. Pochissimi anche oggi gli spunti macroeconomici in agenda. Nel corso del pomeriggio verranno diffuse le scorte all'ingrosso e le vendite all'ingrosso di luglio. A livello societario da monitorare l'andamento di Apple che ieri ha presentato, come da attese, l'iPhone 5s e il 5c. Nella sessione di pre-market il titolo del gruppo di Cupertino mostra un calo di oltre il 2%. Motivo? Le perplessità maggiori degli analisti ruotano attorno al prezzo dell'iPhone 5c, il modello low cost. Un prezzo, che a detta degli esperti, rimane ancora troppo elevato per conquistare i mercati emergenti. Le tensioni in Siria rimangono in primo piano. Dopo le aperture di Damasco alla proposta russa di porre l´arsenale chimico siriano sotto il controllo internazionale, nella notte Barack Obama ha parlato alla nazione. In sintesi il presidente statunitense ha dichiarato che il piano di Mosca può scongiurare l´attacco militare, ma in gioco c´è la sicurezza Usa e gli Stati Uniti hanno il dovere di agire. Il presidente ha cercato però di prendere tempo sostenendo che la proposta russa potrebbe eliminare le armi chimiche della Siria senza dover ricorrere all'intervento militare. Di conseguenza, Obama ha chiesto al Congresso di prendere più tempo per votare la mozione sull'attacco anche se ha insistito sulla necessità di reagire contro i crimini del regime di Assad.
COMMENTA LA NOTIZIA