Rally di Wall Street trova sponda nelle stime Adp

Inviato da Redazione il Mer, 06/03/2013 - 14:41
La sponda delle stime Adp oltre le attese dovrebbe permettere oggi a Wall Street a ripartire ancora con un´intonazione positiva dopo i picchi storici toccati ieri dal Dow Jones. I futures su Dow Jones e S&P 500 hanno ampliato i guadagni (circa +0,5% per entrambi) dopo la diffusione del sondaggio Adp che ha evidenziato in febbraio una variazione degli occupati nel settore privato positiva per 198 mila unità, in rialzo dalle precedenti +215 mila unità (dato rivisto da +192mila) e meglio delle attese degli analisti che indicavano +170 mila unità. Buon viatico quindi in vista dei dati sul mercato del lavoro in agenda venerdì. Stasera riflettori puntati sulla diffusione del Beige Book della Federal Reserve. Ieri il Dow Jones ha aggiornato i propri massimi storici chiudendo a quota 14.281 punti, superando di slancio il precedente record dell´ottobre 2007 a pochi giorni dallo scoccare del quarto anniversario dall´avvio del mercato Toro che ha visto la Borsa di New York inanellare un poderoso recupero di oltre il 125% dai minimi toccati 4 anni fa. Tra i singoli titoli si segnala ancora una volta Google che ha aggiornato ancora una volta i propri massimi assoluti a 838,6 dollari e sul mercato si incomincia a scommettere sul possibile approdo a quota 1.000 dollari. Rimbalzo per Apple che a inizio ottava aveva toccato i minimi a oltre un anno scendendo sotto la soglia dei 400 mld di dollari di capitalizzazione. Tra le storie da seguire c´è sicuramente il possibile merger Verizon-Vodafone. Secondo quanto riportato da Bloomberg, il colosso tlc newyorkese starebbe lavorando per risolvere già quest'anno il suo rapporto con Vodafone Group. Sul tavolo ci sarebbero varie opzioni che vanno dalla fine della joint venture sul wireless con la società britannica a una fusione completa delle due compagnie telefoniche. C´è anche l'opzione di una vendita parziale della partecipazione da parte di Vodafone (la joint venture sul wireless è al 55% nelle mani di Verizon Communications e al 45% in quelle di Vodafone). Ieri a Wall Street il titolo Verizon è salito dell'1,23% inanellando la dodicesima seduta consecutiva in rialzo, miglior serie positiva dal lontano 1985.
COMMENTA LA NOTIZIA