Future Wall Street in rialzo: Yellen rassicura i mercati su stimoli monetari

Inviato da Redazione il Gio, 14/11/2013 - 13:20
Performance positive per i future su Wall Street all'indomani delle parole accomodanti di Janet Yellen, attuale vicepresidente della Federal Reserve e futuro governatore al posto di Ben Bernanke. Secondo le anticipazioni del discorso che si terrà nel pomeriggio italiano di fronte al Senato, Yellen sostiene che ci sarà ancora molto lavoro da fare per sostenere la crescita economica, facendo sperare agli investitore in un avvio del tapering non prima del 2014. "L'economia è diventata più forte - si legge nel discorso di Yellen - abbiamo compiuto dei buoni progressi ma abbiamo ancora tanta strada da fare per recuperare il terreno perduto durante il periodo di crisi e di recessione". Per questa ragione la "Federal Reserve sta utilizzando tutti i suoi strumenti di politica monetaria per promuovere una ripresa più robusta. Una forte ripresa in ultima analisi, consentirà alla Fed di ridurre gli stimoli monetari". Di fronte a queste dichiarazioni i future sugli indici Usa sono positivi: il contratto sul Dow Jones e quello sull'S&P 500 guadagnano rispettivamente lo 0,27% e lo 0,16%. Ad eccezione del contratto sul Nasdaq 100 che scivola dello 0,29%. A influenzare i listino tech statunitense l'andamento di Cisco che nel pre-market lascia oltre l'11% dopo il deludente dato sui ricavi del primo trimestre e il debole outlook trimestrale snocciolato ieri sera a mercato chiuso. Il gruppo ha registrato un fatturato trimestrale inferiore alle aspettative per 12,1 miliardi di dollari contro un consensus di 12,3 miliardi. Per il trimestre che verrà chiuso a gennaio Cisco prevede un Eps rettificato compreso tra 45-47 centesimi e vendite in flessione tra l'8% e il 10%, indicando ricavi tra 10,9-11,1 miliardi di dollari (consenso pari a 52 centesimi per azione e 12,6 miliardi per i ricavi). In agenda oggi i risultati finanziari di Wal Mart e Viacom, mentre a livello macro in uscita le richieste settimanali di sussidi e la bilancia commerciale di settembre.
COMMENTA LA NOTIZIA