Future Usa in moderato rialzo prima dei conti di Alcoa e dei verbali della Fed

Inviato da Redazione il Mer, 08/10/2014 - 14:37
L'apertura della stagione delle trimestrali e la pubblicazione dei verbali dell'ultima riunione del Fomc, il braccio operativo della Federal Reserve. Attorno a questi due appuntamenti ruoterà la giornata di Wall Street. E nell'attesa di avere qualche ragguaglio in più su questi due temi, i future statunitensi preferiscono adottare un atteggiamento prudente (segnano un moderato rialzo dello 0,2%), complice anche la debole chiusura messa a segno ieri dalla Borsa newyorchese e il fiacco andamento odierno dei listini europei. Stasera alle 20 ore italiane è fissato l´appuntamento con le minute della Fed che, secondo alcuni esperti, potrebbero fornire segnali interessanti sul possibile timing del primo rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve. A mercato chiuso si aprirà, invece, con i conti del terzo trimestre 2014 di Alcoa l'earning season a stelle e strisce. Domani sono attesi i risultati trimestrali di PepsiCo. Nel frattempo prima dell´apertura Monsanto ha comunicato i conti del quarto trimestre dell'esercizio fiscale 2014, archiviato con un giro d'affari in crescita a 2,63 miliardi di dollari rispetto ai 2,2 miliardi di un anno prima. Un risultato migliore rispetto alle aspettative del mercato ferme a 2,42 miliardi di dollari. E nel trimestre in esame è migliorata anche la perdita che si è attestata a 156 milioni dal rosso di 249 milioni registrato nel quarto trimestre 2013. Il mercato è rimasto tuttavia deluso di fronte alle previsioni per l'esercizio 2015: la società indica un utile per azione compreso tra 5,75 e 6 dollari, al di sotto dei 6,03 dollari indicati dal consenso Bloomberg. Queste previsioni mettono sotto pressione il titolo Monsanto che cede oltre l'1% nel pre-mercato a Wall Street. In mattinata sono arrivati anche i numeri trimestrali di Costco Wholesale. Il retailer americano ha registrato nel quarto trimestre fiscale profitti per 697 milioni di dollari (pari a 1,58 dollari per azione), in crescita del 13% rispetto ai 617 milioni (pari a 1,40 dollari per azione) dello stesso periodo dell'anno scorso. I ricavi totali sono ammontati a 35,52 miliardi di dollari, in aumento dai 32,49 miliardi di dodici mesi fa. Le vendite same store (ossia quelle nei negozi aperti da almeno un anno) nel periodo sono salite del 6%.
COMMENTA LA NOTIZIA