Future usa cauti: prevista un'apertura in rosso per Wall Street, attesa per verbali Fomc

Inviato da Redazione il Mer, 21/08/2013 - 14:04
Il Fed-day, come molti l´hanno ribattezzato per il crescente interesse che sta suscitando da giorni, è arrivato. E in attesa della pubblicazione, questa sera, delle minute del Fomc è la prudenza a prevalere. Lo confermano le performance odierne dei future sulla Borsa di New York: il contratto sul listino S&P 500 cede lo 0,22%, mentre quello sul Dow Jones perde lo 0,23%. Giù anche il future sul Nasdaq 100 che segna un -0,21%. Da una sfonda all'altra dell'Atlantico il timing del tapering, la riduzione graduale dell´entità degli acquisti di asset, rimane sempre in primo piano. Stando all'ultimo sondaggio condotto da Bloomberg News il 65% degli economisti interpellati si attende un possibile ridimensionamento degli acquisti mensili pari a 85 miliardi di dollari già a partire dal mese di settembre. E il primo meeting in calendario della banca centrale americana è il prossimo 18 settembre. Quanto ai verbali del Fomc di stasera secondo gli esperti dell'ufficio studi di Intesa Sanpaolo "il rischio è che all´interno della Fed possa aver prevalso ancora un atteggiamento di cautela in merito al timing della riduzione del programma di acquisti". Il calendario macro odierno prevede il dato sulle vendite di case esistenti di luglio, mentre dal lato societario oggi verranno comunicati i risultati trimestrali di Hewlett-Packard (Hp). Secondo le stime elaborate dagli analisti interpellati da FactSet il big californiano dei pc dovrebbe chiudere il terzo trimestre dell'esercizio fiscale con profitti pari a 86 centesimi di dollaro su un giro d'affari di 27,3 miliardi di dollari. Prima dell'opening bell sono stati già diffusi i conti di Staples, Lowe's, Toll Brothers e J.M. Smucker. Secondo quanto riportato dalla stampa estera, un errore al sistema informatico di Goldman Sachs avrebbe causato in avvio di seduta ieri ordini di acquisto e vendita di opzioni sui titoli, immettendoli alla Borsa di New York e causando alterazioni di prezzi. Stando ad una prima ricostruzione, l'incidente informatico non dovrebbe tradursi in perdite significative per il colosso bancario americano. Al momento il Nyse starebbe rivedendo una serie di transazioni eseguite nella seduta di ieri per errore e potrebbe decidere di annullarle.
COMMENTA LA NOTIZIA