Nessuna paura dell´inflazione: ecco perchè rimarrà bassa ancora a lungo

Inviato da Redazione il Gio, 24/04/2014 - 10:17
Nessuna paura dell´inflazione: ecco perchè rimarrà bassa ancora a lungo I dati sull´inflazione da tutto il mondo continuano a mostrare un lentissimo rialzo nei prezzi al consumo. Prevedere dove potrà andare l´inflazione da qui ai prossimi mesi è impossibile, ma in generale il team multi asset di M&G Investments crede sia corretto non preoccuparsi per l´inflazione nel futuro immediato. Tuttavia, si fa fatica a capire i reali motivi dietro a questa bassa inflazione. Di conseguenza, i mercati continuano a esserne sorpresi, e questo potrebbe avere conseguenze importanti nelle decisioni degli investitori. Di seguito il commento e la visione degli esperti. I modelli di inflazione sono ancora affidabili? I recenti dati sull´inflazione confermano un aumento relativamente lento dei prezzi al consumo. I dati annuali degli Indici armonizzati dei prezzi al consumo in Europa (HICP) sono risultati sempre sotto la soglia dell´1% per il quarto trimestre consecutivo. Come dovremo interpretare questi numeri, e come può l´inflazione influenzare le nostre decisioni di investimento? In generale, si pensa che nel lungo periodo ci sia un forte legame tra tasso di crescita della moneta circolante e l´inflazione. Negli ultimi anni, molti si sono chiesti come perchè le inondazioni di liquidità immessa nel mondo dal 2008 non abbiano alimentato l´inflazione sia core che underlying. Invece, finora, l´inflazione è stato un timore mai concretizzatosi, per cui molti osservatori di mercato si sono chiesti: ho il modello di riferimento giusto? Siamo convinti che la maggior parte dei modelli di inflazione non stiano funzionando e non abbiano funzionato per molto tempo. Ad esempio, affermazioni come ´l´aumento dei prezzi dei carburanti causerà inflazione´ o ´stampare moneta creerà inflazione´ non si sono concretizzate, anche se molti sono ancora convinti che l´inflazione apparirà in qualche modo sulla scia degli stimoli alla crescita. Forse è necessario ripensare alle proprie convinzioni sui meccanismi di causa/effetto dell´inflazione. La crescita può non portare inflazione Molti pensano che un´inflazione bassa sia semplicemente l´effetto di un´economia globale al di sotto della media per quanto riguarda, in particolare, la domanda. In altre parole, se i consumatori non hanno soldi per comprare cose, i prezzi rimarranno bassi. L´implicazione, allora, è che se la domanda viene stimolata, otterremo crescita e, quindi, inflazione. Da un punto di vista teorico, ci sono tutti gli ingredienti per un rialzo inflattivo: stimoli monetari, bassi tassi di interesse, base monetaria aumentata e rialzi dei prezzi di carburanti e generi alimentari. Tuttavia, nonostante il miglioramento della crescita che stiamo già osservando in molti Paesi, i livelli di inflazione rimangono ostinatamente bassi. Una delle ragioni dietro questo meccanismo ´rotto´ potrebbe essere che la crisi vissuta nel 2008 ha avuto un impatto più vasto sulla nostra società rispetto a quanto abbiamo pensato inizialmente. Le banche hanno usato la liquidità in eccesso loro fornita per ristrutturare i bilanci, e non per prestare di più. In modo simile , le società hanno usato il debito emesso a rendimenti molto bassi per pagare i dividendi e riacquistare azioni piuttosto che per aumentare gli investimenti o fare acquisizioni. Anche gli individui hanno utilizzato i risparmi in più (quando disponibili) per ridurre il loro indebitamento, piuttosto che per fare più acquisti. Inoltre, nelle economie sviluppate rimane una considerevole ´capacità in eccesso´. La capacità in eccesso descrive una situazione in cui la produzione reale è minore di quanto potrebbe essere ottenuto. Questo spesso significa che la domanda sul mercato è al di sotto di ciò che potenzialmente potrebbe essere fornito. In questo contesto, l´inflazione dei prezzi sarà probabilmente più bassa del livello che ci aspetteremo nei periodi in cui un´economia sta operando alla sua piena o quasi capacità produttiva. Se i produttori aumentano l´offerta, cioè potenziano la loro produzione, possiamo vedere crescita economica, ma potremo anche vedere una pressione al ribasso dei prezzi. Quindi, la stessa causa di una crescita più forte causerebbe un´inflazione più bassa - un aumento nell´offerta. La globalizzazione e le nuove tecnologie Due importanti aspetti che, secondo noi, hanno un impatto importante sia sull´offerta e sull´inflazione sono la globalizzazione dell´economia e i progressi della tecnologia che abbiamo sperimentato negli ultimi vent´anni. La combinazione di questi due fattori ha un effetto importante sui prezzi. Prima di tutto, un´economia più globalizzata implica che aziende e privati siano capaci di ottenere beni da tutto il mondo al prezzo più basso possibile. L´apertura delle frontiere riduce il problema della scarsità dei beni e tiene i prezzi bassi. Pensate alle fragole a dicembre: per i nostri nonni sarebbe stato un lusso incredibile, mentre per noi è cosa comune. L´altro importante cambiamento è legato agli avanzamenti tecnologici e al ruolo che hanno nella nostra quotidianità. I motori di ricerca sul web rendono estremamente facile comparare prezzi e rintracciare i beni più a buon prezzo, e questo rende più difficile aumentare i prezzi. Gli acquisti online, ad esempio, stanno diventando sempre più diffusi le persone hanno accesso a un maggior numero di informazioni. Pensate alla prenotazione di un hotel per la vostra prossima vacanza: la possibilità di comparare location, prezzi e recensioni sulla qualità è così importante che è quasi impossibile per qualsiasi hotel nella stessa location applicare prezzi più alti senza che sia notato. Una conseguenza di questa migliore trasparenza dei prezzi e disponibilità di prodotti è che i prezzi sono più ´amovibili´ ed è più difficile per i venditori alzarli. Nuove dinamiche inflattive I grandi cambiamenti che la società ha vissuto negli ultimi decenni - e soprattutto dopo la crisi del credito - sono così profondi che stanno rimodellando il modo in cui funzionano le dinamiche economiche. La bassa inflazione, unita alla modesta ripresa economica constatata finora, lasciano spazio per le banche centrali per rimanere più attive nel sostenere l´espansione dell´economia. Di conseguenza, capire i fattori che potrebbero impattare sull´inflazione è un´importante parte del processo di decisione di investimento. Il genere di politica monetaria ammorbidita che abbiamo visto negli ultimi anni è una soluzione dalla parte della domanda - inietta liquidità con l´obiettivo di aumentare la domanda aggregata e poi stimolare la crescita, ma finora è sembrato essere solo in parte un successo. La crescita non ha avuto un ruolo decisivo nel trainare l´inflazione come ci saremo aspettati prima della crisi finanziaria. È possibile che siano azioni fatte sul lato dell´offerta, piuttosto che su quello della domanda, a stimolare in definitiva la crescita. La nostra view è che, come abbiamo visto, l´economia globale è sempre più competitiva a causa della tecnologia e della diffusione dell´ideologia del libero mercato; inoltre, molti più Paesi stanno facendo riforme e deregolamentazione. Questi fattori insieme, aggiungono pressione alla capacità di esistere dell´inflazione sui prezzi. In questo senso, crediamo che la crescita possa spingere l´inflazione anche più in basso. Questo può significare che probabilmente non avremo bisogno di temere l´inflazione per un bel po´ - e questo potrebbe sorprendere molti.
COMMENTA LA NOTIZIA