La liquidità supporta i mercati

Inviato da Redazione il Lun, 28/10/2013 - 11:34
La liquidità supporta i mercati Di seguito pubblichiamo una estratto del report settimanale di Ellipsis Am di Exane. Gli analisti di Ellipsis non vedono all'orizzonte nubi e mantengono un'impostazione di mercato risk on. L´accordo politico a cui si è giunti negli Stati Uniti ha permesso al governo di riprendere il suo corso normalmente, finanziato attraverso una «continuing resolution» fino al 15 gennaio, e di innalzare il tetto del debito fino al 7 febbraio. La nostra decisione, di 2 settimane fa, di tornare ad avere una posizione «risk-on» si è, quindi, rivelata vincente. L´orizzonte appare privo di nubi che avrebbero potuto giustificare un premio per il rischio elevato. In tale contesto le politiche monetarie espansioniste implementate congiuntamente dalle banche centrali dei paesi sviluppati avranno un´influenza significativa sulla valorizzazione degli asset. Al riguardo va evidenziato che nelle ultime settimane, grazie all´abbondante liquidità presente, sia gli asset rischiosi che quelli difensivi hanno registrato un trend rialzista. Sebbene l´orizzonte appaia attualmente privo di rischi significativi, è opportuno interrogarsi sui driver che permetterebbero al rimbalzo di continuare. Sembra che il recente rialzo delle azioni europee sia principalmente riconducibile ad un effetto valorizzazione, derivante dalla diminuzione del rischio paese. Questo rialzo potrebbe arrestarsi se il miglioramento del contesto economico non determinerà un rialzo dei profitti societari. Tuttavia non è possibile prevedere nè l´ampiezza di questo trend nè l´evento catalizzatore che potrebbe porvi fine. Il nostro posizionamento rimane dunque favorevole al rischio, ma con un occhio vigile all´evoluzione degli sviluppi politici in Europa e negli Stati Uniti e delle politiche monetarie. La contrazione dei dati economici rinvia il probabile orizzonte del "tapering" Sebbene i leading indicators restino favorevoli, tali dati evidenziano una pausa nella maggior parte delle aree geografiche (vedere il grafico alla pagina successiva). E gli ultimi dati sull´occupazione americana e sul PMI sia in America che in Europa testimoniano tale situazione. Nel breve termine, il propagarsi degli effetti dello shutdown e l´effetto negativo del rialzo dell´euro non dovrebbero favorire un rimbalzo immediato di tali dati. Questa situazione crea delle aspettative rassicuranti portando a marzo il probabile inizio del tapering. Quali decisioni di asset allocation in questo contesto? Dai nostri indicatori quantitativi deriva che: • il posizionamento globale nei confronti del rischio è positivo • la preferenza torna sul credito, invertendo il leggero ribilanciamento a favore delle azioni delle ultime settimane • la duration aumenta e supera il livello di neutralità (benchmark) Manteniamo quindi il nostro posizionamento nei confronti del rischio in modalità «risk-on», con una sovra-ponderazione degli asset rischiosi, ed in particolare sul credito e asset a duration elevata.
COMMENTA LA NOTIZIA