Investire nel 2014 solo dopo aver letto il libretto delle istruzioni

Inviato da Redazione il Mar, 07/01/2014 - 11:16
Investire nel 2014 solo dopo aver letto il libretto delle istruzioni Di seguito pubblichiamo il Punto Mensile di Michele De Michelis, responsabile degli investimenti di Frame Asset Management. Nel suo commento l´esperto della società indipendente specializzata in gestioni patrimoniali e advisory su fondi Absolute Return aggiorna la sua asset allocation per il nuovo anno. Dopo il brillante 2013 dei risky asset, nel 2014 a detta di De Michelis bisognerà cercare la stabilità del portafoglio nella decorrelazione delle sue componenti piuttosto che nella stabilità del singolo prodotto che lo compone. In quest´ottica, invece che strutturare il classico portafoglio con il 60% investito in obbligazioni e il 40% in azioni, De Michelis suggerisce di sostituire parte della componente obbligazionaria con fondi credit long short che possono sfruttare posizioni "corte" sui tassi. Quando penso al 2013 credo che probabilmente molti miei colleghi sarebbero contenti di trovarsi al mio posto in questo momento, essendo stato un ottimo anno sia dal punto di vista delle chiamate (previsioni) che da quello dei risultati (conseguenti alle previsioni). In generale dunque - per quanto si possa dire che il 2013 sia stato un ottimo anno per i risky asset - tuttavia non sono poi così convinto che i portafogli degli investitori comuni siano andati altrettanto bene e abbiano approfittato di questa splendida annata. Ricordo ancora infatti le discussioni di fine 2012 con molti colleghi che erano stracarichi di obbligazioni di mercati emergenti (quelle che più hanno sofferto nella seconda parte dell´anno di fronte alla parola tapering, una delle più cliccate nel 2013). Per tale motivo, prima di addentrarmi alla ricerca di una possibile lettura per il 2014, mi piacerebbe condividere con i lettori una sorta di protocollo di comportamento per l´anno nuovo. Ora, partendo dal presupposto che anche per il 2014 non ho grandi aspettative sul mercato obbligazionario (e che per quanto riguarda il mercato azionario le possibilità di assistere ad una correzione sono chiaramente aumentate), bisognerà cercare la stabilità del portafoglio nella decorrelazione delle sue componenti piuttosto che nella stabilità del singolo prodotto che lo compone. Ipotizzando quindi un portafoglio bilanciato con un approccio al rischio medio ( che vuol dire poter sopportare un calo del portafoglio del 10%) invece di fare un classico 60% obbligazionario governativo e 40% equity, andrei a sostituire parte della componente obbligazionaria con fondi credit long short , che possono prendere posizioni "corte" sui tassi e sfruttare eventuali movimenti di rialzo della curva oltre che eventuali differenziali di tassi tra i vari emittenti e relativi movimenti. Per quanto riguarda i governativi, insisterei sui TIPS, in quanto il rischio lo si copre quando la call è praticamente regalata (come in questo momento) e per assicurarmi un po' di rendimento investirei sul debito frontier che paga cedole intorno al 10-11%, ma con l´accortezza di affidarsi sempre a dei bravi specialisti. Per quanto riguarda l'equity, non credo sia finito qui il movimento della borsa giapponese, ritengo che vedremo ancora volatilità ( anche per i rapidi movimenti dello yen), mentre la borsa americana adesso deve necessariamente ricevere conferme dalla crescita reale dell'economia, che forse ( e sottolineo forse) potrebbe stupire in positivo e quindi dare un senso di oggettività allo spettacolare rally dello S&P 500 dello scorso anno, che ha anticipato una crescita superiore al 3 % per il 2014. Qualora invece assistessimo ad una crescita a stelle e strisce sotto la media storica, potremmo tranquillamente ipotizzare un aggiustamento dei parametri borsistici, visto che ultimamente la borsa è salita più per espansione dei multipli che per crescita degli utili. In Europa invece la musica cambia e l´investimento nelle borse deve necessariamente essere sottoposto ad una condizione preliminare. Essendo il Vecchio Continente ancora troppo legato alle decisioni politiche (e per tale ragione, quindi, sottovalutato), sarebbe da comprare solo se gli europei ( compresi i tedeschi) si mettessero a remare tutti nella stessa direzione, stile Usa. E´ invece da considerare sopravvalutato nel caso avvenisse il contrario, ovvero qualora i policymakers ragionassero pensando solo ed esclusivamente alle proprie necessità nazionali. Rimane infine fondamentale il patto con l'investitore, ovvero la consapevolezza che - qualora si verificassero dei ribassi del 15-20% - questi andrebbero sfruttati per comprare, passando magari da un 40 ad un 60% di esposizione equity, così come eventuali rialzi del 10-15% nella prima parte dell'anno dovrebbero essere usati per vendere un 20% e mettersi cash aspettando la correzione. Allo stesso modo, se i TBond americani raggiungessero il 4% e quelli tedeschi il 3% di rendimento, potremmo pensare di metterne un po´ in portafoglio. Per eventuali operazioni di hedging, consiglio di tenere un buon 15% di esposizione in dollari ( da comprare in area 1.37-1.38) da scaricare in area 1.28 e per i più temerari, anche detenere un 5-10% di oro ( da comprare in area 1200 dollari), potrebbe essere una buona idea. Certo, chiunque potrebbe obiettare che per poter generare inflazione quel che manca è la velocità di trasmissione della moneta - a causa dalle eccessive pressioni deflazionistiche mondiali - e che la domanda sull'oro potrebbe esaurirsi in qualunque momento, ma la storia ci insegna che ad un certo punto avviene qualcosa che cambia le carte in tavola. Per questo motivo credo sia opportuno dotarsi di un portafoglio che possa reggere su svariati scenari di mercato e che sia corredato di un buon " libretto delle istruzioni". In questo modo dovremmo essere in grado di intervenire razionalmente di fronte a repentini cambi del sentiment di mercato, augurandoci sempre che non ci attraversi la strada una pluralità di cigni neri.
COMMENTA LA NOTIZIA